Henkel si unisce a Basf nella piattaforma Origin

Origin , una startup di produzione di additivi per silicon valley, ha annunciato che Henkel , un’azienda tedesca produttrice di sostanze chimiche, ha aderito alla sua Open Material Network. Come tale, Henkel si unisce a BASF , un’azienda chimica tedesca, nella piattaforma di Origin, che mira a sviluppare materiali di produzione additivi per la produzione di massa .

La rete Open Additive combina sistemi hardware modulari, compatibilità dei materiali aperti e software estensibile con l’obiettivo di consentire la stampa 3D ad alto volume. Si spera che il partenariato si tradurrà in una gamma di materiali destinati alla produzione di massa additiva per settori tra cui quello medico e quello automobilistico.

Chris Prucha, fondatore e CEO di Origin ha dichiarato: “Siamo desiderosi di offrire ai clienti ancora più opzioni materiali in una vasta gamma di materiali di portfolio che possono trarre vantaggio dal nostro processo (P3) come siliconi, epossidici e poliuretani”,

“RITENIAMO CHE IL NOSTRO APPROCCIO ALLA RETE APERTA CON HENKEL E ALTRI PARTNER STRATEGICI RIMODELLERÀ RADICALMENTE LA PRODUZIONE E LE CATENE DI APPROVVIGIONAMENTO GLOBALI E NON VEDIAMO L’ORA DI PRESENTARE PROGETTI DI LIVELLO MONDIALE E DI DEFINIZIONE DEL SETTORE IN FASE DI SVILUPPO CON HENKEL NEI PROSSIMI MESI”.

Fondata nel 2015, Origin ha iniziato come ufficio stampa 3D. Da allora la società ha sviluppato un proprio sistema di produzione additiva come parte di una piattaforma di produzione additiva aperta.

Sulla piattaforma, Origin ha lavorato con Henkel per la convalida di materiali biocompatibili. In questa categoria sono incluse le resine siliconiche Henkel, anch’esse basate sugli standard di biocompatibilità ISO-10993 .

I sistemi di stampa 3D di fotopolimerizzazione di Origin, denominati P3, permetteranno alla resina biocompatibile di Henkel di proprietà medicali, nonché di post-trattamento e manipolazione. Le potenziali applicazioni del materiale vanno dagli strumenti chirurgici agli apparecchi acustici.

Philipp Loosen, responsabile della stampa 3D presso Henkel, ha dichiarato: “Abbiamo determinato che la nuova tecnologia di fotopolimerizzazione programmabile (P3) di Origin offre una tecnologia complementare per i nostri materiali ad alte prestazioni,”

“LA PARTNERSHIP HA UN ENORME POTENZIALE PER CONSENTIRE UN’AMPIA GAMMA DEL NOSTRO PORTAFOGLIO DI RESINE DA UTILIZZARE NELLA PRODUZIONE DI MASSA ADDITIVA, SPECIALMENTE NEL SETTORE DELLA SALUTE E DEL BENESSERE.”

Per accelerare l’industrializzazione della produzione additiva, i materiali stampati in 3D vengono continuamente sviluppati per i prodotti di uso finale. Pertanto, l’attività focalizzata sul ridimensionamento della produzione additiva ai livelli di produzione di massa rimane una costante fonte di notizie.

Ad esempio, lo sviluppatore di sistemi metallici AM Triditive ha accolto Elnik Systems nel suo consorzio SCALADD per aiutare la produzione di additivi di massa in metallo .

Esempi di prodotti stampati 3D di massa per uso finale includono la recente iterazione di Adidas e Carbon dei corridori Y-3 4D . Le scarpe sono realizzate utilizzando un’intersuola stampata in 3D e sono state prodotte in serie per il mercato consumer. MOREL e ININITAL hanno anche collaborato a un’applicazione consumer della stampa 3D nel settore dell’eyewear. Gli occhiali stampati 3D di massa realizzati in serie sono stati realizzati utilizzando i servizi di stampa 3D di INITIAL.

Be the first to comment on "Henkel si unisce a Basf nella piattaforma Origin"

Leave a comment