Galina Sleeping Pods mini case stampate in 3d per la community di Walden Monterey

Case minuscole per persone ricche: la community di Walden Monterey presenta i pod stampati in 3D

I millennial sono comunemente noti per aver evitato le scelte di vita delle generazioni precedenti, scegliendo di fare le cose in modo diverso e, spesso, più coscienziosamente quando si tratta della Terra e dell’ambiente. La popolarità delle minuscole case dimostra un rifiuto dei beni materiali, anche se per ironia della sorte, a volte le piccole case possono costare di più di quelle a grandezza naturale. E i più piccoli ottengono, più sembrano costare. Questo è il caso di un nuovo quartiere che è sorto nella penisola di Monterey in California, a circa un’ora a sud della Silicon Valley.

La comunità, chiamata Walden Monterey , è allestita su 609 acri di terra ed è destinata ad essere una comunità di “agrihood”, che si concentra sulla natura, l’agricoltura e la vita all’aria aperta. Esistono due regole per la comunità: non abbattere alberi e utilizzare solo fonti di energia rinnovabili. Alla fine, 22 case saranno costruite sulla terra, ma lo sviluppatore Nick Jekogian e lo studio di design DFAinvitano le persone a rimanere sulla terra in case temporanee dove possono sperimentare l’ambientazione e decidere se vogliono o meno trasferirsi lì permanentemente.

DFA chiama le strutture temporanee Galina Sleeping Pods , e sono veramente minuscole – circa 300 piedi quadrati di dimensioni. Il costo, tuttavia, non è minuscolo: circa $ 250.000. Questi sono decisamente alloggi progettati per soddisfare l’élite della Silicon Valley. Le strutture portatili stampate in 3D sono alimentate da pannelli solari, turbine eoliche e batterie Tesla. Il sistema idrico attinge da un generatore di acqua atmosferica che ricicla tutte le acque reflue attraverso la filtrazione organica.

La stampa 3D consente di realizzare efficientemente un’efficienza dei rifiuti pari al 97%. La struttura del pod è stampata in 3D da un materiale biologico infuso in fibra di carbonio dalla Branch Technology , che ha lavorato con la NASA per progettare strutture stampate in 3D per la luna e Marte, e si siede su quattro gambe in alluminio che reggono il pod sopra il terreno ed evitare di disturbare qualsiasi vita vegetale o animale sottostante.

I pod sono stampati fuori sito in 3D e sono portatili, il che significa che i potenziali acquirenti di casa possono spostarli in diverse aree della proprietà quando decidono dove vogliono vivere. Sistemazioni per dormire sono incluse, così come un bagno, lavandino e doccia.

Molto è stato fatto di stampa 3D per scopi di costruzione, per edifici sia grandi che piccoli . Eppure sono queste piccole case in cui la stampa 3D sembra essere la più pratica e utile. Che siano utilizzati per ospitare persone ricche o senzatetto , queste strutture simili a pod si prestano naturalmente alla stampa 3D. È veloce, economico e non crea quasi sprechi, il che è perfetto per una comunità basata sulla gestione responsabile dell’ambiente.

Laith Sayigh, fondatrice di DFA, chiama le case stampate in 3D come queste “la prossima generazione della tecnologia di costruzione”. Questo sentimento è stato condiviso da molti, e mentre la generazione millenaria continua a gravitare verso il minimalismo e il ridimensionamento, nonché le risorse rinnovabili, noi possono vedere case sempre più piccole e autosufficienti come queste. Un giorno, potrebbero persino diventare così prevalenti che diventeranno accessibili per più dei ricchi.

Be the first to comment on "Galina Sleeping Pods mini case stampate in 3d per la community di Walden Monterey"

Leave a comment