Formnext 2017 a Francoforte bilanci : arriva il passaggio della stampa 3D dalla prototipazione alla produzione

formnext 2017 evidenzia il passaggio della stampa 3D dalla prototipazione alla produzione

L’edizione 2017 della fiera di stampa 3D formnext è stata più grande di qualsiasi edizione precedente, accogliendo più di 20.000 partecipanti. L’evento ha dimostrato come la produzione additiva si stia spostando sempre più verso la produzione dalle sue radici di prototipazione rapida.

Nella città tedesca di Francoforte, la settimana scorsa, dal 14 al 17 novembre, si è tenuta l’edizione 2017 della conferenza di produzione additiva formnext, che ha accolto oltre 20.000 visitatori. L’evento ha mostrato quanto grande sia il fenomeno globale della stampa 3D. A partire dai fatti e dalle cifre, formnext 2017 ha ospitato 21.492 visitatori, più dei 13.384 che hanno partecipato nel 2016 e più del doppio degli 8.982 che hanno aderito all’evento inaugurale del 2015. Questo aumento di presenze è stato il riflesso da un aumento del numero di espositori. Ben 470 aziende di stampa 3D hanno allestito stand per l’edizione di quest’anno, in aumento dalle  307 rispetto all’anno precedente e dalle  203 nel 2015. L’aumento dell’interesse ha fatto sì che formnext 2017 utilizzasse 28.129 metri quadrati di spazio espositivo, raddoppiando le dimensioni dell’evento inaugurale.

Ma se l’aumento della dimensione dell’evento mostra un crescente interesse globale per la stampa 3D (e globale lo è stata : il 46 per cento dei visitatori proveniva da fuori della Germania), allora la natura della tecnologia di stampa 3D in mostra è diventata qualcosa di molto diverso:  l’industria si sta spostando dalla prototipazione alla produzione.

Un fattore importante che contribuisce a questo graduale passaggio di livello di settore, dall’utilizzo della stampa 3D come soluzione di prototipazione rapida all’adozione della tecnologia nella produzione finale, è la maggiore automazione delle tecniche di post-elaborazione. Gli oggetti stampati in 3D richiederebbero in precedenza tutti i tipi di lavoro tecnico manuale per terminarli, come la pulizia, il trattamento termico, la levigatura, la lucidatura e il taglio. Molti, se non tutti, questi processi possono ora essere eseguiti automaticamente da moduli aggiuntivi integrati in un sistema di stampa 3D, il che rende la tecnologia molto più fattibile come opzione per la produzione in serie su larga scala di prodotti commerciali o componenti industriali.

Alcuni dei sistemi di stampa 3D di più alto profilo in mostra a formnext 2017 si adattano alla narrativa che si tratta di un settore focalizzato sul tentativo di affrontare la produzione di parti di uso finale, non solo la fabbricazione di prototipi monouso.

GE Additive, ad esempio, ha usato la sua presenza alla conferenza di Francoforte per presentare la sua stampante 3D laser in metallo su larga scala  , il primo prodotto del suo progetto ATLAS (Additive Technology Large Area System). Descritto come “scalabile e personalizzabile”, la stampante GE 3D ha un enorme volume di costruzione (1,1 x 1,1 x 0,3 m) adatto per la produzione su piccola scala nel settore aeronautico, automobilistico, spaziale e del petrolio e del gas. È questo tipo di dimensione che spinge al limite che potrebbe portare la stampa 3D sulla mappa come strumento per la produzione di grandi lotti di parti finali potenzialmente molto grandi.

SLM Solutions ha inoltre presentato il suo sistema di stampa 3D su larga scala, lo SLM 800,  500 x 280 x 850 mm  e abbiamo anche visto alcuni altri importanti protagonisti debuttare su nuovi moduli o macchine pronti per la produzione che potrebbero presto rivoluzionare il modo in cui la tecnologia di stampa 3D è utilizzato nella produzione.

La società olandese di stampa 3D Additive industries ha annunciato la prima mondiale ufficiale del nuovissimo Product Removal Module, dimostrato come parte del suo famoso sistema MetalFAB1, nonché uno strumento di sviluppo delle applicazioni. Il nuovo modulo dell’azienda di Eindhoven automatizzerà la fase finale del processo AM in metallo, poiché la parte metallica finita viene staccata dalla macchina. Questo modulo utilizza laser a 4 campi completi per migliorare l’efficienza del processo e riduce anche i costi e accelera la produzione, eliminando la necessità per i produttori di intervenire manualmente o portare la robotica nelle loro linee di produzione. MetalFAB1 è destinato ad essere uno dei primi sistemi AM metal completamente integrati sul mercato, e questo dovrebbe dargli un serio vantaggio competitivo.

Altri produttori di stampanti 3D e fornitori di servizi che hanno partecipato alla conferenza hanno incluso Desktop Metal con la sua tecnologia di stampa 3D a passaggio singolo (SPJ) e polvere MIM (Metal Injection Moulding), EOS con la sua stampante 3D per la fusione in polvere P 500 che costa il 30% in meno e due volte più veloce della P 396, Mass Portal con Dynasty AMS e XJet conla sua Carmel 1400.

Un altro segno che la stampa 3D sta entrando nell’era della produzione è l’introduzione di aziende manifatturiere affermate al di fuori del settore AM, come Trumpf e HP.

Trumpf, azienda tedesca di lavorazione meccanica, ha un fatturato di 3,1 miliardi di euro (3,6 miliardi di dollari) e sta cercando di espandersi ulteriormente contribuendo a portare la stampa 3D nella produzione in serie. Basandosi sulle proprie competenze sviluppate dal taglio laser CNC e da altre tecniche di lavorazione della lamiera, Trumpf offre ora cinque diversi sistemi di stampa 3D per i produttori da implementare nel loro processo di produzione su larga scala. La società punta già in alto con la nuova stampante 3D TruPrint 5000 , che afferma di poter soddisfare i severi requisiti di qualità per il settore aerospaziale e medico. Trumpf sta anche sperimentando il processo di “rivestimento laser”, grazie al quale le strutture 3D vengono saldate su prodotti esistenti. Ciò è particolarmente utile per il rinnovo degli strati di usura su ingranaggi e punte da trapano.

HP lancia anche il suo cappello nell’agone della stampa 3D in grande stile, dopo decenni di successo con l’elettronica di consumo più tradizionale. Il suo sistema di stampa HP Jet Fusion 3D 4210, progettato per gli ambienti di produzione 3D su scala industriale, ha suscitato molto entusiasmo. Il sistema dovrebbe essere in grado di ridurre i costi operativi complessivi per i produttori, aumentando al tempo stesso le capacità del volume di produzione. Il punto di pareggio per la produzione 3D su larga scala verrà apparentemente portato fino a 110.000 parti (parti da 5-cu.-m ), e la tecnologia di produzione di materiali termoplastici avanzati della stampante Jet Fusion offre un costo per parte fino a 65 per cento inferiore al costo medio di stampanti FDM e SLS comparabili.

Ma mentre queste grandi macchine – dalle aziende nuove alla stampa 3D e che hanno molta familiarità con esse – stanno dando il contributo più serio alla stampa 3D come mezzo di produzione, ulteriori prove delle mutevoli tendenze nel settore della produzione additiva si possono trovare con le aziende l’estremità opposta dello spettro alle soluzioni GE e SLM: aziende di stampa 3D più piccole che hanno fatto il loro nome nella stampa 3D desktop, ma che ora sembrano mirare a sistemi pronti per la produzione.

Il Roboze  italiano  è un buon esempio. Conosciuto per la sua stampante senza cinghia  Roboze One FDM 3D , l’azienda di Bari ha offerto una soluzione completamente nuova a formnext. Quella nuova stampante 3D è  ARGO 500 , la cui capacità di stampare PEEK rinforzato con carbonio e altri materiali la rende adatta per la fabbricazione di componenti di uso finale in una varietà di settori.

Con formnext 2018 già in vista , resta da vedere quanto grande possa essere il salto della stampa 3D dalla prototipazione alla produzione, ma i maggiori progressi nel design, nei materiali, nelle stampanti 3D, nella post-elaborazione, in qualsiasi altra tecnologia significano che la produzione additiva è rivendicare la sua pretesa come una tecnologia produttiva vitale del futuro. Le fabbriche integrate con sistemi in grado di aumentare l’automazione e accelerare i tempi di produzione aiuteranno solo la causa della stampa 3D, aiutando la produzione additiva ad affrontare altri settori oltre la sua attuale portata. Nei prossimi anni, è probabile che i processi di stampa e finitura 3D diventeranno sempre più industrializzati e la principale tendenza sembra essere che AM sia un’opzione quotidiana per i produttori per la produzione in serie su vasta scala.

Be the first to comment on "Formnext 2017 a Francoforte bilanci : arriva il passaggio della stampa 3D dalla prototipazione alla produzione"

Leave a comment