I MANUFATTI STORICI COMEIL BUSTO DI NEFERTITI E IL PROBLEMA DEL COPYRIGHT

I manufatti storici sono stati resi accessibili in tutto il mondo grazie alla scansione 3D e alla produzione additiva. Iniziative come scansione del Mondo , e il Google Arti e della Cultura ‘s progetto Open Patrimonio cercano di conservare digitalmente punti di riferimento culturali che possono poi essere riprodotti utilizzando la stampa 3D .

Tuttavia, alcune istituzioni hanno rivendicato il diritto d’autore su file 3D di manufatti appartenenti alle loro collezioni. Il Museo Neus di Berlino e il Museo Egizio e la Collezione Papiro erano un’istituzione per farlo con i suoi file stampabili in 3D dell’illustre Busto di Nefertiti di 3364 anni .

Nonostante la disponibilità del file stampabile 3D su Scan the World dal 2014, molti nella comunità di scansione e patrimonio 3D hanno cercato di rendere pubblici i dati detenuti dal Neus Museum. Così, uno sforzo di tre anni di libertà di informazione, guidato dall’artista multimediale Cosmo Wenman , è stato promulgato per rilasciare i file stampabili ufficiali in 3D dal sorvegliante del museo, la Prussian Cultural Heritage Foundation (SPK).

Wenman ha spiegato in un articolo di Reason : “Il manufatto originale è chiaramente di dominio pubblico. E il copyright si lega alle opere originali ; il copyright di una copia non ha senso. Soprattutto se l’originale è di dominio pubblico. Ho messo la scansione Nefertiti di SPK online, esattamente come l’ho ricevuta, secondo i termini della licenza Creative Commons . “

I dati di scansione 3D del Busto di Nefertiti sono stati richiesti nel 2016 dopo che la speculazione è nata da un modello 3D dal progetto ” The Other Nefertiti “. Ciò sosteneva che gli artisti Nora al-Badri e Jan Nikolai Nelles raccogliessero di nascosto i dati all’interno del Neus Museum con dispositivi portatili. Tuttavia, secondo il New York Times , dopo che questo progetto ha attirato più attenzione, gli esperti di scansione 3D hanno concluso che i file sono emersi da “altri mezzi” grazie alla sua alta qualità.

Essendo uno degli esperti scettici sulle origini delle scansioni 3D, Wenman ha richiesto i file al Museo Egizio e alla Collezione Papyrus, citando le leggi tedesche sulla libertà di informazione. Ciò garantisce a tutti il ​​diritto incondizionato di accedere alle informazioni ufficiali delle agenzie federali.

“Quando [l’SPK] ha ricevuto la mia richiesta di documenti, ha riconosciuto l’esistenza della scansione di Nefertiti e ha riconosciuto che l’organizzazione era tenuta per legge a consentirmi di accedervi”, ha continuato Wenman.

“Ma ha anche dichiarato che darmi direttamente copie dei dati di scansione avrebbe minacciato i suoi interessi commerciali. Il Museo Egizio vende repliche di Nefertiti nel suo negozio di articoli da regalo e implicava che doveva proteggere quelle entrate per finanziare i suoi sforzi di digitalizzazione in corso. “

Nel corso del tempo, è stata presentata un’altra richiesta di libertà di informazione per le registrazioni delle entrate derivanti dalle vendite di repliche di qualsiasi manufatto, incluso il Busto di Nefertiti, derivato dalle sue scansioni. U pon ulteriore interrogatorio, il modello 3D di Nefertiti dal SPK è stato rilasciato con un “ CC BY-NC-SA ” licenza posto alla base. Ciò costringe gli utenti a citare la fonte del materiale e utilizzarlo “solo a scopo informativo, non per uso commerciale”.

“Non è chiaro quali elementi della loro copia digitale del Busto di Nefertiti SPK immaginino che abbia un copyright”, ha aggiunto Wenman. “Ha un effetto agghiacciante sull’uso legittimo da parte del pubblico di opere di dominio pubblico e crea paradossi nell’esecuzione”.

Be the first to comment on "I MANUFATTI STORICI COMEIL BUSTO DI NEFERTITI E IL PROBLEMA DEL COPYRIGHT"

Leave a comment