Gm e Autodesk insieme per una nuova generazione di auto elettriche

La General Motors ha collaborato con  Autodesk per creare componenti stampate in 3D per una nuova generazione di auto. Il produttore sta cercando di sviluppare una nuova linea di veicoli ad energia alternativa nei prossimi anni e la stampa 3D verrà utilizzata per fabbricare parti più leggere per le nuove auto, in un modo più economico. L’obiettivo finale dell’azienda è quello di avere 20 nuovi modelli di auto ad energia alternativa aggiunte alla sua gamma di prodotti entro il 2023.

Con l’uso di combustibili fossili e le emissioni di anidride carbonica legate ai cambiamenti climatici, si cercano sempre più modi alternativi di alimentare le auto in tutto il settore, e la General Motors spera di cavalcare l’onda di questi cambiamenti. I progressi nella tecnologia di produzione hanno reso i nuovi sviluppi progressivamente più fattibili e convenienti per la produzione, e l’amministratore delegato Mary Barra ha promesso audacemente agli investitori della General Motors che il produttore con sede a Detroit guadagnerà dalla vendita di auto elettriche entro il 2021 .

Le auto elettriche saranno alimentate da celle a combustibile o batterie che possono essere caricate a punti di potenza dedicati, proprio come le stazioni di rifornimento. I nuovi modelli per la gamma di auto elettriche GM richiederanno un’intera serie di nuove parti e la tecnologia di stampa 3D si rivelerà utile come mezzo per portare questi progetti pionieristici alla fase di produzione. La chiave sarà produrre parti che siano il più leggere possibile per massimizzare l’efficienza del carburante, oltre a implementare nuovi metodi di produzione in modo conveniente per l’azienda.

GM ha recentemente dimostrato una staffa del sedile in acciaio inossidabile stampata in 3D che è stata sviluppata utilizzando la tecnologia 3D di Autodesk. Le due società hanno fatto ricorso al cloud computing e agli algoritmi basati sull’intelligenza artificiale per esplorare rapidamente più permutazioni di una progettazione di parti, prima di stabilirsi sulla struttura ottimale.

Con l’uso di metodi di produzione convenzionali, una parte come questa avrebbe richiesto otto diversi componenti, provenienti da diversi fornitori. Con questo nuovo sistema, la staffa del sedile a impatto visivo era composta da una sola parte, fabbricata direttamente dal modello digitale 3D. Questo metodo ha reso il 40 percento più leggero e il 20 percento più forte di quanto sarebbe stato altrimenti, con giunti e dispositivi che aumentavano il peso totale e aumentavano il numero di punti deboli.

Il direttore della progettazione e produzione additiva di GM, Kevin Quinn, ha predetto che le parti stampate in 3D compariranno nei veicoli di alta gamma della società entro l’anno prossimo. La ripetibilità e la robustezza sono attualmente i problemi principali che stanno trattenendo la tecnologia dalle applicazioni di produzione della fase finale su una scala più ampia. Entro cinque anni, la GM spera di produrre migliaia o addirittura decine di migliaia di parti per la produzione di massa, poiché la tecnologia continua a migliorare. “Questa è la nostra panacea”, ha detto Quinn. “Questo è ciò che vogliamo raggiungere.”

Altre case automobilistiche, come la BMW e principale concorrente degli Stati Uniti di GM Ford, hanno approfittato di quello che la stampa 3D ha da offrire, con strumenti 3D stampati e prototipi 3D stampati diventando sempre più diffusa. Ford è ora in procinto di testare componenti stampati 3D leggeri per la produzione di massa.

Be the first to comment on "Gm e Autodesk insieme per una nuova generazione di auto elettriche"

Leave a comment