Gartner la maggior parte delle aziende non ha idea dell’impatto delle nuove tecnologie come stampa 3d iOt o AI

La maggior parte delle aziende non stanno ancora sfruttando appieno la stampa 3D, l’intelligenza artificiale  e l’internet of things.

Abbiamo visto innumerevoli esempi in cui la tecnologia di stampa 3D può migliorare le prestazioni di un’impresa e completamente rivoluzionare il modo in cui opera. Un recente sondaggio condotto da Gartner, tuttavia, ha dimostrato che i dirigenti aziendali non stanno approfittando del pieno potenziale di questa e di altre tecnologie all’avanguardia, come l’Intelligenza Artificiale o la Blockchain. I 388 amministratori delegati e altri dirigenti senior hanno valutato queste nuove tecnologie “molto basse” in termini di miglioramenti che avrebbero potuto avere sulla produttività nei prossimi cinque anni.

Le opportunità di prototipazione rapida offerte dalla stampa 3D possono accelerare il ciclo produttivo di un’azienda e l’A.I consente di svolgere le attività quotidiane con una maggiore efficienza. Tuttavia, sembra che non ci sia una chiara roadmap su come questi e altri sviluppi tecnologici possono essere implementati, e forse esiste anche  una mancanza di consapevolezza della piena estensione dei loro potenziali benefici. Secondo un sondaggio  dell’analista di Gartner Mark Raskino, “sembra essere un futuro grande e inesplorato. Questo futuro rappresenta un’opportunità o per una nuova generazione di pensatori di tecnologia aziendale coraggiosi e creativi”.

La stampa 3D, Internet of Things, l’A.I e la Blockchain sono categorizzati collettivamente da Gartner come tecnologie di uso generale (GPTs). Il loro potenziale per reinventare il modello operativo di un business ha portato Gartner a svolgere questo sondaggio e raccomandare la loro adozione. Quando è stato chiesto quale sia la  tecnologia per migliorare la produttività, solo il 2% degli amministratori delegati ha dichiarato   lo IoT, e solo l’1% ha dichiarato che sia uno degli altri 3 GPT. Per una tecnologia più vecchia come l’ERP (10 per cento) per  il cloud computing o per l’ analytics (7 per cento ciascuno) è andata molto meglio. La tecnologia di stampa D è stata descritta come potenzialmente trasformazionale per il loro business dal 26 per cento dei dirigenti intervistati, una cifra relativamente bassa, con il 49 per cento che ha dichiarato  lo stesso degli IoT.

Raskino sostiene che molti amministratori delegati sono bloccati nell’era della produttiva industriale più avanzata in termini di come pensano alla loro attività e ai mercati in cui competono. “Gli amministratori delegati non dispongono di una nuova teoria importante”, ha scritto. “Le idee di gestione veramente grandi del passato come la gestione dei processi aziendali (BPM), la gestione della qualità totale (TQM) e la lean [management] sono meno utili in un mondo effimero di prodotti e servizi dove le reti sociali, l’innovazione del business , i valori e le esperienze dei clienti sono al centro della creazione di valore. ”

Quasi la metà degli amministratori delegati del sondaggio ha affermato che si basano interamente sulle entrate come misura della produttività. Ciò è  limitante, poiché tali metriche di reddito non riescono “a concentrare l’attenzione della direzione su quante unità di valore vengono prodotte per quantità di input”. Relativamente poche delle aziende in questione, circa il 15 al 25 per cento, hanno fatto qualche misurazione dell’impatto delle più recenti tecnologie come la stampa 3D. Jack Gold, analista di J. Gold Associates, ha affermato che la maggior parte dei dirigenti si affidano all’ “istinto”. “La maggior parte delle aziende, inclusi i dirigenti di alto livello, sono convinti che le nuove tecnologie in arrivo influenzeranno le loro aziende”,  ma   la maggior parte non ha idea di come”  .

Forbes ha suggerito che le aziende inizino con piccole  implementazione di GPT, per cui i progressi possono essere misurati in modo più dettagliato, con i vantaggi e gli svantaggi identificati ad ogni passo lungo la strada. La conclusione di Raskino è che la creatività e l’apertura saranno la cosa più importante per i dirigenti che vogliono migliorare la loro produttività attraverso la stampa 3D e altre tecnologie – serve una “nuova generazione di innovativi e CEO creativi per la seconda metà dell’età dell’informazione”.

Be the first to comment on "Gartner la maggior parte delle aziende non ha idea dell’impatto delle nuove tecnologie come stampa 3d iOt o AI"

Leave a comment