Heartbits realtà virtuale e stampa 3d per mostrare ai pazienti i loro problemi cardiaci

Il progetto ‘Heartbits’ utilizza modelli stampati in 3D e VR per mostrare ai pazienti i loro difetti cardiaci

Gli studenti di tre università olandesi hanno sviluppato “Heartbits”, uno strumento di stampa 3D e realtà virtuale (VR) per spiegare visivamente i difetti cardiaci ai pazienti. Heartbits era inizialmente un progetto VR sviluppato con una cuffia Microsoft Hololens, ma ora include anche modelli stampati in 3D.

Sia per i medici che per i pazienti, discussioni serie sulle condizioni cardiache possono essere difficili: non solo a causa delle notizie a volte cattive, ma anche perché è difficile spiegare problemi cardiaci complessi in termini non specialistici.

Gli studenti di tre università olandesi – TU Delft, Leiden University e l’Università di Wageningen – hanno quindi escogitato un modo migliore per i medici di dire ai pazienti cosa c’è che non va nel loro cuore.

La loro idea è un servizio chiamato “Heartbits”, che è stato sviluppato come parte della partecipazione degli studenti al corso Advanced Prototyping presso TU Delft. Heartbits utilizza la stampa VR e 3D per facilitare la comprensione delle diagnosi cardiache.

Heartbits risale a novembre 2016, quando un gruppo di sei studenti ha iniziato a lavorare insieme per il progetto universitario di quattro settimane. Il loro scopo era quello di sviluppare uno strumento di realtà virtuale che potesse essere utilizzato per mostrare ai pazienti il ​​loro specifico difetto cardiaco in 3D, portando il cuore virtuale alla vita con un’animazione battente.

Nel corso di questo progetto iniziale, gli studenti hanno avuto un successo misto: mentre erano in grado di sviluppare uno strumento VR da zero, non erano in grado di ottenere tutto ciò che volevano.

Ad esempio, il team ha utilizzato un sensore cardiaco per monitorare il cuore di un utente, l’idea è che questi dati live heartbeat potrebbero essere utilizzati per far battere l’animazione del cuore VR in sincronia con il vero cuore dell’utente.

Alla fine ciò non ha funzionato, soprattutto perché il gruppo di studenti stava affrontando software che non avevano mai usato prima, raggiungendo la maggior parte dei loro risultati attraverso prove ed errori.

Tuttavia, gli Heartbits non sono morti alla fine di quel corso universitario. Ora, un anno dopo, il team è tornato con un progetto modificato. Questa volta, invece di concentrarsi sulla realtà virtuale, gli studenti desiderano utilizzare modelli di cuore stampati in 3D come un modo per raggiungere lo stesso obiettivo finale: mostrare ai pazienti che aspetto hanno i loro difetti cardiaci.

La nuova iterazione di Heartbits utilizza i dati di scansione CT specifici per paziente per creare modelli di cuore stampati in 3D. Questi modelli mostrano ai pazienti come sono i loro cuori, dando loro un’immagine chiara di ciò che sta accadendo al loro interno.

Non è solo un modo per i medici di informare i pazienti. Gli studenti dietro al progetto di stampa 3D dicono che questi modelli stampati in 3D possono essere usati dai pazienti per spiegare le loro condizioni ai loro familiari e amici.

“Puoi mostrarlo a una persona cara”, spiega Tom Schild, studente della TU Delft, uno dei creatori di Heartbits. “Puoi dire loro ‘è così che funziona e questo è ciò che non va nel mio cuore, quindi potrei non essere in grado di partecipare a quell’attività in bicicletta con la famiglia!'”

Alla fine, comunque, Heartbits vuole ancora fare uso della realtà virtuale. Poiché i modelli stampati in 3D richiedono un po ‘di tempo per la fabbricazione, e poiché non tutti gli ospedali o le città hanno accesso a una stampante 3D, le cuffie VR come Microsoft Hololens rimangono un modo utile per dimostrare un problema visivo in 3D.

Un anno dopo, la squadra non ha ancora completamente padroneggiato l’arte della VR, ma è ancora molto seria nel far funzionare il concetto. Gli studenti e le loro rispettive università stanno attualmente valutando la possibilità di formare un’azienda con Heartbits.

Be the first to comment on "Heartbits realtà virtuale e stampa 3d per mostrare ai pazienti i loro problemi cardiaci"

Leave a comment