I Giapponesi e l’Hobby di stamparsi in 3d le barche radiocomandate

La tendenza a creare barche telecomandate e accessori stampati in 3D sta decollando in Giappone e anche se molte barche sono disponibili in kit, molti appassionati creano da zero i propri modellini con la modellazione 3d e la stampa 3d.

Ma curiosamente i rimorchiatori e le barche antincendio sono diventati i modelli più famosi nel blog giapponese della stampa 3d Mayoneko. I modellini spesso sono creati da zero utilizzando una fotografia.

Mentre molti trovano gioia nell’atto puro della creazione di una barca che si muove da A a B, alcuni appassionati vogliono creare dei modellini in scala perfetti ( con qualche problema di copywright tra l’altro). Inoltre, alcuni appassionati amano testare le loro barche in condizioni difficili e poi modificarle in base al loro collaudo.
Tra i costruttori di barche stampate in 3D di talento c’è l’ingegnere giapponese K. Morizou.
L’amore di Morizou per l’elettronica e le barche lo ha naturalmente portato a diventare un appassionato di barche telecomandate e grazie alla sua passione e alla sua vasta collezione, i nipoti e i loro amici arrivano e si uniscono al divertimento quando Morozou si dirige verso il laghetto.

Tra tutte le imbarcazioni create da Morizou, due sono molto dettagliate e sono stati modellate la Pilots il rimorchiatore ridimensionato dal formato originale di 30 metri. e la Patrol la nave antincendio.

Partendo da un disegno e dalle fotografie , Morozou ha ricreato le barche con la modellazione 3D per generare un file stampabile in scala 1/76 – e alla fine ha portato le due barche a stampare e sono risultate circa 4,65 pollici ciascuna. Inoltre, Morizou ha stampato le pale dell’elica per ogni barca per testarle per condizioni diverse.

Entrambe le barche stampate utilizzano lo stesso corpo, uno è stato usato nella barca antincendio Patrol la quale include componenti aggiuntivi che comprendono un cannone ad acqua funzionante in grado di spruzzare acqua fino a 3 metri, un radar, una zattera di salvataggio e una antenna.

Le specifiche per la Patrol di Morizou sono una lunghezza di 105 mm, un peso di 119 grammi e viene alimentata da una batteria 3.7v350mA e un ricevitore a 6 canali DSM 2 che gli è costato circa 5 dollari.

Naturalmente, non è possibile controllare più barche telecomandate con una persona sola, Così Morizou ha preso una piccola parte della sua collezione di barche le ha portate allo stagno e ha lasciato i bambini del vicinato a giocare con loro nella sua città natale di Tsujido, in Giappone. Mentre Morizou gioca con la sua barca Fuoco Patrol, gli altri appassionati di barche stampate in 3d hanno scelto altre barche a disposizione.

A Mayoneko, alcuni dei bambini gli hanno chiesto “perché lo fai ?”

La sua risposta è sempre ” perché è divertente”.

 

Be the first to comment on "I Giapponesi e l’Hobby di stamparsi in 3d le barche radiocomandate"

Leave a comment