Gus Perna l’esercito Usa e la stampa 3d

L’ESERCITO AMERICANO STA MARCIANDO VERSO L’INTEGRAZIONE DELLA PRODUZIONE ADDITIVA NELLA SUA CATENA DI APPROVVIGIONAMENTO

L’ esercito americano sta lavorando allo sviluppo della sua catena di approvvigionamento per supportare l’integrazione della produzione additiva. Questo è secondo il generale Gus Perna, il capo del comando del materiale militare dell’esercito, che parla a un evento stampa a Washington il 4 febbraio 2020.

Avendo sperimentato e sperimentato la tecnologia negli ultimi tempi, Perna afferma che ora è pertinente per l’esercito americano sviluppare un mezzo per distribuire e utilizzare efficacemente la stampa 3D attraverso il servizio, in particolare all’interno di arsenali, depositi e piante.

A tal fine, una politica manifatturiera avanzata è stata approvata dal segretario dell’esercito Ryan D. McCarthy nell’ottobre 2019, incentrata in particolare su “Abilitare la prontezza e la modernizzazione attraverso la produzione avanzata”. La politica mira a spingere in avanti l’adozione della stampa 3D per produrre rapidamente parti. Riaffermando il suo impegno per la produzione avanzata e la stampa 3D, Perna afferma che il prossimo passo per l’esercito americano è quello di sviluppare un processo per utilizzare le capacità della tecnologia in tutta la forza.

L’esercito degli Stati Uniti ha avviato una serie di iniziative di produzione additiva nel corso degli anni. Oltre a cercare di sviluppare e implementare la tecnologia all’interno della forza stessa, l’esercito americano ha anche agito come una fonte primaria di finanziamento per la ricerca all’avanguardia sulla tecnologia.

Ad esempio, collaborando con il Marine Corps Systems Command (MCSC), US Army Corps of Engineers (USACE) sta lavorando per costruire basi usando cemento stampato in 3D . Lo sviluppo di leghe ad alta resistenza per la stampa 3D è solo uno dei molti progetti di ricerca sulla produzione additiva attualmente in corso presso il Army Research Laboratory (ARL).

Alla fine del 2018, ARL e il National Center for Manufacturing Sciences (NCMS) degli Stati Uniti hanno anche aperto il Centro e il consorzio Advanced Manufacturing, Materials and Processes (AMMP) ad Aberdeen, nel Maryland. Stampante 3D leader OEM 3D Systems è un collaboratore chiave per progetti di produzione additiva al centro.

Nel 2019, prima della creazione della politica manifatturiera avanzata, uno degli sviluppi più importanti comprendeva il lancio del programma AMNOW da parte del National Center for Defence Manufacturing and Machining (NCDMM) insieme all’acceleratore della produzione additiva America Makes e alla consulenza con sede in Pennsylvania Catalyst Connection . Finanziato dal Centro dell’aviazione e dei missili del Comando di sviluppo delle capacità di combattimento dell’esercito americano (CCDC) , il programma mira a facilitare l’integrazione additiva nella logistica dell’esercito.

Andando avanti, Perna spiega che il piano è quello di creare il Centro di eccellenza per la produzione avanzata a Rock Island Arsenal, Illinois, che ha raggiunto la capacità operativa iniziale nel maggio 2019, la base per tutte le capacità di produzione additiva nell’esercito degli Stati Uniti. Secondo Perna, circa 25 milioni di dollari sono stati investiti in attrezzature per l’hub dall’esercito americano.

Il prossimo passo è estendere queste capacità agli altri depositi, piante e arsenali all’interno della forza, nonché alle divisioni. Le divisioni sono già autorizzate ad acquistare apparecchiature di produzione additiva, tuttavia, pochi stanno impiegando la tecnologia a livello tattico. Una difficoltà nel portare la tecnologia di stampa 3D sul campo è la manovrabilità e il tempo, nonché problemi pratici come stabilire una fonte di alimentazione per il funzionamento delle stampanti 3D. Parlando alle notizie della difesa, Perna spiega: “Non posso semplicemente mettere una pletora di macchine là fuori”, ha detto. “Devo ottenere le macchine giuste. Quindi voglio macchine là fuori che possano riparare quelli che chiamiamo driver di prontezza. Cose che si rompono molto in modo che possano essere portate avanti. ”Inoltre, Perna spiega che si sta lavorando su un thread digitale che collega la base di casa a depositi, arsenali e piante, consentendo la condivisione di disegni e file 3D fra loro.

Be the first to comment on "Gus Perna l’esercito Usa e la stampa 3d"

Leave a comment