I mercati della produzione ibrida: opportunità per la produzione additiva e le aziende a controllo numerico rapporto di SmarTech

Produzione ibrida: opportunità per la produzione additiva e le aziende CNC

” I mercati della produzione ibrida: opportunità per la produzione additiva e le aziende a controllo numerico “, un nuovo rapporto di SmarTech Analysis, analizza il mercato dei sistemi di produzione ibrida, che combinano AM e produzione sottrattiva su un’unica piattaforma. Le macchine ibride sono in genere macchine di grande formato che utilizzano processi additivi ad alto volume come DED e WAAM. Ma ci sono anche ibridi PBF e persino FDM.

Questo nuovo rapporto SmarTech mostra come il mercato delle macchine ibride sia guidato dalla loro multifunzionalità e dalla loro promessa di convenienza economica. Gli ibridi possono consentire la riparazione di parti, la lavorazione di materiali difficili da tagliare e di elevata durezza, oltre a fornire funzionalità di post-elaborazione. Alcuni ibridi possono anche stampare più materiali in una build. Per quanto riguarda il rapporto costo-efficacia, vi sono potenziali risparmi sui costi hardware e miglioramenti dei costi operativi grazie alla minore necessità di spostare la parte nel processo.

Nel rapporto SmarTech stima che le stampanti ibride genereranno $ 155 milioni nelle vendite nel 2019, crescendo a $ 424 milioni entro il 2025. I materiali (principalmente metalli) consumati dalle macchine ibride raggiungeranno i $ 24 milioni nel 2019. Entro il 2025, l’uso di materiali da parte degli ibridi sarà cresciuto a oltre $ 240 milioni.

“Riteniamo che il settore manifatturiero ibrido sia un’opportunità considerevole non solo per le aziende che producono grandi macchine AM, ma anche per le aziende la cui casa è nello spazio CNC”, afferma Lawrence Gasman, Presidente di SmarTech Analysis e autore del rapporto. “Le nostre stime di mercato sembrano confermare questa convinzione. Il mercato AM continua a crescere più rapidamente del business CNC, quindi è un’opportunità interessante per le aziende di macchine utensili ”, continua Gasman.

Mazak INTEGREX i-400 AM combina una lavorazione a cinque assi con un rivestimento laser.

Tra le aziende con radici nel CNC che sono entrate nel business ibrido ci sono Diversified Machine Systems, DMG Mori, ELB-Schliff, Hermle, Ibarmia, Mazak, Mitsui Seiki, Okuma e WFL Millturn. Le attività ibride di tutte queste aziende sono profilate nello studio SmarTech insieme a profili di aziende AM di lunga data che ora offrono ibridi, come GE Additive, Matsuura, Optomec, OR Laser e Trumpf.

Il rapporto rileva inoltre che la produzione ibrida è dominata dalle applicazioni aerospaziali. Ad esempio, secondo i rapporti della stampa, GE prevede di utilizzare la produzione ibrida per la produzione di 25.000 ugelli per motori LEAP. Tuttavia, l’ibrido si sta spostando in altre aree, tra cui il settore automobilistico, petrolifero e del gas, l’edilizia e persino i settori medico e dentistico. Nel settore petrolifero e del gas, ad esempio, le tecnologie ibride potrebbero servire a fornire una produzione efficiente su richiesta in località remote, come piattaforme di estrazione di petrolio e gas a base oceanica. Secondo l’organizzazione PMI, circa il 6 percento di tutta la stampa medica 3D utilizza già macchine ibride e il rapporto SmarTech fornisce alcuni esempi di dove ciò sta già accadendo.

Naturalmente, come sottolinea SmarTech nel suo rapporto, la produzione ibrida non è per tutti e ci sono limiti al mercato manifatturiero ibrido. Ad esempio, alcuni potenziali utenti sono scoraggiati dal fatto che la caratteristica additiva e sottrattiva delle macchine ibride non funziona contemporaneamente, che alcuni considerano un’importante inefficienza. Altri detrattori sottolineano la necessità di una formazione speciale per gli operatori di macchine ibride.

Be the first to comment on "I mercati della produzione ibrida: opportunità per la produzione additiva e le aziende a controllo numerico rapporto di SmarTech"

Leave a comment