HUMM gli australiani che vogliono fare l’elettrochoc ai giocatori di videogame con la loro cuffia stampata in 3d

La cuffia  stampato in 3D dà ai giocatori di videogame un vantaggio competitivo utilizzando le scosse elettriche.

HUMM, una società con sede a Perth, in Australia, sta sviluppando una cuffia stampata in 3D che aumenta le prestazioni del cervello fornendo scosse elettriche a chi la indossa. Il dispositivo utilizza quattro elettrodi per misurare le onde cerebrali e stimola il cervello per migliorare la memoria a breve termine e la possibilità di errore.

Non tutti sono benedetti con alti livelli di concentrazione, di vigilanza e di pensieri rapidi, e molti di noi sarebbero felici con un prodotto che migliori le nostre prestazioni in questi settori.

HUMM, la start up di  Perth, sta sviluppando ciò che potrebbe essere la soluzione perfetta per i nostri problemi. L’unico problema? È letteralmente scioccante !

La società australiana di tecnologia ha utilizzato la stampa 3D e altre tecnologie per sviluppare una cuffia che dà scosse elettriche per migliorare le prestazioni del cervello. HUMM dice che il dispositivo potrebbe potenzialmente migliorare la memoria a breve termine di un portatore e anche aiutare ad evitare errori.

Il prototipo utilizza quattro elettrodi che misurano le onde cerebrali, mentre il dispositivo stimola anche il cervello con delle scosse elettriche per mantenere gli utilizzatori sensibili.

Il mercato chiave per un tale prodotto? I giocatori di videogame.

Tim Fiori,  neuroscienziato di HUMM, spiega che i giocatori sono il cliente perfetto per il dispositivo, in quanto spesso usano le cuffie. I giocatori utilizzano anche processi mentali simili ai piloti e ai piloti a lunga percorrenza, che in passato hanno sperimentato una simile tecnologia choc cerebrale per mantenersi vigili sui lunghi viaggi.

La stampa 3D viene utilizzata per costruire una nuova cuffia prototipale approssimativamente ogni due settimane, ognuna di queste è progettata da Chris Norman, che ha recentemente lavorato con la NASA su un certo numero di progetti relativi alla stampa 3d.

Se HUMM riescissea perfezionare il suo dispositivo  , i vantaggi potrebbero essere notevoli non solo per i giocatori, ma anche per i piloti.

“Potrebbe avvertirti se ti stai addormentando mentre guidi”, dice il co-fondatore Iain McIntyre, “questo dispositivo sarebbe in grado di prevedere in anticipo lo stato mentale prima che accada qualcosa “.

Naturalmente, HUMM è consapevole del fatto che il pubblico può essere preoccupato per l’elettrocuzione . Ma la start up  dichiara  che l’idea in realtà non è estrema, con Facebook e Neuralink di Elon Musk esplorando tecnologie simili.

Certo, è ancora difficile immaginare di farsi degli auto elettroschock, ma la cuffia di HUMM potrebbe essere il futuro del gioco, del trasporto e chissà cosa altro. Staremo a vedere.

Be the first to comment on "HUMM gli australiani che vogliono fare l’elettrochoc ai giocatori di videogame con la loro cuffia stampata in 3d"

Leave a comment