Hackrod La Bandita la macchina del futuro

Hackrod: l’azienda automobilistica futuristica che utilizza la stampa 3D, la VR, il design generativo vuole il tuo investimento
Hackrod, una startup automobilistica californiana che lavora in collaborazione con Autodesk, sta sviluppando una nuova piattaforma per lo sviluppo di veicoli che utilizza design generativo, realtà virtuale, stampa 3D e una supply chain basata su cloud. La compagnia svilupperà 50 nuove auto per il film ” Autonomo” .

Non capita spesso che un regista di successo di Hollywood compia la transizione dal mondo del cinema al mondo della stampa 3D. Infatti, il CEO e co-fondatore di Hackrod Mike McCoy potrebbe essere il primo. Nel 2012, il suo premiato studio di intrattenimento Bandito Brothers era alla base del dramma dei Navy SEALS e del film d’incassi Act of Valor , che lo stesso McCoy aveva prodotto e diretto. Oggi raccoglie fondi per la compagnia automobilistica del futuro.

Con un’infrastruttura che combina design generativo, realtà virtuale, stampa 3D e supply chain basata su cloud, la startup automobilistica Hackrod è un’azienda automobilistica come nessun’altra. Il suo approccio in sviluppo consentirà la produzione additiva di “soluzioni su misura per veicoli”, rendendo il cliente il progettista della propria auto.

Oggi Hackrod sta tentando di raccogliere fondi per le sue attività ambiziose utilizzando First Democracy VC, un nuovo portale di crowdfunding azionario di MicroVentures e Indiegogo. Usando questa piattaforma di crowdfunding, la compagnia vuole raccogliere tra i 50.000 e gli 1,07 milioni di dollari, in connessione con un finanziamento azionario di almeno  1 milione di dollari. I vantaggi per gli investitori (con più di 10.000 dollari) includono la prima opzione sulla splendida vettura sportiva ” La Bandita ” dell’azienda.

Quindi questa è una nuova alba per la produzione automobilistica? E di conseguenza, Hackrod è un buon investimento? I grandi obiettivi dell’azienda sono certamente entusiasmanti: la società afferma di voler collegare le future tecnologie di produzione automobilistica: crowdsourcing, cloud, realtà virtuale e aumentata, intelligenza artificiale e produzione avanzata per ridefinire il modo in cui i veicoli sono progettati, ingegnerizzati e prodotti.

In definitiva, questo abbraccio di nuovi approcci tecnologici consentirà ai clienti Hackrod di scegliere opzioni personalizzate per la propria auto, consentendo al contempo alla piattaforma digitale di riempire gli spazi vuoti: gestione dei componenti, analisi ingegneristica e integrazione hardware. Progettare una macchina è così facile come “giocare a un videogioco”.

La più grande dimostrazione del potenziale di Hackrod potrebbe, emozionantemente, arrivare nel formato più spettacolare. Dal 2015, la società ha condotto ricerche per Autonomo , un “film d’azione ambientato in una futura battaglia tra sistemi autonomi e il sogno americano della strada aperta”. Il film sarà prodotto da McCoy e comprenderà 50 macchine sviluppate da Hackrod. Queste auto serviranno anche come modelli per i futuri clienti Hackrod.

Chiaramente, in questa azienda c’è molto da fare, ma la promessa dei veicoli stampati in 3D è qualcosa a cui non possiamo resistere guardando più da vicino. Per quello che vale, Hackrod sembra aver fatto i compiti: “Attualmente, alcune parti di veicoli come i cruscotti di produzione e le ventole di raffreddamento sono già realizzate utilizzando la produzione additiva”, dice l’azienda. “La combinazione di un aumento delle adozioni di produzione additiva e dei progressi tecnologici potrebbe aumentare il numero di componenti prodotte in modo additivo in futuro.”

Ma non sono solo i cruscotti e le prese d’aria che Hackrod ha assegnato alla stampante 3D. Pensa che tanti elementi come il powertrain, il telaio, il corpo, le porte, le parti OEM, l’elettronica, le ruote e gli interni potrebbero essere stampati in 3D in vari modi, utilizzando una combinazione di fusione laser selettiva (SLM), fusione del fascio di elettroni (EBM) , stereolitografia (SLA) e altre tecnologie. L’uso della stampa 3D, dice Hackrod, può trasformare un prototipo di manifold del motore di quattro mesi,   500.000 dollari in uno di quattro giorni, da  3000 dollari.

Mentre   McCoy ha una vasta esperienza nel mondo automobilistico, sono i colleghi del guru del cinema che gestiranno il lato della produzione additiva di Hackrod. CPO Felix Holst si è spostato dall’industria dei giocattoli al business della musica e di nuovo indietro, e ha passato gli ultimi due anni a studiare VR, AI e produzione additiva; CTO Slade Gardner, d’altra parte, ha esperienza nella configurazione delle apparecchiature, nello sviluppo dei materiali e nella transizione ingegneristica per la produzione di additivi di grandi dimensioni, le strutture composte aerospaziali, i nanomateriali e le società di materiali compositi termoplastici.

Un’ulteriore esperienza in tutte le cose 3D verrà da un’azienda molto più familiare ai nostri lettori. Hackrod ha attualmente una partnership con il gigante del software di stampa 3D Autodesk che consentirà all’azienda automobilistica e ai suoi clienti di creare prototipi di auto virtuali utilizzando la visualizzazione 3D di Autodesk VRED e il software di prototipazione virtuale.

Hackrod è apparso per la prima volta sul nostro radar nel 2016, quando la compagnia ha mostrato alcuni incredibili buggy per dune stampati in 3D generati usando la tecnologia AI.

Be the first to comment on "Hackrod La Bandita la macchina del futuro"

Leave a comment