Frost & Sullivan sostiene che la stampa 3d farà numeri enormi entro il 2025 nel settore automobilistico

Frost & Sullivan: la stampa 3D genererà 4 miliardi e trecento milioni di dollari nel settore auto entro il 2025

Potrebbe essere il 2016 l’anno della vettura stampata in 3D? Come molti lettori sanno senza dubbio, la Local Motors sta ottenendo successi a destra e manca come  pioniere nelle automobili stampate in 3D e lavorando a stretto contatto con i partner del settore e i tecnici specializzati non mostrano alcun segno di rallentamento. Airbus ha appena annunciato che stanno investendo in tecniche di stampa 3D simile alla Local Motors. Naturalmente, su un piano più generale, l’industria automobilistica sta sempre più adottando la tecnologia di stampa 3D nella  progettazione e anche industrialmente. Tutti questi segni hanno attirato l’attenzione della società di consulenza Frost & Sullivan, che ha appena pubblicato un rapporto prevedendo che la stampa 3D genererà  4,3 miliardi di dollari nel  settore auto entro il 2025.

La relazione in questione si chiama “Analisi  della stampa 3D per l’industria automobilistica”, ed è molto ottimista sul futuro della stampa 3D nel settore automobilistico. La vedono come una tecnologia innovativa che avrà un impatto in vari settori dell’industria automobilistica, e in particolare nel mercato del ricambio. “I materiali innovativi come la fibra di carbonio, le polveri metalliche e di titanio dovrebbero migliorare radicalmente le caratteristiche termiche meccaniche e chimiche dei prodotti stampati .” Come sostiene l’analista Viroop Narlaa di Frost & Sullivan .

Naturalmente, la tecnologia è ancora nella sua infanzia per molti aspetti, ma Narla è ottimista sul fatto che i miglioramenti progettuali seguiranno in rapida successione e permetteranno alle stampanti 3D di produrre le tolleranze superiori e i dettagli di finitura superficiale necessari  per l’industria automobilistica. Tale impatto potrebbe essere  enorme nel mercato secondario, l’industria automobilistica secondario che ruota attorno alle riparazioni, alla manutenzione e alla vendita al dettaglio di automobili dopo l’acquisto iniziale. Tuttavia, il 2025 è ancora lontano, e questo impatto dipenderà dallo sviluppo tecnologico e dalla diminuzione dei costi della stampa 3d in generale

Taylor Moss, il Chief Operations Officer di Estify, sostiene  inoltre che la stampa 3D potrebbe pagare dividendi grandi nel settore della riparazione di collisione in particolare. Il Che sembra abbastanza logico, visto che  il settore ha una costante richiesta di numerose piccole parti, anche per le auto che non sono più prodotte. “In genere, le riparazioni sono più per le più piccole parti apparentemente le più insignificanti, e la possibilità di stampare in 3D queste componenti in loco faranno miracoli per l’utilizzo effettivo delle specifiche OEM, delle viti, delle clip e dei bulloni “,  anche se sarà necessario per le stampante 3D arrivare ad una  fabbricazione con proprietà materiali soddisfacenti.

Moss ha inoltre sostenuto che la stampa 3D potrebbe ridurre significativamente i tempi di riparazione, e, a sua volta ridurre il numero di giorni di noleggio, rendendo l’intero processo di riparazione molto più snello. La tecnologia potrebbe ridurre ulteriormente i costi di riparazione con la stampa in 3d dei ricambi  in loco.

Moss è quindi molto ottimista su ciò che la stampa 3D può portare per l’industria automobilistica. “Questi sono i frutti della stampa 3D”, sostiene. “Non sono sicuro che lo vedremo molto presto , ma ci sarà probabilmente un giorno in cui sarà possibile stampare tutte le parti necessarie per una riparazione direttamente sul posto. Quindi scomparirà il costo di trasporto, la necessità di effettuare l’inventario per i negozi di ricambi e le parti potranno essere stampate alla bisogna.

Be the first to comment on "Frost & Sullivan sostiene che la stampa 3d farà numeri enormi entro il 2025 nel settore automobilistico"

Leave a comment