Gautam Gupta di 3D Systems sulla stampa 3D point-of-care e gli ospedali del futuro

Con esperienza nella produzione oltre un milione di dispositivi medici, la pianificazione 120.000 casi del paziente-specifici, e sostenendo più di 85 con marchio CE e approvato dalla FDA di dispositivi medici, 3D Systems ‘ azienda sanitaria si concentra su come accelerare l’innovazione di prodotto. Il pioniere del produttore di stampanti 3D è stato in prima linea nella produzione additiva da decenni, fornendo soluzioni complete per far avanzare nuovi prodotti dall’ideazione alla commercializzazione. L’azienda apprezza il lavoro svolto con operatori sanitari e produttori di dispositivi medici, incorporando il loro know-how nella progettazione del prodotto e nei processi di convalida per offrire soluzioni più affidabili ed efficaci per i clienti.

Mentre 3D Systems continua ad affinare le soluzioni di medicina di precisione, offrendo stampanti 3D, modelli anatomici, servizi di pianificazione chirurgica virtuale, simulatori, formazione e istruzione per i professionisti medici e il settore sanitario, cosa significa questo nel grande schema delle cose? Per Gautam Gupta, Ph.D. e vicepresidente e direttore generale dei dispositivi medici presso 3D Systems, significa “generare una maggiore adozione delle tecnologie 3D richiede la collaborazione con i punti di assistenza degli ospedali che cercano sempre più di portare questi sistemi dirompenti a bordo e in loco”.

Parlando di recente con 3DPrint.com , Gupta ha spiegato che si sta concentrando sul significato della stampa 3D point-of-care negli ospedali per accelerare procedure e trattamenti. L’azienda sta inoltre dirigendo gli sforzi verso diverse altre priorità per la creazione degli ospedali del futuro, che ritiene siano più vicini di quanto ci aspettiamo. Gupta, che ha iniziato la sua carriera come ingegnere biomedico e ha lavorato nel settore sanitario per un decennio, ha affermato che questo nuovo ruolo significa che può lavorare a stretto contatto con tre segmenti critici nel settore sanitario: dentale , simulazioni mediche e dispositivi medici.

In che modo 3D Systems aiuta gli ospedali ad adottare le tecnologie di stampa 3D presso il point-of-care?

“Questa è ancora una tecnologia piuttosto esoterica per molte persone. Anche oggi, se vogliamo stampare in 3D un dispositivo medico convalidato che verrà impiantato in un paziente, questa tecnologia sta solo graffiando la superficie. Si sta ancora muovendo in un regno in cui le persone sono al 100% a proprio agio nell’usarlo. Quando lavoriamo con aziende di dispositivi medici che hanno molte competenze ingegneristiche, hanno già familiarità con i progetti di impianti, i processi normativi che li circondano e la commercializzazione. Ma quando si tratta di ospedali e stampa 3D point of care, stiamo parlando con esperti che sono abituati a utilizzare la tecnologia nella sua forma finale e 3D Systems li sta aiutando creando i dispositivi. Affinché i professionisti medici debbano improvvisamente occuparsi della produzione di un impianto, l’intero flusso di lavoro ad esso associato,US Food and Drug Administration -, non è facile. “

Vede un’opportunità per il campo medico di concentrarsi finalmente sulle tecnologie 3D, pandemia post-COVID?

“Il futuro è adesso, in alcuni casi, perché molti di questi ospedali avevano bisogno della tecnologia di stampa 3D per rispondere alla pandemia. Ad esempio, abbiamo lavorato con gli ospedali VA [ Veterans Affairs ] che hanno dovuto trovare immediatamente un modo per produrre tamponi e altri elementi internamente, poiché le catene di approvvigionamento esterne sono state interrotte per settimane dopo che l’OMS [ Organizzazione mondiale della sanità] ha dichiarato COVID-19 una pandemia. Tuttavia, queste istituzioni stanno pensando al lungo termine e stanno realizzando che questo è un momento nel tempo in cui hanno bisogno di avere una visione futuristica nel caso in cui qualcosa del genere dovesse accadere di nuovo. Gli ospedali si rivolgono a noi per chiedere aiuto e stiamo creando partnership a lungo termine con molti di loro in modo che possano beneficiare del nostro know-how. Non stiamo solo vendendo macchine, stiamo fornendo indicazioni agli ospedali “.

Hai menzionato il VA, dove altro possiamo trovare le partnership di 3D Systems?

“Da oltre un anno lavoriamo con Samer Sruji, direttore del dipartimento orale e maxillo-facciale presso il Galilee Medical Center di Nahariya, Israele, che ha iniziato a utilizzare D2P (Dicom to Print) di 3D Systemse stampanti per creare interpretazioni chirurgiche di patologie dei pazienti per la pianificazione chirurgica, principalmente per operare tumori incorporati in profondità nel corpo. Una volta che i suoi colleghi si sono resi conto del potere della visualizzazione e della pianificazione tramite questi modelli, l’ospedale ha raddoppiato il suo budget in modo da poter stabilire un laboratorio di stampa 3D nell’unità cranio-maxillo-facciale. Questo è il primo e attualmente l’unico centro in Israele che ha incorporato un flusso di lavoro di pianificazione chirurgica end-to-end interno, in cui i medici hanno il know-how per utilizzare le applicazioni di pianificazione chirurgica di 3D Systems e la stampa 3D. Il miglioramento della comunicazione con il paziente, della pianificazione chirurgica e della modellazione anatomica in ospedale, ha portato Sruji a diventare un abilitatore delle tecnologie 3D “.

Qual è la sfida più grande per la stampa 3D di modelli anatomici preoperatori?

“Questi modelli anatomici non vengono rimborsati tramite assicurazione, è un costo diretto per il paziente, quindi questo crea una certa inibizione all’adozione. Due anni fa, le compagnie di assicurazione hanno consentito l’ aggiunta di un codice CPT ( Current Procedural Terminology ) agli ospedali, il che significa che si riconosce che questa è una soluzione necessaria per la chirurgia. Credo che una volta che i database inizieranno a mostrare che l’accuratezza della procedura chirurgica è migliorata e riduce i tempi della procedura chirurgica, le compagnie di assicurazione si renderanno conto che i modelli stampati in 3D faranno risparmiare loro decine di migliaia di dollari in complicazioni postoperatorie e tempo in sala operatoria. “

Avere un codice CPT è stato il primo ostacolo, ci sono ulteriori limitazioni alla tecnologia?

“Ci sono alcune sfide tecniche oggi. I chirurghi vogliono effettivamente eseguire una simulazione chirurgica sui modelli stampati in 3D, quindi richiedono un materiale simile al tessuto per una sensazione più realistica. Stiamo facendo passi da gigante, ma la tecnologia non è ancora del tutto disponibile. Ad esempio, i sistemi di stampa MultiJet di 3D Systems (MJP) creano già un materiale simile a un tessuto molto morbido, ma i chirurghi vogliono portare questi modelli all’interno della sala operatoria come materiale di riferimento durante le procedure effettive. Tuttavia, attualmente, nessuno di questi materiali MJP può essere sterilizzato e portato all’interno della sala operatoria, quindi la sua esperienza non è al 100% pronta per i chirurghi. Gli unici materiali che possono essere sterilizzati sono quelli duri che usiamo per stampare in SLA, ma non possono essere usati per praticare le procedure. Un’ulteriore innovazione dei materiali consentirà tale capacità “.

Come immagini un ospedale in futuro?

“In futuro, penso che ci sarà un sito specializzato negli ospedali con macchine e tecnici di 3D Systems. Le esperienze dei pazienti saranno personalizzate al 100% poiché le aziende di dispositivi medici troveranno anche un modo per lavorare all’interno degli ospedali. Abbiamo già molte soluzioni estremamente utili per il settore sanitario, come la modellazione medica, la pianificazione chirurgica e la progettazione e produzione di dispositivi medici e continuiamo a innovare in queste aree. Ad esempio, in questo momento, possiamo utilizzare solo casi standardizzati preimpostati per la simulazione di interventi chirurgici attraverso i nostri simulatori Simbionixche consentono l’apprendimento e la padronanza delle capacità critiche. Vogliamo trovare un modo per acquisire i dati di un paziente e caricarli direttamente nel nostro software di simulazione in modo che i chirurghi possano eseguire virtualmente gli interventi chirurgici in tempo reale prima di una procedura effettiva. Comprendiamo che l’assistenza sanitaria inizia con il paziente, quindi aiutare i chirurghi a passare a soluzioni personalizzate migliorate dalle tecnologie di stampa 3D aiuterà a ridurre i costi e migliorare l’esperienza complessiva del paziente “.

Be the first to comment on "Gautam Gupta di 3D Systems sulla stampa 3D point-of-care e gli ospedali del futuro"

Leave a comment