Haptic sistema di somministrazione rapida del farmaco stampato in 3d

I ricercatori pakistani creano un dispositivo per la consegna di farmaci stampati in 3D


La medicina moderna ha fatto enormi progressi nei metodi per la gestione del dolore negli ultimi decenni, e fortunatamente per i pazienti che ne hanno estremo bisogno. Se sei mai stato gravemente ferito o debilitato da un malato di malattia è stato accompagnato da un grave disagio fisico, allora sei consapevole di quanto possa essere utile un sistema di somministrazione rapida del farmaco. E poiché la stampa 3D ha prestato la forza dell’innovazione a così tanti angoli del campo medico, potrebbe anche iniziare a svolgere un ruolo più ampio nei condimenti e nei meccanismi di sollievo dal dolore.

Munam Arshad ha recentemente creato il ” Controlled Drug Delivery System for Wound Healing e altre applicazioni biomediche “, sottolineando l’utilità di tali tecniche nel servire (e curare) il paziente meglio e nel creare maggiore efficienza per i professionisti medici. Con un dispositivo stampato in 3D, i farmaci vengono erogati tramite un meccanismo vibrante che sposta i farmaci attraverso piccole “fenditure”.

“Il dispositivo è costituito da un polimero biocompatibile stampato in 3D e un’unità completa che ospita il serbatoio del farmaco e il motore tattile”, afferma Arshad nel suo articolo . “Diversi regimi di dosaggio possono essere costruiti per diversi farmaci; la concentrazione può essere modificata cambiando il tempo di accensione del dispositivo. Gli studi statici e dinamici eseguiti nella ricerca forniscono le linee guida per la costruzione di diversi regimi di dosaggio. ”
La medicazione delle ferite è un processo che è stato necessario dall’inizio della medicina stessa, inteso a eliminare sia l’infezione che il dolore e promuovere la guarigione. L’obiettivo per qualsiasi essere umano è vederli guarire il più rapidamente possibile, e Arshad sottolinea che oggi gli scienziati cercano modi più intelligenti per vestire le ferite mentre promuovono una migliore eliminazione dei batteri e offrono sollievo da quello che a volte può essere un enorme disagio fisico. Convenzionalmente, la medicazione delle ferite ha significato che il paziente era o che veniva ricoverato in ospedale continuamente o doveva spostarsi avanti e indietro verso lo studio di un medico.

Ricercatori come Arshad vedono la necessità di dispositivi e tecniche più progressive e guardano sia alla stampa 3D FDM che a quella SLA per portare avanti questi obiettivi e con l’accompagnamento dell’elettronica intelligente per il monitoraggio. La scienza dei materiali entra qui in gioco pesantemente, così come le medicazioni devono essere compatibili con il corpo umano, ed anche in modo accessibile .

“Il polimero sintetico aiuta a ridurre la formazione di crosta nella ferita riuscendo anche ad elevare il movimento delle cellule di crescita nella ferita. L’uso di polimeri sintetici riesce anche ad ottenere un migliore tasso di organizzazione delle cellule epiteliali “, afferma Arshad. “Quindi, possiamo dire che una medicazione funzionale delle ferite dovrebbe essere in grado di avvolgere saldamente il sito dato della ferita e allo stesso tempo consentire il miglior ambiente di guarigione della ferita, dovrebbe anche aiutare a ridurre la quantità di dolore che lo rende più facile per il paziente tornare alla loro normale routine. ”
I ricercatori si sono basati su PMC-744 come materiale di scelta per la sua biocompatibilità e flessibilità, entrambi requisiti per il dispositivo. Successivamente, il team di ricerca ha iniziato a lavorare sul meccanismo vibrante per erogare i farmaci, con diverse iterazioni in atto prima di stabilirsi sul modello finale stampato in 3D con un sistema con un motore apatico e un serbatoio di droga con area di rilascio del farmaco. Il modello è stato creato in SOLIDWORKS e quindi stampato in 3D in PLA.

Il dispositivo stampato in 3D dovrebbe rivelarsi utile in due aree diverse, almeno:

“Il primo è l’uso del dispositivo sugli esseri viventi come i ratti e, in definitiva, per gli umani che è l’obiettivo desiderato, tuttavia il prototipo è ancora lontano da come sarebbe il dispositivo finale, ma in futuro può essere utilizzato per sostituire i metodi convenzionali di somministrazione di farmaci e bende per migliorare le soluzioni di guarigione delle ferite “, afferma Arshad. “La seconda applicazione riguarda l’uso del sistema di somministrazione di farmaci nei laboratori per studiare le attività antimicrobiche dei farmaci per uno studio migliore della guarigione delle ferite”.

“Il dispositivo può essere programmato per erogare quantità specificata di farmaco a intervalli specifici in un giorno o anche per intervalli di tempo più lunghi. Questo può essere usato come un sistema automatico di dispensazione di farmaci per i medici senza l’obbligo di frequenti interventi per somministrare manualmente farmaci “.
Modello iniziale PMC 744
Numerosi test sono stati eseguiti sul dispositivo, ma c’è ancora molto spazio per miglioramenti, secondo il team di ricerca.

Be the first to comment on "Haptic sistema di somministrazione rapida del farmaco stampato in 3d"

Leave a comment