HP Labs compiono 50 anni e ci dicono cosa ci aspetta nel futuro

Gli HP Labs compiono 50 anni: HP rivela il piano per i prossimi 30 anni, promette stampanti 3D che non avranno DRM ( ovvero tecnologie per mantenere i diritti digitali , ovvero niente filamenti proprietari, tutto il contrario di quello che sta accadendo oggigiorno con le cartucce inkjet HP ). hp-labs-compiono-50-anni-02

Gli HP Labs, l’organizzazione centrale di ricerca del gigante della stampa HP, ha compiuto 50 anni questa settimana. All’anniversario, diverse figure HP hanno rivelato i piani della società per la stampa 3D, tra cui lo sviluppo  libero di materiali per la stampante a getto Fusion 3D senza DRM, la connettività degli oggetti, e altro ancora.

Quando HP ha presentato la stampante Jet Fusion 3D, la prima macchina di produzione di additivi della società, all’inizio di quest’anno, molte domande sono state poste sulla “Open Platform” della stampante per i materiali. Promettendo di “ampliare la disponibilità di nuovi materiali per affrontare una serie più ampia di applicazioni, ridurre i costi dei materiali, guidare il miglioramento delle prestazioni, e creare nuove possibilità”, la piattaforma aperta è apparsa per favorire lo sviluppo di terze parti di materiali non proprietarie per la Jet Fusion. HP anche segnalato che i specialisti dei materiali come Evonik e Lehmann & Voss erano al lavoro per la creazione di materiali per la stampante 3D.

Qualche dubbio è stato gettato sul progetto, quando l’azienda ha recentemente fatto la mossa controversa di introdurre Digital Rights Management (DRM) per le sue stampanti 2D tramite un aggiornamento software poco appariscente, efficace per impedire ai possessori di stampanti HP di utilizzare cartucce di terze parti. Questo movimento è stato biasimato da utenti e organizzazioni, tra cui l’Electronic Frontier Foundation EEF, che ha invitato HP a rimuovere il DRM e ripristinare la capacità di utilizzare cartucce di terze parti.

Parlando alle  celebrazioni del 50esimo anniversario di HP Labs, il responsabile globale dei materiali in 3D Tim Weber ha promesso che tali restrizioni non sarebbero state applicate ai materiali di stampa 3D della società. Dichiarazione che verrà accolta con un certo sollievo per gli sviluppatori che potrebbero aver identificato il rilascio della stampante 3D prossima come un’opportunità per creare una nuova linea di materiali potenzialmente lucrativi. Weber ha anche rivelato che altre quattro società, tra cui BASF, stanno attualmente lavorando sui materiali di stampa 3D progettati per il Jet Fusion, aggiungendo: “Questi saranno fornitori open, spetterà a loro essi impostare il marchio e il prezzo una volta  certificati.”

HP ha anche delineato i suoi piani più generali per il futuro, compresa la sua missione di irrompere nei mercati in via di sviluppo come l’India, la Cina e l’Africa, e la sua identificazione di quattro tecnologie chiave del futuro. “La visione di HP della realtàmette in evidenza quattro tecnologie emergenti: la trasformazione 3D, l’ Internet di tutte le cose, la mobilità iper e microfluidica”, ha osservato Shane Wall, Chief Technology Officer di HP e responsabile globale di HP Labs.

Con la stampante Jet Fusion 3D, HP ha già un piede nella trasformazione 3D, che l’azienda vede come il fondamento della prossima rivoluzione industriale. L’Internet di tutte le cose, d’altra parte, potrebbe includere tavoli, sedie, e qualsiasi altra cosa che si muove e potrà essere seguito attraverso una catena di fornitura. Oltre ai dispositivi tecnologici specifici, tuttavia, Wall ha anche evidenziato quattro tendenze globali generali che si pensa potranno profondamente influenzare la tecnologia nel corso dei prossimi 30 anni:

La rapida urbanizzazione: Più del 97 per cento della crescita della popolazione dei prossimi 30 anni è destinato a verificarsi nei  mercati emergenti come la Cina, l’India e l’Africa.
Cambiamenti demografici: Oltre la metà della popolazione mondiale dovrebbe avere più di 50 anni dal 2046.
Hyperglobalization: espansione con sempre più persone nei paesi in via di sviluppo che avranno l’accesso a Internet.
Innovazione Accellerata: i telefoni, itablet e i computer faranno  posto alla tecnologia on-line indossabile o impiantabile.

Wall fa notare come la nascita di “megalopoli”, città con una popolazione di almeno 10 milioni, nelle regioni al di fuori di Australia, Nord America e Europa occidentale, influenzerà drasticamente gli affari globali, tra cui lo sviluppo tecnologico. “Questi cambiamenti stanno andando a influenzare tutto ciò che riguarda l’umanità … il modo in cui interagiamo, come gestiamo le risorse preziose, e il modo in cui progettiamo prodotti”, ha detto Wall. “E così pensare alle soluzioni di cui abbiamo bisogno per  affrontare tali questioni diventa un pezzo di framing per quello che facciamo in HP Labs.”

Oltre alla speculazione sulle tendenze e le tecnologie del futuro, HP ha inoltre presentato una serie di suoi prodotti correnti al suo evento reinvenzione Settimana a Palo Alto, California. I partecipanti hanno avuto un’altra possibilità di vedere la stampante HP MJF 4200 3D, che sarà disponibile nel mese di novembre, mentre la società ha anche dimostrato la sua piattaforma Sprout computing, HP Elite X3 Windows Phone, e una serie di nuove stampanti eleganti per il mercato consumer.

Be the first to comment on "HP Labs compiono 50 anni e ci dicono cosa ci aspetta nel futuro"

Leave a comment