GE Additive Zac Posen

Nel maggio di quest’anno, la stampa 3D ha fatto il suo debutto sul tappeto rosso. La visione dello stilista di New York Zac Posen, diversi pezzi di moda unici ha suscitato scalpore al Met Gala 2019 . Indossati dalla top model britannica Jourdan Dunn e dall’attore canadese Nina Dobrev, probabilmente i pezzi più iconici della collezione di Posen sono stati il ​​cosiddetto “abito rosa” e un bustier simile a una pantofola di vetro.

Una prodezza ingegneristica tanto quanto l’alta moda, la produzione di queste esclusive dichiarazioni di moda ha richiesto un team esperto di addetti alla produzione additiva. In questo caso, è stata creata una partnership tra Protolabs e GE Additive .

Da AddWorks , la filiale di consulenza di GE Additive, parlo con il responsabile tecnico Stephanie Depalma, l’ingegnere capo Shannon Jagodinski e il designer Rhiannon Sheridan sulla realizzazione di questi capi iconici.

L’abito rosa di Dunn è un abito rosso lucido composto da 21 petali stampati singolarmente in 3D. L’idea è che il capo appaia congelato nel tempo, catturando il movimento e la crescita organica di un bocciolo di rosa. Sotto, tenendo ciascuno dei petali insieme è una cornice di metallo su misura. Al contrario, il bustier indossato da Dobrev dà l’illusione che sia realizzato in un unico pezzo di vetro. Entrambi questi pezzi sono stati ampiamente lavorati dal team AddWorks in vista del Met Gala 2019. Complessivamente, al team sono stati concessi sei mesi per completare il progetto. Sebbene GE Additive abbia gestito parte della produzione per il progetto nel suo Additive Technology Center di Cincinnati, il compito principale del team AddWorks era interpretare gli schizzi dei capi come modelli CAD.

“Il nostro più grande coinvolgimento in questo progetto è stato con la progettazione, in particolare la progettazione per additivi”, spiega DePalma. In particolare, il team si preoccupava di “come interpretare la sua visione [di Posen] in un modello CAD”.

Unendo ogni elemento del progetto c’erano le considerazioni uniche che dovevano essere fatte in relazione all’ingegneria per la moda. “Una delle parti divertenti dell’intera collaborazione è stata capire cosa significasse la prestazione per Zac e il suo team”, mi ha detto DePalma, “Ciò significa qualcosa di diverso per gli ingegneri”.

Le prestazioni estetiche, il modo in cui gli oggetti sono apparsi sulla macchina fotografica e la loro finitura lucida, sono stati di grande importanza, sebbene, come sottolinea Sheridan, anche gli abiti “dovevano stare insieme e non rompersi”, e “[Dovevano] essere abbastanza leggeri in modo che i modelli possano effettivamente muoversi e funzionare normalmente quando si cammina lungo la passerella. “

Fondamentalmente, anche ogni pezzo doveva adattarsi perfettamente. Lavorando con materiali di moda non tradizionali, questo compito è stato molto più impegnativo rispetto all’abito medio. A differenza di tessuto, metallo e plastica non possono essere facilmente modificati per adattarsi al modello. Invece, gli ingegneri avrebbero dovuto ripristinare il tutto. “Di solito le nostre parti non sono montate sul corpo umano, quindi abbiamo dovuto capire come modellare il corpo e assicurarci che i pezzi che avremmo realizzato si adattassero perfettamente”, aggiunge Sheridan. La fotogrammetria è stata utilizzata per aiutare nella progettazione del corpo e nel modello CAD il team ha tenuto conto delle fluttuazioni nel corpo del modello tra il “montaggio” e la sera dell’evento. I membri del team AddWorks si sono offerti volontari per testare la vestibilità del vestito durante lo sviluppo. Dopo il Met Gala, questo includeva un’apparizione Buongiorno America .

Gli abiti Met Gala stampati in 3D di Zac Posen indossati su Good Morning America. Schermata tramite Good Morning America
Gli abiti Met Gala stampati in 3D di Zac Posen indossati su Good Morning America. Schermata tramite Good Morning America
Parallelamente alla vestibilità e alle prestazioni estetiche degli abiti è stato l’ulteriore compito della stampabilità. Per l’abito rosa, Jagodinski spiega “Stava assicurando che saremmo stati in grado di produrlo. Che era effettivamente fattibile per una stampante 3D e che si adattava ai confini di una [area di costruzione]. ”Per fare questo, il team ha scelto di suddividere molte parti in assiemi più piccoli, assicurandosi che potessero adattarsi insieme in modo ripetibile.

“Capire come quei segmenti sarebbero stati messi insieme in un modo affidabile che può essere replicato da qualcun altro è stato probabilmente uno dei nostri compiti più difficili”, aggiunge Jagodinski.

L’abito rosa sulla strada

In tutto, il team AddWorks ha lavorato su diversi componenti della collezione Met Gala di Posen, inclusi pezzi più piccoli, come gli abbellimenti stampati in 3D sull’abito convenzionale di Deepika Padukone.

La maggior parte dei pezzi sono stati fabbricati presso il quartier generale di Protolabs nella Carolina del Nord. Il bustier di Dobrev è stato realizzato nel sito europeo dell’azienda a Feldkirchen, in Germania, e il Centro di tecnologia additiva GE di Cincinnati ha realizzato la struttura in metallo dell’abito rosa utilizzando la tecnologia Arcam EBM. Logisticamente, è stato anche difficile trasportare tutti questi articoli a New York per la notte dell’evento.

Quando i 20+ petali per l’abito rosa furono completati, il team AddWorks chiese che fossero inviati a Cincinnati in modo che potessero fare un assemblaggio di prova del vestito con la cornice di titanio. Quando è arrivato il momento del Met Gala, il team ha quindi guidato i petali e il telaio su un furgone da Cincinnati a New York in un viaggio di 11 ore.

Design CAD e vista esplosa dell’abito rosa. Immagine via GE

Gli articoli finiti, sebbene non del tutto facili da indossare, sono stati incredibilmente ben accolti dallo studio di Posen alla fine del progetto e hanno attirato molta attenzione da parte della stampa durante l’evento: “Eravamo lì di persona per gli accessori e sembravano assolutamente amo tutti i pezzi “, dice Jagodinski. “[È] stato davvero emozionante vedere perché c’erano alcune patch ruvide lungo la strada. [Ad esempio] quando descrivono le cose che volevano e non abbiamo capito appieno quello che stanno chiedendo perché è così al di fuori di ciò che sono i nostri lavori quotidiani che abbiamo dovuto capire come interagire con loro “. Lo stesso Posen era molto entusiasta degli abiti e, in effetti, doveva essere ricordato di fare attenzione quando si toccano i pezzi più delicati.

Osservando il potenziale di realizzare più progetti come questo in futuro, DePalma afferma che, man mano che la stampa 3D si evolve, “È sicuramente una possibilità, non solo per Zac [Posen] ma per l’industria della moda nel suo insieme”.

“In questo momento”, aggiunge, “siamo limitati solo dai materiali disponibili e dalle dimensioni in cui possiamo stamparlo. Penso che man mano che la tecnologia matura, sarà solo un forum molto più attraente. “

Be the first to comment on "GE Additive Zac Posen"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi