Hydrophytes di Nicole Hone piante acquatiche interattive a stampa 4D

Nicole Hone  , designer industriale di Wellington in Nuova Zelanda, presenta ” hydrophytes “, una serie di piante acquatiche futuristiche create con la stampa 3D multi-materiale. Le idrofite vengono quindi attivate mediante gonfiaggio pneumatico in acqua e trasformate in organismi dinamici. L’obiettivo del suo lavoro è esplorare il design e la coreografia del movimento attraverso la stampa 4D.

“Sono sempre stato affascinato dalla natura, ispira le mie idee di design e l’estetica”, ha dichiarato Hone a Colossal. “Per questo progetto, mi sono interessato in particolare alla botanica e alla vita marina, sono rimasto stupito dal modo in cui le creature marine e i coralli si muovevano e volevano riflettere qualità simili nei miei disegni Durante le prime fasi delle stampe di prova, ho scoperto che i materiali venivano eseguiti più fluida e più organicamente in acqua in quanto le parti fragili sono state meglio supportate All’inizio del progetto del mio maestro, ho anche scoperto che ci sono piani per ridisegnare l’Acquario Nazionale della Nuova Zelanda.Pensavo – non sarebbe stato davvero bello avere un mostra orientata al futuro con modelli in movimento con cui i visitatori potrebbero interagire?

La forma, la struttura della superficie e le strutture interne per le Hydrophytes sono state modellate usando il rinoceronte e la cavalletta in combinazione con ZBrush. Ogni scultura è stata stampata in 3D come un unico oggetto senza cuciture utilizzando una varietà di materiali fotopolimerizzabili UV su una stampante 3D multi-materiale.

Dal suo sito :

I design utilizzano la tecnologia Stratasys PolyJet che consente miscele di resine rigide e flessibili note come materiali digitali. Le camere sigillate consentono alle stampe 4D di attivarsi indipendentemente attraverso il gonfiaggio pneumatico. Le Hydrophytes illustrano una serie di movimenti sfaccettati e variabili le cui qualità di vita sono uniche per il comportamento dei materiali digitali.
Il materiale di supporto gelatinoso che racchiude le sculture è stato poi accuratamente rimosso immergendolo in acqua e pulendolo con uno stuzzicadenti. È stato un processo di 4 ore. Dopo la pulizia, sono stati quindi collocati in acqua e la luce colorata viene applicata utilizzando un proiettore a LED per integrare la personalità di ogni pianta e migliorare la percezione della sensibilità.

Questi oggetti generati dal computer (CGO) traggono vantaggio sia dal mondo digitale, con la sua versatilità ed efficienza nella creazione di forme, sia dal mondo fisico, in cui gli oggetti possono rispondere all’ambiente, agli esseri umani e ad altri oggetti stampati. Questo equilibrio tra design controllato e interazione naturale incontrollata porta alla creazione di prestazioni organiche convincenti.

“Possono rispondere a forze esterne come gravità, increspature o correnti d’acqua e all’interazione con persone o altre stampe 3D nella vita reale”, ha detto Hone . “I loro materiali compositi creati dall’uomo si comportano incredibilmente simili agli organismi viventi”.

Il risultato è un’esperienza coinvolgente per lo spettatore, che guarda a forme di vita apparentemente organicamente in movimento.

Come nota Hone, il suo progetto presenta il concetto di “animazione tangibile”. La possibilità di incorporare sensori e la stampa 3D con materiali intelligenti può rendere la tecnologia molto utile per musei, parchi a tema e industria cinematografica.

Be the first to comment on "Hydrophytes di Nicole Hone piante acquatiche interattive a stampa 4D"

Leave a comment