Framlab Homed i moduli abitativi per senzatetto stampati in 3D pensati per New York

Framlab propone dei moduli di alloggiamento verticale stampati in 3D per dare rifugio ai senzatetto di New York
Uno studio di design di New York sta cercando di affrontare la crisi della senzatetto della città con un modulo stampato in 3D . “Homed” è l’audace nuova iniziativa di Framlab, l’agenzia creativa diretta dall’architetto norvegese Andreas Tjedflaat. Concepito come una serie di micro-quartieri stampati in 3D, il progetto Homed presenta una serie di unità verticali ad alta densità progettate per essere attaccate a edifici preesistenti attraverso una struttura a scaffold, creando così un secondo strato attivo di moduli viventi accanto a una parete inutilizzata. In qualche modo ricorda una disposizione organica a nido d’ape, il progetto Homed è un’esplorazione attiva di come uno spazio urbano ben progettato e tecnologicamente avanzato possa essere trasformato per servire i più bisognosi.

“I senzatetto di New York hanno raggiunto i livelli più alti dalla Grande Depressione degli anni ’30. Il sistema di protezione della città è in grado di offrire spazi di sicurezza, pulizia e comfort per i meno fortunati della città “, spiegano i rappresentanti di Framlab sul sito web del progetto, osservando che ogni notte circa 61.000 persone dormono nei rifugi per senzatetto di New York, con altre migliaia di persone che dormono per le strade e altri spazi pubblici. Come questione incredibilmente complessa, Framlab riconosce che l’alloggio temporaneo può essere sempre più utile per rafforzare il sistema di protezione della città e fornire un’alternativa praticabile per coloro che devono affrontare lo sfratto.

È proprio qui che Homed entra. “Anche se quasi ogni piede quadrato di spazio a New York è stato rivendicato e utilizzato, esiste ancora una grande quantità di” lotti verticali “inutilizzati”, dicono i rappresentanti di Framlab. In altre parole, i muri laterali vuoti degli edifici emergono e scompaiono costantemente, inutilizzati, mentre i nuovi sviluppi vanno e vengono. Insieme, “costituiscono centinaia di ettari di terra disponibile”.

Così, Homed è la proposta di Framlab di capitalizzare su questa terra verticale sottoutilizzata. Usando il “quadro flessibile” che esiste già in abbondanza a New York – di ponteggi – il progetto Homed prevede moduli abitativi esagonali progettati per connettersi alle strutture di impalcature, imballare in modo denso ed efficacemente creare micro-quartieri sospesi di rifugi viventi per i senzatetto della città .

Le specifiche sono impressionanti: un rivestimento in alluminio ossidato significa che i moduli di alloggiamento stampati 3D tutto l’anno possono resistere a inverni rigidi e fornire uno spazio fresco durante l’estate. Grazie alle tecnologie di prefabbricazione, un micro-quartiere di unità Homed può essere assemblato e installato in pochi giorni, con fino a 95 unità che si incastrano in un tipico muro da 50 x 70 piedi. Gli interni dei moduli sono stampati in 3D da bioplastiche riciclabili, consentendo un assemblaggio sostenibile ed economico. Di giorno, i moduli complessi formano un mosaico urbano di ogni sorta, mentre di notte il complesso residenziale può mostrare opere d’arte digitale, informazioni pubbliche o pubblicità commerciale.

Be the first to comment on "Framlab Homed i moduli abitativi per senzatetto stampati in 3D pensati per New York"

Leave a comment