Graphmatec Add North 3D e l’Aros Graphene del Dr. Mamoun Taher

La scorsa estate, lo scienziato dei materiali Dr. Mamoun Taher,  ricercatore nel  Dipartimento di Chimica presso  l’Università di Uppsala  , in Svezia, ha lavorato con l’imprenditore Björn Lindh per fondare una startup la Graphmatech, di cui Taher è il CEO,  . La start up non è solo finanziata dal principale acceleratore di business europeo della InnoEnergy Highway , che è specializzato in energia sostenibile, ma appartiene anche a SynerLeap , l’ hub di crescita dell’innovazione del Centro di Ricerca Aziendale di ABB .

Quando Taher stava lavorando su materiali di grafene come postdoc a Uppsala, scoprì quante proprietà fossero perse quando i sottili fiocchi si aggregavano l’un l’altro durante la produzione su larga scala e decisero di trovare una soluzione.

Ora una delle prime 10 società nella  competizione di avvio Open Nordic Cleantech 2018  , Graphmatec sta facendo abbastanza bene per se stessa, e Taher ha anche sviluppato una nuova forma di grafene , chiamato Aros Graphene, che rende possibile utilizzare il materiale complesso su un più grande scala nell’industria.

Il grafene, un materiale di carbonio bidimensionale, viene sempre più utilizzato nelle applicazioni distampa 3D ed è 200 volte più resistente dell’acciaio, ma il 12%  più leggero del secondo materiale più leggero al mondo. Mentre il materiale pone delle difficoltà quando si tratta di  produzione in serie , è ottimo per condurre elettricità e calore, e i materiali stampabili in 3D possono essere migliorati mescolando il grafene con i nanocompositi.

Ora, Graphmatech ha collaborato con un’altra tecnologia per la materia prima,  Add North 3D , per sviluppare nuovi filamenti conduttivi per la stampa 3D, basati sul suo materiale nanocomposito Aros Graphene brevettato.

Secondo il sito web di Add North 3D, “la stampa 3D offre possibilità uniche di testare nuovi materiali e vogliamo essere in prima linea nel contribuire a sostituire l’atomo di carbonio nero con quello verde in tutte le parti possibili della società”.
Lo sviluppatore di materiali svedese Add North 3D, che ha iniziato nel 2016, è specializzato in materiali FFF / FDM. Negli ultimi due anni, la startup si è concentrata sui materiali di consumo, sullo sviluppo di nuovi materiali, come ad esempio il nuovo materiale opaco: architetto e soluzioni plastiche sostenibili. Funziona anche su progetti di sviluppo, come la creazione di un nuovo processo per rendere il PLA 3D stampabile dai flussi laterali dell’industria forestale del paese, finanziati dalla Swedish Innovation Authority.

La startup è ora pronta per introdurre un’espansione internazionale e il filamento basato su grafene Aros sarà uno dei suoi capisaldi.

Recentemente, Graphmatec ha sviluppato un processo scalabile ed economico per rivestire il polimero granulare e la polvere con il suo materiale Arene Graphene per ottenere una dispersione di alta qualità. Il processo è un “passaggio di compattamento” prima che i filamenti vengano estrusi e potrebbe anche essere messo in opera per rivestire il polimero granulare e la polvere con diversi tipi di additivi.

Aros Graphene è facile da disperdere nei polimeri e la tecnologia di Graphmatec consente di adattare il livello preciso della conduttività del filamento, che introdurrà un’intera nuova gamma di applicazioni di stampa 3D, inclusi componenti di gestione termica, scudi elettromagnetici e a radiofrequenza, sensori e circuito.

Taher ha detto in maggio: “Abbiamo visto che una pasta termica contenente Aros Graphene è il 180 percento più conduttiva rispetto ad altri prodotti a pasta termica sul mercato. Nel futuro prossimo in cui saranno necessari sempre più data center per archiviare i dati, c’è una grande richiesta di soluzioni avanzate di gestione termica. ”
I nuovi filamenti conduttivi di Add North 3D e Graphmatec saranno presto ottimizzati e quindi saranno sottoposti a test beta con un gruppo di riferimento. Il materiale dovrebbe raggiungere il mercato entro i prossimi 6-12 mesi.

Be the first to comment on "Graphmatec Add North 3D e l’Aros Graphene del Dr. Mamoun Taher"

Leave a comment