Fuga da Alcatraz e stampa 3d replicate le teste finte usate dagli evasi per fingere di essere addormentati

I team criminali forensi si sono rallegrati dell’onda di scanner 3D portatili e di accurate stampanti 3D che hanno colpito il mercato negli ultimi anni, fornendo loro tecniche senza precedenti di acquisizione e replica delle scene . Molti casi rimasti irrisolti per anni stanno ottenendo un nuovo aspetto sotto l’obiettivo metaforicamente stampato in 3D. Questo è il caso della fuga del 1962 di Frank Morris, Allen Clayton West, e John e Clarence Anglin di Alcatraz.

Il 15 novembre, sull’isola di Alcatraz, l’agente speciale dell’FBI responsabile John F. Bennett ha presentato l’area di ricreazione nazionale del Golden Gate (GGNRA) con repliche stampate in 3D delle teste di esca usate dai fuggiaschi per ingannare le guardie facendogli credere che fossero nei loro letti addormentati e non a scavare attraverso il muro. Anche se il caso è ancora tecnicamente aperto, le repliche stampate in 3D non saranno utilizzate a fini investigativi come le funzioni di conservazione e didattiche. I richiami originali erano fatti di cartone, trucioli di cemento, carta igienica e capelli umani dal barbiere, e ora hanno più di 56 anni e cominciano a cadere a pezzi. Il GGNRA sarà in grado di visualizzare le nuove repliche e di invitare i molti ricercatori interessati del caso popolare a ispezionarli senza preoccuparsi di danneggiare le prove originali.

Una squadra dell’unità operativa del FBI ha visitato il GGNRA Park Archives and Records Center per eseguire la scansione 3D degli originali. “L’FBI’s Lab utilizza questa stessa tecnologia per la scansione ad alta risoluzione di componenti di bombe, armi da fuoco e scene del crimine da utilizzare nelle indagini e nelle operazioni dell’FBI”, ha dichiarato l’agente speciale Bennett. “Siamo onorati di utilizzare questa esperienza per fornire al National Park Service modelli accurati delle testate per decoy di Alcatraz per molte generazioni a venire.” Dopo che le repliche sono state stampate in 3D, sono state dipinte e apposte con i capelli umani proprio come è stato fatto sul gli originali.

Il Ranger del parco capo del GGNRA David Schifsky ha apprezzato molto, dicendo: “Questi modelli rappresentano un contributo significativo per i nostri archivi e contribuiranno a proteggere le teste di esca originali per le generazioni future. Ci aiuteranno a raccontare le storie dell’isola di Alcatraz ai visitatori di tutto il mondo. ”

L’FBI consegnò il caso agli US Marshals nel 1979, e Don O’Keefe del US Marshals Service disse questo: “La fuga del 1962 dal penitenziario degli Stati Uniti ad Alcatraz rimane una delle più famigerate fughe di prigione di tutti tempo. Nessuno dei fuggiaschi è mai stato localizzato, ma il Servizio di Marescialli degli Stati Uniti continua a indagare su qualsiasi indizio credibile. Alcuni potrebbero credere che stiamo inseguendo ombre, ma i nostri sforzi non sono intesi solo per eseguire la dovuta diligenza, ma per essere un avvertimento per gli altri fuggiaschi che i Marshal degli Stati Uniti non si arrendono a causa del passare del tempo. ”

Quindi lasciate che questo sia un avvertimento per voi: se commettete un crimine e poi scappate dalla prigione federale, l’FBI e / o gli US Marshals stamperanno la vostra testa in 3D e vi cercheranno anche dopo che avrete compiuto 80 anni o più probabilmente morti.

Be the first to comment on "Fuga da Alcatraz e stampa 3d replicate le teste finte usate dagli evasi per fingere di essere addormentati"

Leave a comment