Handi Life Sport la stampa 3d e le bocce per i disabili olimpici

Handi Life Sport esplora l’uso della stampa 3D per la produzione bocce per gli atleti paralimpici

Quando pensi alle bocce , è difficile non pensare a gruppi di pensionati, che sorseggiando bevande fresche si divertono all’ombra di un parco. È come se questo sport  fosse bloccato nel passato,  un buon posto per stare al sicuro.

Le bocce , d’altra parte, sono anche uno sport simile praticato da atleti disabili, è apparentemente maturo per l’innovazione. Handi Life Sport, un produttore con sede in Danimarca che ha fornito palline da bocce alle Paralimpiadi dal 1988, afferma che sta attualmente esplorando il potenziale della stampa 3D nelle bocce personalizzate per gli atleti.

Lo sport delle bocce per atleti disabili mantiene la maggior parte delle regole classiche : i giocatori, a turno, lanciano le palle della squadra in campo, nella speranza di piazzare le palle più vicine alboccino oppure  di sbocciare le bocce dell’avversario. Può essere giocato da seduti (per gli atleti in sedia a rotelle).

L’equipaggiamento per lo sport è relativamente minimo e consiste di dodici bocce (sei rosse e sei blu, per ogni squadra) e un boccino bianco. Come nelle bocce classiche, le palle devono avere dimensioni e pesi specifici. Secondo Handi Life Sport, le palle da bocce devono avere una circonferenza di 270 mm e un peso di circa 275 grammi ciascuna.

Se vi state chiedendo perché la stampa 3D sia stata usata per la produzione delle future palle paralimpiche, non siete i soli. VIsto che la stampa 3d è una tecnologia che è generalmente apprezzata per la sua capacità di realizzare parti leggere e complesse, usare la stampa 3D per fare una palla pesante sembra un po ‘strano.

Tuttavia, Handi Life Sport crede che la stampa 3D possa essere la chiave per stare davanti ai concorrenti per la produzione di attrezzature da bocce per le Paralimpiadi.

Kirsten Bromann, comproprietaria di Handi Life Sport, spiega: “Stiamo investendo in tecnologia per il futuro, altrimenti potremmo anche smettere. Ma in futuro, potremmo aver bisogno di stampare 3D in modo da poter competere e garantire la nostra partecipazione alle future competizioni olimpiche “.

Attualmente, l’azienda danese si trova ad affrontare la concorrenza dei produttori cinesi, che sono in grado di produrre palle da bocce Paralympic ad un costo molto più economico. Invece di cercare di tenere il passo con i bassi costi della Cina, tuttavia, Handi Life Sport ha optato invece per competere per la qualità e sta cercando di innovare nel suo settore di nicchia.

L’azienda sta lavorando in collaborazione con gli istituti GTS della Danimarca per migliorare e automatizzare la produzione di palle da boccia personalizzate per atleti paralimpici e dilettanti che utilizzano tecnologie come la stampa 3D.

Prima della stampa 3D, la società faceva affidamento sui processi artigianali per fabbricare le bocce, spesso costruendole secondo le specifiche per gli atleti con diverse disabilità fisiche, un metodo efficace, ma costoso. Ora, dopo aver istituito una nuova catena di produzione più avanzata (compreso un nuovo sito Web e strumenti di contabilità e spedizione), la società afferma di aver aumentato le sue entrate e di essere riuscita a rimanere competitiva sul mercato.

“I processi di conversione hanno raddoppiato i nostri ricavi e profitti”, ha affermato Jens Bromann, comproprietario della società. “Lo sviluppo significa che possiamo soddisfare la crescente domanda senza assumere nuovi dipendenti. L’investimento in nuove tecnologie ha permesso di prendere più ordini e guadagnare di più senza assumere di più. ”

La produzione additiva consentirà all’azienda di automatizzare ulteriormente il processo di produzione delle palle da bocce, e forse anche di innovare ulteriormente il loro design per i paralimpiadi.

“Se vuoi sopravvivere come una società di produzione in Danimarca – dove la manodopera è costosa – puoi difficilmente evitare la digitalizzazione e l’automazione”, ha aggiunto Kirsten Bromann. “Il tempo risparmiato può essere usato per pensare in modo creativo e innovativo. E qui abbiamo un vantaggio in Danimarca perché i nostri concorrenti stranieri che hanno accesso a manodopera più economica spesso non sono molto avanzati nell’uso della tecnologia. È un chiaro vantaggio competitivo. ”

La stampa 3D sta iniziando ad assumere un ruolo più importante nei giochi olimpici e paraolimpici. Alle Olimpiadi di Rio 2016, ad esempio, la squadra ciclistica francese ha guidato con manubri stampati in 3D , mentre il Team USA alle Paralimpiadi è stato equipaggiato con  sedie a rotelle stampate in 3D .

Con le prossime Olimpiadi invernali che si terranno nel 2018, siamo ansiosi di vedere quali nuove applicazioni per la stampa 3D vengono utilizzate.

Be the first to comment on "Handi Life Sport la stampa 3d e le bocce per i disabili olimpici"

Leave a comment