Gartner le previsioni del 2017 sulla stampa 3d

Come di consueto a fine d’anno la società  di ricerca e consulenza Gartner ha pubblicato le sue previsioni per il 2017 nel campo della stampa 3D, e sembrano abbastanza positive.

Il punto nodale nelle 19 pagine intitolato “le previsioni annuali di Gartner per il futuro della stampa 3D”, è che la stampa 3D continuerà ad avanzare e crescere all’interno di una vasta gamma di settori nel corso dei prossimi anni.

I Principali risultati del rapporto includono la proiezione che entro il 2020, il 10% delle attività industriali integrerà le tecnologie di stampa 3D robotiche nella loro produzione, il 30% degli impianti medici interni e dei dispositivi verranno stampati in 3D (e sempre stampati sul posto), le tempistiche di introduzione di un  prodotto saranno ridotte del 25% grazie alla stampa 3D, e un enorme 75% delle operazioni di produzione in tutto il mondo integrerà strumenti di stampa 3d.

Ciascuno dei punti si basa su una serie di constatazioni e relazioni fatte da Gartner. Per esempio, nella proiezione che il 10% delle attività industriali integrerà le stampanti 3D robotiche entro il 2020, l’analisi tiene conto del fatto che negli ultimi dieci anni, la stampa 3D si è trasformata da una tecnologia in primo luogo di prototipazione ad una adatta alla realizzazione di prodotti pronti per  il mercato, di disegni specializzati, e di cicli di produzione a basso volume. Su un livello di base, è naturale  assumere che la tecnologia continuerà ad avanzare e diventare più sofisticata.

Gartner cita una serie di sviluppi che sono attualmente in corso che puntano a ulteriori progressi, tra cui la stampa autonoma e collaborativa con la robotica 3D, i sistemi di controllo integrati, l’automazione su larga scala e la costruzione , il piano fabbrica con macchine “ibride” che uniscono la stampa 3D con la fresatura CNC, e altro ancora.

Si legge nella relazione, “Ci aspettiamo che i sistemi automatizzati 3DP diventino più sofisticati. Molti di questi saranno sostituiti dalla nuova generazione di automazione intelligente in grado di adattarsi e di auto-correggersi. Il processo controllerà se stesso in fase di stampa e correggerà il processo o rifiuterà la parte quando si verificano problemi. La natura 3DP e le esigenze in continuo, ad alta ispezione rendono “l’automazione intelligente” una migliore vestibilità nel lungo termine per i processi di produzione rispetto ai vecchi approcci robotici programmabili “.

La previsione che il 30% degli impianti medici interni e dei dispositivi verrà stampata in 3D entro il 2020, non è del tutto sorprendente, si vede quasi ogni giorno come gli impianti di stampa 3d stiano diventando sempre più vitali. Il motivo principale per l’accelerazione di questa applicazione di stampa 3D ha a che fare con la domanda di trattamenti medici personalizzati . Nel corso dei prossimi anni, Gartner è sicura che alcune sfide che circondano gli impianti di stampa 3D (come il tempo necessario per la stampa, la sterilizzazione, e l’ ispezione) saranno contabilizzate e migliorate.

Come accennato, Gartner ha previsto che entro il 2020, la stampa 3D ridurrà le tempistiche di introduzione del prodotto del 25%. Anche in questo caso, abbiamo già visto la prova di questo, con una vasta gamma di industrie che hanno utilizzato la produzione di additivi per accelerare i processi di prototipazione. Cioè, utilizzando la stampa 3D, le aziende sono meglio attrezzate per trasformare prototipi, testarli, presentarli ai clienti e modificarli . Come dice Gartner, “Il numero di iterazioni abilitate per risultati rapidi di prototipazione in tempi di sviluppo di nuovi prodotti brevi, comporta minori costi di sviluppo e un minor numero di difetti nei prodotti finiti.”

L’ipotesi di pianificazione strategica di Gartner prevede che nei prossimi anni, il 75% delle operazioni di produzione in tutto il mondo vedrà utilizzati strumenti stampati in 3d realizzati sul posto o attraverso un servizio di stampa 3D, per la fabbricazione del prodotto. In sostanza, questo significa che le aziende non necessariamente rinunceranno ai loro metodi di fabbricazione esistenti, ma piuttosto utilizzeranno una combinazione di pratiche più tradizionali con la stampa 3D; vale a dire usare la produzione di additivi per integrare e sostenere le loro tecniche esistenti.

Ciò è dovuto in gran parte alla capacità della stampa 3D di produrre utensili pratici e resistenti . Come spiega Gartner, la stampa 3D può essere usata per fare stampi resistenti al calore, e strumenti personalizzati che rendano i compiti in  fabbrica più efficienti. In particolare, laproduzione e i software CAD permetteranno anche agli strumenti d’essere riprogettati e ottimizzati al volo. È importante sottolineare che, essendo in grado di stampare in 3D gli strumenti come gli stampi questo aiuta a ridurre il tempo e i costi per lo stampaggio ad iniezione.

Be the first to comment on "Gartner le previsioni del 2017 sulla stampa 3d"

Leave a comment