Genecis i rifiuti alimentari diventano in un filamento di stampa 3D di plastica biodegradabile

La startup canadese sta trasformando i rifiuti alimentari in un filamento di stampa 3D di plastica biodegradabile

 La stampa 3D viene spesso utilizzata negli sforzi per la sostenibilità , come la produzione di  pneumatici , protesi e automobili da materiali riciclati, gli sforzi per il trattamento dell’acqua e l’ interruzione dello spreco alimentare con verdure stampate in 3D e altri alimenti . L’ USDA ha stimato che tra il 30 e il 40% dell’intero approvvigionamento alimentare del paese viene sprecato, e circa il 30% delle colture commestibili di frutta e verdura sono rifiutate per la vendita in Sud Africa a causa del loro aspetto solo. Alcune aziende stanno lavorando per ottenere il 100% di uso di prodotti alimentari senza spreco di sorta, il che potrebbe essere difficile. Ma invece di fermare completamente gli sprechi alimentari, altri vogliono usare questi scarti commestibili per fare qualcosa di meglio : materiali riciclati per la stampa 3D.

I filamenti di stampa 3D riciclati sono stati realizzati con tutti i tipi di materiali, dai materiali di scarto di plastica e di materiali da costruzione grezzi alle reti da pesca e persino ai rifiuti umani , così grossolano come sembra. Un gruppo di laureati dell’Università di Toronto, Scarborough in Canada, ha costituito una startup chiamata Genecis e ha scoperto un modo per riciclare i rifiuti alimentari e trasformarli in materie plastiche biodegradabili, che possono quindi essere utilizzate per realizzare qualsiasi cosa, dal filamento di stampa 3D al packaging.

“Genecis utilizza la biologia per convertire i rifiuti organici in materiali di valore superiore. La prima linea di prodotti è costituita da biopolimeri PHA (poliidrossialcanoati), che vengono utilizzati in combinazione con PLA per produrre filamenti di stampa 3D. Viene anche utilizzato per confezioni e contenitori flessibili di alta gamma. Inoltre, i PHA rendono più duro e meno fragile il filamento di stampa 3D. Il prodotto finale è biodegradabile al 100% e può essere miscelato con una varietà di colori “, ha spiegato Luna Yu, fondatrice e CEO di Genecis. “Attualmente tutti i PHA provengono da colture alimentari costose come mais, canna da zucchero e canola. Genecis ha sviluppato una nuova tecnologia che produce PHA da rifiuti alimentari misti, riducendo drasticamente i costi di produzione “.
I PHA sono prodotti da microrganismi, che l’avvio modifica modificando la composizione dei batteri. Genecis ha ciò che Yu chiama “speciali ricette di batteri” al centro della sua tecnologia, che può assemblare rapidamente e automaticamente i materiali in modo tale che possano successivamente produrre sostanze chimiche più rare, così come materiali che costano troppo creare chimicamente. Genecis afferma che il suo “cocktail di batteri PHA” è in grado di produrre bioplastiche PHA con un costo inferiore del 40% rispetto alle attuali produzioni commerciali.

“Negli ultimi due anni, Genecis ha raccolto batteri da tutto il mondo e isolato oltre 200 specie che non sono presenti in nessun database esistente. Questo ci permette di iniziare a sviluppare la nostra piattaforma di biologia sintetica, che crea rapidamente nuovi batteri sintetici “, ha detto Yu. “Questi batteri possono essere utilizzati per ottenere migliori PHA per la stampa 3D e riprogrammati per produrre materiali di valore superiore utilizzati nei settori cosmetico, farmaceutico e dei nanomateriali”.
[Immagine: tendenze digitali]
Secondo il sito web della startup, i PHA possono essere completamente compostati e modellati in prodotti come il filamento di stampa 3D. Si degrada anche in un anno nelle discariche e nella natura ed è uno degli unici tipi di bioplastica che, se finisce in qualche modo riciclando, può essere combinato con la plastica a base di petrolio per produrre resina.

Finora, Genecis ha elaborato un totale di 1.080 kg di rifiuti alimentari e sta attualmente lavorando per commercializzare la sua prima linea di prodotti a pellet di bioplastica PHA. Inoltre, la startup canadese è alla ricerca di nuovi partner che agiscano come utenti dei suoi polimeri fabbricati. Questa idea ti darà sicuramente qualcosa su cui pensare la prossima volta che stai buttando via quell’insalata perfettamente mangiata e mezza mangiata.

Be the first to comment on "Genecis i rifiuti alimentari diventano in un filamento di stampa 3D di plastica biodegradabile"

Leave a comment