HP 3DaaS: il modello Hardware-as-a-Service

All’ultimo evento Formnext, HP ha presentato il suo nuovo piano HP 3D as a Service (HP 3DaaS). Invece di vendere esclusivamente stampanti 3D ai clienti, il colosso della stampa consente anche ai clienti di pagare in base all’uso. Quindi, qual è il problema con 3DaaS? O, più in generale, in cosa consiste l’hardware come servizio?

La soluzione di stampa 3D industriale HP Jet Fusion serie 5200

Nel caso di HP 3DaaS, ci saranno due possibili pacchetti, Base e Plus. Già sul mercato, HP 3DaaS Base è un modello pay-per-build che tiene traccia dell’utilizzo del materiale e addebita agli utenti una fattura mensile. I materiali di consumo vengono ricaricati automaticamente e il supporto remoto e onsite è incluso nel pacchetto. Il pacchetto Base è disponibile per le stampanti 3D HP Jet Fusion serie 5200/4200 e HP Jet Fusion serie 500.

Il programma HP 3DaaS Plus va oltre i materiali introducendo l’hardware stesso. A partire dal 2020, i clienti saranno in grado di ottenere la stampante 3D HP Jet Fusion 340 a lungo termine, a condizione che paghino una commissione iniziale di $ 5.000, $ 3.500 al mese (minimo) e sottoscrivano un impegno di un anno. Queste commissioni coprono l’installazione, l’assistenza, la manutenzione, i materiali di consumo e i materiali di consumo.

HP non è la prima azienda a offrire le sue stampanti 3D sotto forma di abbonamento. Carbon è stato il primo a fornire le sue macchine utilizzando l’etichetta “hardware-as-a-service”, consentendo ai clienti di abbonarsi alla stampante 3D M1 di punta per $ 40.000 all’anno con un periodo minimo di tre anni, insieme a $ 10.000 per installazione e formazione e un pacchetto di accessori iniziale di $ 12.000.

La stampante 3D a colori HP Jet Fusion 340 sarà disponibile come parte del pacchetto HP 3DaaS Plus nel 2020.

Mentre HP ha annunciato i suoi piani 3DaaS, Desktop Metal ha anche introdotto un piano di abbonamento per le sue stampanti 3D con rinforzo in fibra $ 3,495 all’anno per Fiber LT e $ 5,495 all’anno per Fiber HT, ciascuna con un periodo minimo di 3 anni.

Sebbene l’hardware come servizio sembri una nuova offerta di prodotti probabilmente abilitata per il cloud, in realtà è un concetto che conosciamo già tutti. Se laviamo via l’impiallacciatura di marketing, si chiama “noleggio”. Invece di mettere un sacco di soldi in anticipo per acquistare un macchinario complesso, è possibile noleggiare la cosa. In questo caso, stiamo parlando di stampanti 3D, ma questo stesso modello hardware come servizio è onnipresente nel settore del noleggio auto.

Tuttavia, l’hardware come servizio in realtà differisce dal mondo dell’auto in quanto, se si desidera noleggiare un’auto per un lungo periodo di tempo, è possibile noleggiarla e le rate mensili vanno effettivamente all’acquisto del veicolo. Nel caso di queste stampanti 3D, il noleggio sembra essere indefinito, sebbene Carbon ti consenta di passare a sistemi più recenti una volta scaduto il contratto di locazione.

Ovviamente, il più grande vantaggio del noleggio di queste macchine è che il costo iniziale è basso. Ciò può essere particolarmente utile per gli ingegneri che comprendono il valore della stampa 3D ma che fanno fatica a convincere la direzione a investire nell’attrezzatura. Le aziende possono anche trovarsi al piano terra di queste tecnologie molto apprezzate senza soffrire la paura di perdersi.

Per le società che noleggiano l’attrezzatura, il vantaggio è l’adozione della tecnologia potenzialmente più ampia e probabilmente maggiori entrate rispetto a se avrebbero venduto direttamente le macchine. È come il modello di rasoio e lama (vendi l’hardware a buon mercato e guadagna soldi con i materiali) tranne per il fatto che stai anche noleggiando indefinitamente il rasoio.

Sulla base del sito HP 3DaaS, ci sono già clienti che utilizzano il pacchetto. Due società, Avid Product Development e Paradigm Manufacturing, sono citate come apprezzate da 3DaaS Base. Sicuramente verranno rilasciati più nomi man mano che HP continuerà a implementare il programma e potremmo avere un’idea migliore del fatto che il modello abbia soddisfatto o meno i clienti.

Be the first to comment on "HP 3DaaS: il modello Hardware-as-a-Service"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi