Hp spiega le ragioni del successo della stampa 3D Multi Jet Fusion

La tecnologia di stampa 3D Multi Jet Fusion continua a trasformare HP e i suoi clienti

Quando HP ha  presentato la sua tecnologia Multi Jet Fusion nel 2016, è stato subito chiaro che si trattava di una tecnologia che avrebbe realmente trasformato il settore. All’epoca, la stampa 3D era ancora in gran parte una tecnologia di prototipazione, ma HP annunciò la sua intenzione di cambiarla offrendo un mezzo di stampa 3D su parti polimeriche di uso finale su larga scala. Quanto velocemente le cose siano cambiate – in soli due ann lo dimostra il Wohlers Report 2018, il quale afferma che la produzione di parti funzionali, compresa la prototipazione funzionale, è ora il maggior utilizzo della produzione additiva di produzione e che la domanda di componenti di produzione dovrebbe crescere in modo esponenziale.

Sebbene altri produttori abbiano rilasciato stampanti 3D in grado di creare parti funzionali, HP è in una vera posizione di leadership sul mercato , spedendo più stampanti 3D per la produzione di plastica di qualsiasi altra azienda al mondo. La tecnologia Multi Jet Fusion è passata in due anni da un’introduzione completamente nuova ad essere pienamente integrata in tutto il settore, con oltre tre milioni di parti MJF prodotte solo lo scorso anno.

Alla conferenza AMUG (Additive Manufacturing Users Group) , HP ha presentato alcuni dei clienti che hanno implementato MJF su larga scala, nonché i propri Reinventing HP con il programma Multi Jet Fusion. Quando hai sviluppato una tecnologia che modifica la produzione, puoi utilizzarla tu stesso oltre a distribuirla in tutto il mondo e HP annuncia la sua intenzione di utilizzare MJF per trasformare il design, la produzione e la distribuzione dei propri prodotti.

“La nostra missione è cambiare il modo in cui il mondo progetta e costruisce con la stampa 3D. Stiamo assistendo ad un aumento della produzione 3D ad alto volume mentre l’industria accelera il suo viaggio verso un futuro digitale “, ha affermato Stephen Nigro, Presidente di 3D Printing, HP Inc.” I clienti si stanno appoggiando, migliorando l’economia e aumentando la produzione di prodotti industriali -grade di parti – solo nell’ultimo anno sono stati prodotti oltre tre milioni di pezzi su Multi Jet Fusion e oltre il 50% è destinato all’uso finale. Essendo uno dei più grandi produttori al mondo, HP sta anche sfruttando la nostra tecnologia per trasformare il ciclo di vita dello sviluppo prodotto per ridurre i costi, velocizzare i tempi di commercializzazione, aumentare la soddisfazione dei clienti e migliorare la sostenibilità in tutta la nostra attività “.
La tecnologia Multi Jet Fusion può essere utilizzata non solo per produrre prodotti HP, ma per produrre se stessa: oltre il 50% delle parti in plastica personalizzate all’interno di Jet Fusion 4200 e oltre 140 parti all’interno della nuova serie Jet Fusion 300/500 possono essere Stampato in 3D con tecnologia MJF. Secondo HP, si ritiene che questo sia il maggior numero di parti stampate in 3D all’interno di qualsiasi prodotto al mondo. La riprogettazione e la stampa 3D di queste parti offre prestazioni più elevate in aree quali aumento del flusso d’aria, alleggerimento e ottimizzazione dei vincoli di spazio, oltre a costi inferiori e maggiore flessibilità di produzione in quanto riduce tempi e costi di attrezzaggio e assemblaggio.

In termini di altri prodotti, una parte fondamentale delle stampanti per grandi formati HP è stata ridisegnata per sfruttare l’ottimizzazione topologica e sta entrando nella produzione di massa con una riduzione del peso del 93%, riduzione dei costi del 50% e una riduzione del 95 impronta di carbonio rispetto alla parte in alluminio originale . Le parti MJF sono state incluse anche in HP ENVY ISS, la stampante 2D progettata per sostituire le stampanti esistenti sulla Stazione Spaziale Internazionale. HP ha accelerato lo sviluppo del suo materiale per perline in vetro ad alta riutilizzabilità 3D HP per produrre 11 parti per ENVY ISS, tra cui un vassoio di uscita appositamente progettato per soddisfare i requisiti della NASA.

L’uso della tecnologia MJF ha ridotto i tempi di progettazione fino al 50% e ha risparmiato milioni di dollari in spese di lavorazione differite per diverse parti HP come condotti dell’aria nelle serie Jet Fusion 4200 e 300/500, in quanto sono stati sostituiti complessi componenti multicomponenti con una singola parte. Uno strumento utilizzato nella produzione delle testine di stampa HP è stato ridisegnato per MJF per aumentare la tenuta all’acqua e ridurre il flusso di turbolenza. Anche l’utilizzo di nuovi materiali e il consolidamento delle parti hanno comportato una riduzione dei tempi di consegna da mesi a giorni, riduzione del 90% del peso, riduzione del 95% dei costi e oltre 30 volte riduzione dell’impronta di carbonio. Le parti in plastica per la nuova fotocamera HP Z sono state prodotte anche con MJF, con un notevole risparmio sui costi e una riduzione dei tempi di consegna di oltre sei settimane.

“HP fornisce quasi 100 milioni di prodotti all’anno attraverso una sofisticata rete di stabilimenti HP, produttori di design originali e fornitori di servizi logistici in oltre 170 paesi”, ha dichiarato Stuart Pann, Responsabile della catena di fornitura, HP Inc. “Questo programma unico riunisce la progettazione del prodotto , ingegneria, approvvigionamento, operazioni della supply chain e produzione per liberare il potenziale di Multi Jet Fusion. Abbracciando la libertà di progettazione della stampa 3D, HP sta facendo progressi in termini di costi, produttività, qualità e prestazioni mentre reinventiamo digitalmente il ciclo di vita del prodotto e la catena di approvvigionamento. ”
I clienti di HP stanno aumentando il loro uso della tecnologia MJF, inserendo ordini ripetuti e aggiornando le loro implementazioni per soddisfare i volumi di ordini più elevati e far crescere le loro attività. Previsioni 3D , uno dei più grandi e antichi produttori 3D privati ​​negli Stati Uniti, sta aggiornando la sua flotta di 12 stampanti 3D HP alle più recenti stampanti HP Jet Fusion 3D 4210per soddisfare la crescente domanda. L’azienda prevede di produrre oltre un milione di parti MJF nel prossimo anno per un cliente leader nel settore medicale, proprio come un esempio.

GoProto , che ha più di 500 clienti in più settori, ha installato sei stampanti HP 4200 3D per soddisfare la crescente domanda da parte dei clienti di applicazioni di produzione e prototipazione ad alto volume.

“Sia che realizziamo una parte all’inizio del ciclo di progettazione o una produzione di 5.000 parti, Multi Jet Fusion continua a stupirci con la sua forza, precisione e affidabilità”, ha dichiarato Jesse Lea, presidente di GoProto, a 3DPrint.com . “Questa tecnologia additiva è davvero il ponte verso la produzione su richiesta che stavamo aspettando.”

Stern , un produttore tradizionale nel settore medicale e automobilistico, utilizza la tecnologia MJF per il suo nuovo ufficio di servizi di stampa 3D, Stern 3D. La società sta installando 10 stampanti HP Jet Fusion 4200 3D nel suo stabilimento di produzione vicino a Stoccarda, in Germania.

“Stiamo assicurando la nostra azienda in futuro con le efficienti funzionalità digitali della tecnologia Multi Jet Fusion di HP”, ci ha detto Lothar Stern, CEO di Stern 3D. “Non vediamo l’ora di mostrare ai nostri clienti le infinite possibilità offerte dalla stampa 3D. Per quelli di qualsiasi settore che desiderano superare le limitate capacità della produzione tradizionale, la nostra nuova struttura, ancorata all’enorme capacità di 10 sistemi Jet Fusion 3D 4200, consentirà applicazioni di produzione avanzate a velocità rivoluzionarie e costi inferiori “.
AMUG si svolgerà dall’8 al 12 aprile a St. Louis, nel Missouri. Lo stand di HP sarà presso la Demo Suite D5, e il 10 aprile alle 11:00,  Michelle Bockman , responsabile globale dell’espansione e dello sviluppo commerciale della stampa 3D, presenterà “Dietro le quinte: guidare la nostra trasformazione digitale”, nella sala da ballo A.

Be the first to comment on "Hp spiega le ragioni del successo della stampa 3D Multi Jet Fusion"

Leave a comment