Fuseproject ICON per avere la prima comunità stampata in 3D al mondo

Fuseproject , uno studio di design con sede a San Francisco, ha rivelato dettagli riguardanti il ​​suo progetto collaborativo con New Story , un’organizzazione senza scopo di lucro che lotta contro i senzatetto, e ICON , una società di tecnologie di costruzione con sede in Texas, in stamperie 3D in America Latina. Previsto per la stampa 3D nell’estate 2019, le organizzazioni hanno lavorato insieme per progettare, pianificare e costruire ciò che si dice sia la “prima comunità stampata in 3D al mondo “. Il progetto è stato istituito per utilizzare le esclusive possibilità di progettazione della stampa 3D per costruire case per una comunità a basso reddito in America Latina che si adatti alla vita di tutti i giorni.

“Siamo entusiasti di collaborare con New Story nella loro missione di porre fine al problema dei senzatetto”, ha dichiarato Yves Béhar, fondatore di Fuseproject.

“CREDO CHE LE TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE POSSANO OFFRIRE SOLUZIONI PROGETTATE PER I PIÙ BISOGNOSI, ED È SIA LA NUOVA TECNOLOGIA DI ICON CHE LA VISIONE DI NEW STORY CHE LO RENDE POSSIBILE OGGI”.

Il progetto è guidato da New Story, un’organizzazione che ricerca i progressi tecnologici nell’edilizia per affrontare la crisi immobiliare globale, che ha identificato la stampa 3D come una soluzione praticabile al problema. Nel 2018, New Story e il suo partner ICON hanno potuto stampare in 3D una casa ad Austin, in Texas, in 48 ore come prova del concetto, ad un costo inferiore a $ 4000 utilizzando un’iterazione anticipata della stampante Vulcan 3D di ICON.

Ora, collaborando con Fuseproject, New Story utilizzerà la stampante 3D di costruzione Vulcan 2 aggiornata per produrre case in una località sconosciuta in America Latina, secondo quanto riferito in appena 24 ore e costando $ 6.000 per ciascun edificio. Le tre organizzazioni hanno lavorato a stretto contatto con i residenti in America Latina per comprendere e conoscere la cultura e l’ambiente della loro comunità. Questo al fine di garantire che le residenze stampate in 3D rispondano alle motivazioni, alle abitudini e alle esigenze specifiche della comunità al di là di ciò che potrebbe fare la tradizionale progettazione domestica. Composta principalmente da agricoltori e artigiani, la comunità contiene case con famiglie multi-generazionali che vivono a stretto contatto.

I risultati del processo di brainstorming della comunità, che ha coinvolto workshop sul campo, hanno suggerito che New Story, Fuseproject e ICON dovevano utilizzare il design in 3D per creare alloggi che si rivolgessero al “clima, struttura familiare e ruolo svolto dalle case nella creazione di un più ampio comunità “. Béhar spiega ulteriormente:” Mentre parlavamo ai membri della comunità, ci siamo resi conto che un progetto di casa singola non rispondeva ai bisogni e alle aspettative “.

“QUESTO CI HA PORTATO A PROGETTARE UN SISTEMA CHE CONSENTA DIVERSI PROGRAMMI, FATTORI CLIMATICI E CRESCITA PER FAMIGLIE E SPAZI”.

Ciascuna delle case stampate in 3D coprirà uno spazio di 120 m², con lo spazio interno delle case che misura circa 55 m². I loro disegni per esterni incorporano spazi per cucinare e mangiare, con una sporgenza del tetto che si estende verso la parte anteriore e posteriore per proteggersi dal sole, oltre alla protezione dalle piogge, adattandosi all’ambiente tropicale. A causa delle condizioni ambientali locali del clima e dell’attività sismica, anche le case stampate in 3D sono state dotate di miglioramenti tecnologici e di design alla struttura di base, con rinforzi aggiuntivi nelle cavità delle pareti.

La stampa 3D è stata utilizzata all’interno delle case per abilitare elementi incorporati come banconi da cucina e bagno, sedute, mensole e sporgenze nelle pareti e ganci strutturali incorporati per la costruzione di ulteriori ripostigli e armadi domestici. Finestre e aperture delle porte sono state strategicamente posizionate accanto a un open space nel design 3D che consente un migliore flusso d’aria. La tecnologia di stampa 3D di ICON ha inoltre consentito la creazione di pareti curve con dettagli integrati senza costi aggiuntivi, nonché scelte personalizzabili per consentire la personalizzazione delle abitazioni. Ciò consente alle famiglie di provare un senso di proprietà sulla propria casa, oltre a creare una serie di edifici diversi all’interno della comunità stampata in 3D.

Sviluppare il futuro delle case stampate in 3D

La stampa 3D di case potenzialmente consente la produzione di abitazioni a un ritmo più veloce rispetto ai metodi tradizionali, che si dice richieda fino a 3 settimane, con minori costi e sprechi di materiale. Questi fattori consentono di fornire una soluzione possibile ai senzatetto e alle abitazioni inadeguate, nonché un metodo di costruzione sostenibile, e pertanto sono stati compiuti maggiori sforzi per sviluppare il processo.

Ad esempio, ICON aveva precedentemente raccolto $ 9 milioni in fondi seed per sostenere i suoi sforzi insieme a New Story e Fuseproject per reinventare la costruzione di case economiche con l’uso di stampanti 3D. Si è svolto nel 2018, si è detto che è uno dei più grandi round di sementi per le start-up del Texas di quell’anno.

Be the first to comment on "Fuseproject ICON per avere la prima comunità stampata in 3D al mondo"

Leave a comment