General Motors utilizza la stampa 3D per produrre ventilatori COVID-19


Negli ultimi mesi abbiamo riferito di aziende e altre iniziative che utilizzano la stampa 3D per combattere la pandemia di COVID-19. Ecco come vengono stampate maschere, tamponi per test e altre innovazioni implementate. Abbiamo riassunto gli sviluppi più importanti in questo settore in una pagina speciale .

La casa automobilistica americana General Motors spiega in un comunicato stampa come la stampa 3D durante la pandemia ha contribuito a convertire la produzione in ventilatori. La società aveva precedentemente fatto affidamento sulla produzione additiva per la produzione di automobili. Lo stesso team ha ora contribuito a rendere la transizione dalla produzione dei veicoli ai dispositivi medici in pochi giorni.

“La stampa 3D ci aiuta a progettare e costruire parti e prodotti più rapidamente in modi che prima non eravamo in grado di fare”, ha affermato Kevin Quinn, direttore GM della progettazione e produzione additiva. “Sta già avendo un impatto positivo sul modo in cui progettiamo e costruiamo veicoli come la Corvette, e ci ha permesso di applicare la nostra esperienza nella produzione di massa a dispositivi e apparecchiature mediche”.

“Senza la stampa 3D, non saremmo stati in grado di rispondere al virus corona tanto rapidamente quanto senza la stampa 3D”, ha dichiarato Ron Daul, direttore GM della produzione additiva. “Investire nelle nostre due strutture di produzione additiva e addestrare il team all’uso della stampa 3D per lo sviluppo ci ha permesso di produrre ventilatori e dispositivi di protezione individuale praticamente durante la notte.”

Per produrre materiale medico, il team ha applicato la produzione additiva in tre aree chiave: produzione, prototipazione e produzione.

Fabbricazione di ventilatori / h2>
Quasi tutti gli strumenti per il montaggio dei ventilatori che GM produce insieme al suo partner Ventec Life Systems e al partner di cooperazione Hamilton Medical sono stampati in 3D.

La maggior parte sono “nidi” stampati in 3D o staffe che tengono in posizione le parti durante il montaggio presso lo stabilimento GM di Kokomo, Indiana, e lo stabilimento Hamilton Medical a Reno, Nevada. Questi nidi vengono replicati utilizzando i dati delle parti ottenuti da Ventec a Seattle e Hamilton in Svizzera.

Per aumentare ulteriormente la reattività, i team del GM Additive Innovation Lab e del Additive Industrialization Center, entrambi a Warren, nel Michigan, hanno recentemente consegnato e installato stampanti 3D dalle rispettive strutture alla struttura di Kokomo per stampare nuovi utensili manuali in loco.

Be the first to comment on "General Motors utilizza la stampa 3D per produrre ventilatori COVID-19"

Leave a comment