Galleria degli Uffizi a Firenze fa digitalizzare le sculture dall’Indiana University

L’Università dell’Indiana e la Galleria degli Uffizi a Firenze stanno collaborando per digitalizzare manufatti e sculture antichi, alcuni dei quali sono ora disponibili per la visualizzazione in 3D su un sito Web appena lanciato.
Chi non vuole visitare l’Italia per gustare la cucina locale e visitare alcune delle gallerie più imponenti del mondo, come la  Galleria degli Uffizi  a Firenze?

Se questa non è una possibilità per te, ora c’è un modo per goderti antichi manufatti e sculture dalla galleria in 3D. Evita il volo costoso, cucinaci della pasta e fai finta di essere a Firenze

 Gli artefatti 3D possono essere trovati su un nuovo sito web che è stato presentato questa settimana durante una cerimonia tenutasi presso la galleria. I modelli sono il risultato di una collaborazione tra la galleria degli Uffizi e l’  Indiana University (IU), USA .

I collaboratori utilizzano la scansione 3D per digitalizzare oltre 300 sculture e frammenti della collezione della galleria. Questo progetto è stato un lavoro in corso dal 2016.

Il presidente della IU Michael A. McRobbie, ha dichiarato:

“Mentre portiamo a termine gli obiettivi esposti in questo progetto senza precedenti ed estremamente ambizioso, la presentazione di questo nuovo sito segna una prima importante pietra miliare in una collaborazione che genererà opportunità senza precedenti di impegno accademico con materiali ospitati in uno dei più antichi e raffinati del mondo gallerie … Sfruttando la competenza accademica della IU nell’arte e nella cultura antica, così come le nostre vaste capacità tecnologiche, questa collezione di antichità classiche magnifiche, stimolanti e insostituibili può ora essere vista e studiata in modo completamente nuovo e affascinante da studiosi, professionisti del museo, studenti e il pubblico in generale. ”

Dai un’occhiata ai modelli 3D sul nuovo sito web dell’Università dell’Indiana e della Galleria degli Uffizi
Bernard Frischer, professore di informatica all’UI, direttore del Virtual World Heritage Laboratory dell’università e uno dei più importanti archeologi virtuali del mondo guida il team nella digitalizzazione degli artefatti.

Quest’estate, la squadra ha digitalizzato 61 statue nella galleria, oltre a oggetti esposti al di fuori di Villa Corsini, il complesso di stoccaggio del museo.

Frischer aggiunge:  “Sono molto soddisfatto del progresso del nostro lavoro su questo progetto quinquennale sia in termini di quantità che di qualità. Siamo circa a metà del progetto e siamo sul traguardo di finire il lavoro, come previsto, nel 2020 …  Abbiamo già digitalizzato più opere di scultura classica di quanto sia mai stato fatto in un singolo museo “.

Affinché questo progetto funzioni, gli studenti di informatica e storia dell’arte dell’IU devono apprendere la scansione 3D, la tecnica giusta per l’acquisizione dei dati e la modellazione 3D.

I modelli risultanti sono ora disponibili su diversi siti Web, tra cui il database di conservazione interno del Ministero della Cultura, il sito web pubblico degli Uffizi e il progetto Digital Sculpture Project del Virtual World Heritage Laboratory.

Il progetto di digitalizzazione è finanziato da un programma di finanziamento delle sementi presso l’Ufficio del Vicepresidente per la ricerca e riceve il supporto tecnologico dai servizi di tecnologia dell’informazione dell’Università.

Puoi controllare i lavori per te sulla pagina web del Progetto di digitalizzazione degli Uffizi .

Be the first to comment on "Galleria degli Uffizi a Firenze fa digitalizzare le sculture dall’Indiana University"

Leave a comment