Habibi.works i rifugiati greci e la stampante 3d Mass Portal donata da Materialise

Rifugiati greci usando la stampante Mass Portal 3D, donata da Materialise, per progettare e stampare i propri modelli

Spesso ascoltiamo storie commoventi di come la stampa 3D viene utilizzata per rendere il mondo un posto migliore in tutti i modi. Nel 2016, l’ONG tedesca Soup & Socks eV ha fondato un fab lab interculturale, o makerspace, chiamato Habibi.Works , che fornisce piattaforme per l’educazione quotidiana e l’empowerment a migliaia di rifugiati e alla comunità locale, a Katsikas, in Grecia.

“Uno dei nostri valori più importanti in Habibi.works è che lavoriamo con le persone per trovare soluzioni ai loro problemi”, ha spiegato Saad Abouchadi, che ha lavorato volontariamente con il makerspace per un anno. “È un’interazione a doppio senso. Quindi, le persone verranno da noi con un problema che stanno cercando di risolvere o con una soluzione che vogliono implementare, e forniremo gli strumenti e la piattaforma per consentire loro di realizzarlo. Anche quando forniamo workshop o formazioni di esperti, di solito proviene dagli interessi delle comunità “.

Quando Soup & Socks eV arrivarono per la prima volta a Katsikas con l’obiettivo di creare una cucina per la comunità, l’infrastruttura non era eccezionale: solo 16 bagni chimici per 1.200 rifugiati, senza acqua corrente e senza acqua di scarico. Ma, in soli sette mesi, il progetto si è trasformato nello spazio di produzione Habibi.Works, che offre alle persone nei campi l’accesso a diversi laboratori, tra cui un fab lab di stampa 3D.

“Le infrastrutture sono migliorate molto, le persone non vivono più nelle tende ma nei container con bagni e cucine individuali. Tuttavia, sono costretti a vivere in questo ghetto ostile, esclusi dalla società greca, dal mercato del lavoro e in molti casi anche dall’istruzione. C’è ancora molto lavoro da fare per migliorare la situazione delle migliaia di persone che cercano una vita migliore in Europa “, ha detto Abouchadi. “La stampa 3D nello spazio del produttore è solo un piccolo passo verso una vita migliore, ed è un modo per le persone di occuparsi di realizzazione e apprendimento.”

Il makerspace offre molteplici aree di lavoro, come un atelier di cucito, un’officina di metallo, un’officina di legno e un laboratorio multimediale, che offre l’accesso a tecnologie come la realtà virtuale, il taglio laser e la stampa 3D. Abouchadi è il supervisore del laboratorio multimediale e della stampa 3D, offre lezioni di computer, laboratori di formazione e insegnanti che insegnano come progettare e stampare i propri modelli, che secondo lui è un’esperienza di “potenziamento”.

“Questo spazio offre nuove opportunità agli individui premurosi, alle menti brillanti e alle mani laboriose che vivono in questo campo”, ha detto Abouchadi. “Creare soluzioni invece di aspettare soluzioni ha un impatto incomparabile sulla situazione di vita delle persone, sulla motivazione e sull’autostima”.

Un punto di forza nel laboratorio multimediale è la sua nuova stampante Mass Portal 3D, che è stata donata allo spazio di produzione da Materialise . L’azienda si è impegnata a favore della sostenibilità per rendere il mondo un posto migliore e ha donato il sistema come parte del suo programma di responsabilità sociale d’impresa , che supporta ONG, organizzazioni no-profit e altre iniziative che lavorano su progetti che implicano “l’uso della tecnologia per migliorare la vita delle persone e rendere il mondo un posto migliore. “

Abouchadi è soddisfatto della nuova stampante 3D, che aiuta sia i membri della comunità che i rifugiati a imparare come progettare i propri modelli 3D.

“Si tratta di un aggiornamento sulla nostra macchina precedente in quanto consente la doppia estrusione e crea stampe molto più accurate.”

Le persone che utilizzano lo spazio e i workshop di Habibi.Works escogitano le proprie idee su cosa fare, quindi ricevono aiuto dai volontari per sviluppare le proprie competenze e trasformare queste idee in realtà. Insieme, decidono l’approccio migliore, che si tratti di lavorazione del legno, taglio laser o stampa 3D, quindi completano il progetto. A causa di questo tipo di collaborazione, il progetto sta introducendo nuovi interessi educativi e professionali, come i produttori sono pronti e disposti a, come dice Materialise, “esplorare il loro potenziale” e migliorare la loro situazione.

Da quando è arrivata la stampante Mass Portal 3D, i produttori sono stati impegnati a progettare e stampare oggetti che sono divertenti, come giocattoli mini aeroplano e set di scacchi, e pratici, come gioielli e supporti telefonici. Abouchadi dice che può già vedere gli “effetti positivi” che la donazione sta avendo sulla motivazione e lo spirito della comunità. La stampa 3D è stata utilizzata per fornire ai rifugiati esigenze più immediate, come scarpe , abitazioni e dispositivi medici , ma mettere la potenza della tecnologia nelle loro mani è soddisfare un diverso tipo di necessità.

Be the first to comment on "Habibi.works i rifugiati greci e la stampante 3d Mass Portal donata da Materialise"

Leave a comment