I cerotti stampati in 3d contro i batteri resistenti agli antibiotici e ai farmaci

I cerotti stampati in 3d potrebbero ridurre la diffusione dei batteri resistenti ai farmaci

Cerotti stampati in 3d contro i batteri resistenti ai farmaci 03La medicina preventiva ha salvato innumerevoli vite e un focus sulle misure anti-batteriche è un fattore importante per evitare infezioni. La diffusione di batteri, spesso prevenibile, è responsabile di circa 13.500 decessi in Europa , mentre circa 2 milioni di pazienti negli Stati Uniti hanno sofferto di infezioni nosocomiali (il 30% dei quali proviene da batteri resistenti ai farmaci anti-infezioni).

La stampa 3D corre in soccorso ancora una volta grazie alla ricerca che viene fatta all’Università di Nanchang, nella provincia di Jiangxi in Cina. La soluzione, in termini incredibilmente semplici, può essere paragonata ad un cerotto stampato in 3d. Ma in realtà, gli sforzi compiuti dai ricercatori  recentemente rilasciati (gratuiti fino alla fine di maggio) sono tutt’altro che semplici. Gran parte dell’idea dietro il loro approccio è la possibilità di attivare e disattivare le proprietà antibatteriche potenzialmente salva-vita di un cerotto applicato.

Cosa fa la stampa 3D esattamente? Attraverso l’applicazione precisa di tre “modalità” antibattericche (confezionata, on e off) che il gruppo è in grado di regolare l’attività antibatterica in modo molto controllato. Questo controllo riduce al minimo la possibilità dei batteri resistenti ai farmaci e alla penicillina di diffondersi

Il documento di ricerca riassume il vantaggio della stampa 3D, affermando che “le nanoparticelle d’argento rilasciate sono altamente potenti contro entrambi i ceppi farmaco-sensibili e resistenti ai farmaci, che sono stati ottenuti dai casi clinici pratici. D’altra parte, gli esperimenti di tossicità delle cellule animali hanno dimostrato l’elevata biosicurezza della CPSN . Soprattutto, queste nanoparticelle antibioticche ad alta efficacia possono essere rimosse dal supporto immediatamente “.

Ciò significa che questa capacità di controllare con grande precisione come e in quale quantità gli agenti antibatterici sono distribuiti attraverso la tecnologia di fasciatura intelligente (per mezzo di diverse forme depositate grazie al processo di stampa 3D a strati) e alle modalità di commutazione.

David Mills, un esperto in terapie bioattive alla Louisiana Tech University è stato colpito dalla ricerca e suggerisce che questi esempi antibatterici commutabili che “si fondono le nanotecnologie, chimica e scienza dei materiali  allo stesso tempo mostrano l’impatto della stampa 3D sulla biomedicina del mondo reale”, e che ” la squadra di Wang sta contribuendo a realizzare un futuro in cui il trattamento medico diventa on-demand, altamente personalizzato, con modalità di trattamento che sono specifiche del paziente, non “lo stesso modello per tutti”.

La specificità del paziente è diventata un must quando si tratta di riunire il mondo della stampa 3D e la comunità medica. L’idea che ogni individuo sia unico, con diverse esigenze mediche si presta bene a una tantum  di iper-personalizzazione comune in molte tecnologie di stampa 3D.

Chi lo sa, forse presto un giorno saremo in grado di entrare in farmacia , prendere una confezione di cerotti in modalità di commutazione  stampata in 3d e ottenere esattamente la giusta quantità di additivo anti-batterico che ci serve.

Be the first to comment on "I cerotti stampati in 3d contro i batteri resistenti agli antibiotici e ai farmaci"

Leave a comment