GM tampa 3D, AI e cloud computing per ottenere auto più leggere

GM che utilizza il software Autodesk, stampa 3D, AI e cloud computing per l’alleggerimento del veicolo

General Motors utilizza software di progettazione generativa, stampa 3D, intelligenza artificiale e cloud computing per introdurre la prossima generazione di veicoli leggeri. General Motors ha descritto “le tecnologie sono fondamentali per lo sviluppo di veicoli di propulsione alternativa efficienti e più leggeri e zero emissioni”.

Utilizzando il cloud computing e gli algoritmi basati su intelligenza artificiale, è possibile esplorare molteplici permutazioni di una progettazione di parti. Il nuovo software di progettazione generativa di Autodesk genera centinaia di opzioni di progettazione geometrica ad alte prestazioni, spesso dall’aspetto organico basate su obiettivi e parametri impostati dall’utente, come peso, resistenza, scelta del materiale, metodo di fabbricazione e altro. L’utente quindi determina l’opzione di progettazione della parte migliore.

La nuova tecnologia aiuta sia a ridurre la massa del veicolo sia a consolidare i componenti. Gli ingegneri GM e Autodesk hanno applicato questa nuova tecnologia per produrre una parte proof-of-concept – una staffa del sedile stampata in 3D – che è il 40 percento più leggero e il 20 percento più forte della parte originale. Consolida inoltre otto diversi componenti in un’unica parte stampata in 3D.

“Questa tecnologia dirompente fornisce enormi progressi nel modo in cui possiamo progettare e sviluppare componenti per i nostri veicoli futuri per renderli più leggeri ed efficienti, ha dichiarato il vicepresidente di GM Ken Kelzer, Global Vehicle Components and Subsystems. Per oltre tre decenni, GM ha utilizzato la stampa 3D per creare parti tridimensionali direttamente dai dati digitali attraverso l’aggiunta successiva di strati di materiale. “Quando abbiniamo la tecnologia di progettazione a innovazioni di produzione come la stampa 3D, il nostro approccio allo sviluppo dei veicoli è completamente trasformato ed è fondamentalmente diverso da co-creare con il computer in modi che non avremmo mai potuto immaginare prima.” L’azienda ha più di 50 stampanti 3D che hanno prodotto oltre 250.000 parti di prototipi nell’ultimo decennio.

Come parte di un’alleanza pluriennale incentrata sull’innovazione, GM e Autodesk collaboreranno a progetti che coinvolgono la progettazione generativa, la produzione additiva e la scienza dei materiali.

“Il design generativo è il futuro della produzione e GM è un pioniere nell’utilizzarlo per alleggerire i loro veicoli futuri”, ha dichiarato Scott Reese, Vicepresidente senior di Autodesk per la produzione e i prodotti da costruzione. “Le tecnologie generative cambiano radicalmente il modo in cui viene eseguito il lavoro di ingegneria perché il processo di produzione è integrato nelle opzioni di progettazione sin dall’inizio. Gli ingegneri GM saranno in grado di esplorare centinaia di opzioni di progettazione pronte per essere prodotte e ad alte prestazioni più velocemente di quanto non siano in grado di convalidare un singolo progetto alla vecchia maniera. ”

Dal 2016, GM ha lanciato 14 nuovi modelli di veicoli con una riduzione totale di massa di oltre 5.000 libbre., O più di 350 sterline per veicolo. Di questi modelli, più della metà dei veicoli ha perso 300 libbre o più, compresa la nuovissima Chevrolet Silverado 2019, che ha ridotto la massa di fino a 450 libbre.

Be the first to comment on "GM tampa 3D, AI e cloud computing per ottenere auto più leggere"

Leave a comment