I-Form vince premio per la progettazione e la stampa 3D di un reattore monouso stampato in 3D

Un team del centro di ricerca manifatturiera avanzato I-Form ha ottenuto il primo premio in una competizione globale per la stampa 3D industriale. Il team – composto da ricercatori basati su UCD in I-Form, il Centro di ricerca SFI per la produzione avanzata – ha ottenuto un premio del valore di 10.000 USD per la progettazione e la stampa 3D di un reattore monouso stampato in 3D. Il reattore polimerico può essere utilizzato per miscelare in modo controllabile precursori chimici utilizzati nella fabbricazione di agenti farmaceutici.

L’obiettivo del concorso era di progettare e stampare un reattore monouso stampato in 3D per effettuare reazioni chimiche. Mentre i materiali si muovono attraverso il reattore, si mescolano e reagiscono per formare gli intermedi farmaceutici o il prodotto. La parte è nota come un reattore a flusso continuo. Questo tipo di reattore si sta diffondendo nel settore manifatturiero farmaceutico, poiché consente di produrre continuamente il prodotto, in condizioni più aggressive, con un migliore controllo su riscaldamento, raffreddamento e migliore miscelazione, consentendo di condurre reazioni molto più veloci. Ciò può consentire una drastica riduzione delle dimensioni e dei costi dell’impianto, con tassi di produzione equivalenti.

Il concorso era gestito da INTAMSYS, un produttore di sistemi di stampa 3D industriali con sede a Shanghai. Il team irlandese si è aggiudicato un premio del valore di USD 10.000 – consistente in USD2.000, una stampante 3D INTAMSYS e diversi chili di filamenti da stampare con l’apparecchiatura. Il premio è stato consegnato al team irlandese alla conferenza di produzione additiva Formnext a Francoforte il 14 novembre.

La competizione ha sfidato i partecipanti a mostrare esempi di stampa 3D (nota anche come produzione additiva) in maschere e attrezzature, con l’obiettivo di ottenere risparmi in termini di costi e di lead-time nella produzione.

L’opera vincente è stata una collaborazione interdisciplinare di un team di ingegneri con sede presso l’University College di Dublino: il reattore è stato stampato in 3D dalla dott.ssa Sarah Brady di I-Form, sotto la supervisione del direttore del centro I-Form Prof. Denis Dowling. Il reattore è stato progettato dal dott. Matthew Harding e dal dott. Steven Ferguson in UCD Chemical and Bioprocess Engineering, che lo stanno valutando per l’uso nella sintesi chimica intensificata dei farmaci.

Un vantaggio dell’utilizzo della stampa 3D per la fabbricazione di reattori di flusso è la flessibilità progettuale. In questo esempio, la camera di miscelazione all’interno del reattore può essere progettata specificamente per abbinare le caratteristiche di una data miscela di reazione, consentendo di stampare il reattore ottimale su richiesta, ad una frazione del costo delle tecniche di fabbricazione tradizionali. Il reattore a flusso continuo è stato stampato in 3D utilizzando un Intimsys Funmat HT con materiale PEEK.

“Sono lieto di vedere la creatività e l’esperienza dei ricercatori irlandesi che lavorano nella produzione avanzata essere riconosciuti in questa competizione internazionale”, ha affermato il Prof. Dowling, direttore del centro I-Form. “La produzione additiva (stampa 3D) apre un mondo di possibilità per i processi industriali. In I-Form lavoriamo a stretto contatto con l’industria per promuovere la progettazione a basso costo ea basso rischio di nuovi .

Be the first to comment on "I-Form vince premio per la progettazione e la stampa 3D di un reattore monouso stampato in 3D"

Leave a comment