I Droni usati per disinfettare gli spazi pubblici in aree con casi confermati, come ospedali e aree metropolitane

Droni vs. Covid-19: Garantire la sicurezza dello spazio aereo con AI

La pandemia di Covid-19 ha dimostrato che sono necessarie misure drastiche per ridurre la velocità di trasmissione ed evitare di schiacciare i nostri sistemi sanitari. Alcune delle misure più innovative includono l’uso di stampanti 3D per produrre schermi facciali e ventilatori e l’ impiego di robot ospedalieri per il trasporto di attrezzature e la protezione di medici e infermieri dal virus.

In tutto il mondo, anche i droni svolgono un ruolo importante nella lotta contro Covid-19. In India, il governo del Karnataka sta usando i droni per disinfettare gli spazi pubblici in aree con casi confermati, come ospedali e aree metropolitane. Stanno schierando 300 droni in tutto lo stato per spruzzare una soluzione disinfettante approvata dall’Organizzazione mondiale della sanità. Le autorità di Francia, Italia e Spagna stanno anche utilizzando i droni per monitorare il distanziamento sociale e applicare restrizioni sui coronavirus con gli altoparlanti.

In Ghana, una società di logistica sta utilizzando i droni per consegnare i kit di test Covid-19, radendo ore e persino giorni liberi dal tempo necessario per eseguire test per i residenti rurali e trasportarli nei laboratori urbani. Con quasi 70.000 test condotti finora, il Ghana ha uno dei più alti tassi di test in Africa.

È evidente che l’erogazione di droni, misure igieniche e misure di attuazione possono consentire una risposta più rapida alla pandemia e aiutare a salvare vite umane. Quindi perché non stiamo assistendo a simili misure diffuse negli Stati Uniti? La sfida che molte aziende, organizzazioni non profit e autorità locali devono affrontare è l’approvazione normativa.

Oggi, le regole della Parte 107 dell’Amministrazione Federale dell’Aviazione per i sistemi aerei senza equipaggio includono volare sotto i 400 piedi di altitudine all’interno della linea visiva durante le ore diurne. La FAA consente l’ autorizzazione dello spazio aereo quasi in tempo reale per i voli conformi a queste regole, ma è richiesta una deroga alla Parte 107 per far funzionare i droni di notte, sopra le persone o al di là della visuale visiva. Queste operazioni avanzate sono spesso fondamentali per le missioni che possono aiutare a combattere Covid-19.

Nella lotta per la salute del nostro pubblico, la solidarietà oggi per un domani inclusivo
Quasi 4.000 esenzioni sono state concesse per le operazioni avanzate con i droni da quando le regole della Parte 107 sono state implementate nel 2016, ma meno di 200 sono state autorizzate per i voli sopra le persone o al di là della visuale. Perché? Le autorità di regolamentazione necessitano di maggiori garanzie sulla sicurezza del nostro spazio aereo. Comprensibilmente, gli operatori commerciali di droni devono dimostrare di essere attrezzati per ridurre al minimo i rischi nello spazio aereo e gestire circostanze impreviste prima di ricevere una deroga. Ma è più facile a dirsi che a farsi.

I servizi di traffico aereo non sono forniti nello spazio aereo a bassa quota, quindi gli operatori devono essere attrezzati per pianificare, eseguire e adattare i propri voli in caso di cambiamenti nello spazio aereo. Ciò richiede agli operatori di monitorare costantemente le dinamiche normative (ad es. Restrizioni di volo temporanee) e le condizioni locali, come i mutamenti meteorologici, i rischi a terra e gli oggetti temporanei (ad es. Gru edili).

Gli operatori di droni sono inoltre tenuti a monitorare il traffico nello spazio aereo per mantenere la separazione da altri velivoli, inclusi droni, elicotteri e aerei. Ci si aspetta inoltre che proteggano i loro droni da malfunzionamenti hardware o minacce informatiche che potrebbero mettere in pericolo la sicurezza pubblica. Ciò richiede agli operatori di monitorare periodicamente lo stato del proprio veicolo e rilevare eventuali attività dannose.

La lunga lista di responsabilità per gli operatori di droni può sembrare scoraggiante. Semplicemente non è possibile eseguire in sicurezza missioni di droni avanzate su vasta scala senza un certo livello di autonomia, e ciò richiede intelligenza artificiale.

L’intelligenza artificiale è la chiave per analizzare dati cruciali, come previsioni meteorologiche, rischi a terra e prestazioni dei veicoli; selezionando i droni giusti per ogni missione; generare le rotte di volo più sicure; e adattando autonomamente i voli al variare delle condizioni. Addestrato per riconoscere oggetti pericolosi, l’IA è anche fondamentale per rilevare ed evitare altri aeromobili e ostacoli che possono rappresentare un pericolo per i voli senza pilota.

Per quanto riguarda la sicurezza degli aeromobili, la tecnologia AI può analizzare i dati dei sensori in una flotta di droni e prevedere le esigenze di manutenzione prima che si verifichi un guasto. E dal punto di vista della sicurezza, l’IA può proteggere i droni da attacchi zero-day mai visti prima che l’antimalware tradizionale non è in grado di rilevare.

In definitiva, l’intelligenza artificiale può aiutare a colmare le lacune nei sistemi di spazio aereo di oggi minimizzando l’onere per gli operatori di droni. Un approccio basato sull’intelligenza artificiale può anche aiutare a fornire la sicurezza e le garanzie di sicurezza di cui i regolatori hanno bisogno quando prendono in considerazione le deroghe per le missioni avanzate di droni Covid-19.

Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere ed è importante considerare ogni opzione che possa aiutare a combattere questa crisi globale, specialmente in un paese noto per la sua innovazione tecnologica e imprenditorialità.

Be the first to comment on "I Droni usati per disinfettare gli spazi pubblici in aree con casi confermati, come ospedali e aree metropolitane"

Leave a comment