Freemelt ProHeat per preriscaldare il letto di polvere nelle stampanti 3D Electron Beam Powder Bed Fusion (E-PBF)

FREEMELT INTRODUCE LA TECNOLOGIA PROHEAT PER PRERISCALDARE IL LETTO DI POLVERE

Lo sviluppatore di tecnologia di stampa 3D Freemelt ha svelato un nuovo metodo in attesa di brevetto per preriscaldare il letto di polvere nelle stampanti 3D Electron Beam Powder Bed Fusion (E-PBF), chiamato ProHeat.

Attualmente in fase di sviluppo, ProHeat sarà integrato nei futuri sistemi di stampa 3D di Freemelt per ampliare la portata dei materiali processabili E-PBF.

“Siamo molto ottimisti su questa innovazione”, ha affermato Ulric Ljungblad, CEO di Freemelt. “ProHeat è un fattore abilitante per una lavorazione robusta ed efficiente ed espande il potenziale dell’E-PBF a nuove classi di materiali che sono difficili o addirittura impossibili da elaborare nei sistemi E-PBF a partire da oggi.”

Utilizzando un dispositivo di riscaldamento posizionato sopra il letto di polvere, ProHeat utilizza la radiazione elettromagnetica per sinterizzare gli strati di polvere in modo uniforme e uniforme. Poiché il metodo non espone le particelle di polvere a una carica elettrica, a causa del preriscaldamento che avviene senza interazione con gli elettroni, il rischio dei cosiddetti eventi di fumo è notevolmente ridotto.

Secondo Freemelt, ProHeat fornisce un riscaldamento rapido ed efficiente mantenendo un’elevata purezza del vuoto e qualità del fascio. I gas inerti costosi come l’elio e l’argon non vengono consumati durante il processo e il metodo è considerato sostanzialmente meno dispendioso in termini di tempo rispetto ad alcuni metodi di preriscaldamento E-PBF esistenti.

“ProHeat rende possibile riscaldare e sinterizzare il letto di polvere in modo delicato e uniforme, senza esporlo a cariche elettriche”, ha affermato Ulf Ackelid, scienziato senior presso Freemelt. “Questo rende molto più facile ed efficiente costruire parti da polveri sottili e da polveri di scarsa conduttività. ProHeat accelererà lo sviluppo di nuovi materiali E-PBF poiché elimina l’ottimizzazione dei parametri di preriscaldamento che richiede tempo “.

Fondata nel 2017, la stampante 3D EBM di Freemelt, Freemelt One , è stata sviluppata per aiutare la ricerca e lo sviluppo di materiali metallici per la produzione additiva.

L’anno scorso, Freemelt ha annunciato il completamento di un round di investimento di capitale da 15 milioni di corone svedesi (1,6 milioni di dollari) guidato dalla società di venture capital Industrifonden per alimentare la fase successiva della sua crescita nella tecnologia di stampa 3D EBM (electron beam melting) open source. L’azienda è recentemente entrata nella ’33 -list ‘annuale, che contrassegna le start-up svedesi più innovative e promettenti dal 2020.

Originariamente, Arcam, un altro produttore di stampanti 3D con sede in Svezia, è stata la prima azienda a costruire un sistema EBM, sebbene altre diverse società, tra cui Freemelt, si siano espanse in questo spazio.

Uno degli esempi più recenti è la società di ingegneria britannica Wayland Additive, che all’inizio di quest’anno ha annunciato lo sviluppo della sua nuova tecnologia E-PBF, NeuBeam . Poco dopo, l’azienda ha annunciato che prevede di lanciare la sua prima stampante 3D industriale , la Calibur 3 , il 27 gennaio 2021. La macchina sarà la prima a presentare la tecnologia NeuBeam dell’azienda che, sostiene, presenterà diversi vantaggi rispetto ai processi di produzione esistenti.

Be the first to comment on "Freemelt ProHeat per preriscaldare il letto di polvere nelle stampanti 3D Electron Beam Powder Bed Fusion (E-PBF)"

Leave a comment