Gli auricolari Parry’s HeX wireless stampati in 3d aiutano a migliorare l’udito e sono anche cool

Gli auricolari wireless stampati in 3daiutano a migliorare l’udito e ridurre lo stigma attorno agli apparecchi acustici tradizionali
Elen Parry  della Manchester Metropolitan University   si concentra sull’utilizzo di “metodi di progettazione centrata” per ridurre l’esclusione nei confronti delle persone. Il suo attuale progetto è un concetto di auricolare senza fili stampato in 3D, volto ad aiutare le persone con disabilità uditive a combattere lo stigma intorno agli apparecchi acustici tradizionali, migliorando allo stesso tempo il loro udito.

Gli auricolari Parry’s HeX , scelti dal CEO del Design Council Sarah Weir come prima scelta per l’evento ‘New Designers’ di quest’anno, sono cuffie audio che possono essere utilizzate anche come dispositivi acustici avanzati. Il concetto richiede l’uso di un chip avanzato, che riceve ed elabora segnali sonori ed è in grado di differenziare e controllare ciò che si desidera realmente sentire e il normale rumore di fondo. Gli utenti possono ridurre o aumentare il volume del loro ambiente, il che potrebbe aiutare a estendere la loro capacità di ascolto e allo stesso tempo proteggerli contro la perdita dell’udito.

Grazie alla tecnologia come la stampa 3D e i sistemi di produzione connessi, ora è possibile produrre dispositivi come apparecchi acustici e auricolari e prodotti combinati come HeX su larga scala.

“La mia missione è incoraggiare l’inclusione sociale attraverso i miei progetti, per creare situazioni migliori per tutti. Il principio guida alla base della creazione di auricolari HeX era la creazione di un dispositivo acustico adatto a tutti, indipendentemente dal fatto che vivessi con perdita dell’udito o udito perfetto “, ha affermato Parry.

“Le persone con disabilità spesso si sentono escluse e vistose a causa dei loro dispositivi medici, quindi voglio trasformare gli apparecchi acustici in un prodotto tecnologico indossabile che dia alle persone maggiore udito, stile e sicurezza – qualcosa che chiunque potrebbe voler indossare.

“La stampa 3D ci consente di produrli in modo rapido e relativamente semplice, in modo che gli auricolari HeX possano essere facilmente prodotti per un pubblico di massa”.

Gli auricolari HeX sono realizzati in silicone, con protezione da flangia da singola a tripla e involucro in titanio di grado medicale, e possono essere personalizzati e stampati in 3D per adattarsi perfettamente a qualsiasi dimensione o forma dell’orecchio. La forma esagonale del prodotto offre un’esperienza uditiva più naturale e multidirezionale, che consentirebbe agli utenti di ascoltare ed elaborare una moltitudine di suoni diversi. L’idea è che gli auricolari per apparecchi acustici offrano anche le più recenti tecnologie connettive, in modo che, indipendentemente dalla capacità uditiva o dalla mancanza di una persona, HeX sia ancora un prodotto ricercato nel mercato di massa.

“Era mia intenzione progettare un apparecchio acustico accessibile che rimuova le barriere sociali e possa migliorare le capacità umane, rendendolo desiderabile per una gamma più ampia di persone”, ha scritto Parry sul suo sito.
Ad esempio, gli utenti di HeX potrebbero connettersi con altri dispositivi per completare facilmente attività come lo streaming di musica o la risposta al telefono mentre si è fuori dall’uso delle tecnologie integrate Bluetooth, infrarossi e di movimento.

Altre tecnologie che Parry spera di incorporare in HeX includono batterie ricaricabili di grafene, oltre a due strisce di connettività per una ricarica rapida.

Un prototipo stampato in 3D del concetto di auricolari Hein di Parry è già stato prodotto presso l’avanzata stampa universitaria e l’hub di produzione digitale Print City, aperto sia all’industria che ai ricercatori.

“Questo è uno dei tanti esempi di come la produzione additiva e il pensiero immediato di Elen sconvolgano l’attuale progettazione di dispositivi medici”, ha affermato il professor Craig Banks, responsabile accademico di Print City.
Poche industrie sono state influenzate tanto dalla stampa 3D quanto dall’industria della produzione di apparecchi acustici, che è passata interamente alla stampa 3D diversi anni fa dopo che Phonak , di proprietà di Sonova , ha iniziato a utilizzare la tecnologia per produrre i suoi apparecchi acustici . L’azienda globale stava riscontrando un tale successo con la stampa 3D che il resto del settore notòe rapidamente ne seguì l’esempio. Non molto tempo dopo, altri metodi di produzione nel mondo degli apparecchi acustici sono stati sostanzialmente spazzati via dalla stampa 3D.

Con prodotti innovativi come gli auricolari HeX e produttori come Parry che sono consapevoli e combattono contro i problemi sociali del giorno, stiamo veramente vedendo cosa è in grado di aiutarci a creare la stampa 3D. Scommetto che non abbiamo ancora rotto la superficie.

Be the first to comment on "Gli auricolari Parry’s HeX wireless stampati in 3d aiutano a migliorare l’udito e sono anche cool"

Leave a comment