Formlabs come stampare in 3d delle protesi dentarie esteticamente belle

Formlabs ci dice come realizzare protesi stampate in 3D di bell’aspetto

Più di 36 milioni di americani non hanno denti e 120 milioni di persone negli Stati Uniti mancano almeno un dente. Con questi numeri che dovrebbero crescere nei prossimi due decenni, il mercato delle protesi stampate in 3D dovrebbe crescere in modo significativo.

Sam Wainwright, responsabile dei prodotti dentali di Formlabs , ha suggerito durante l’ ultimo webinar della società che non sarebbe “sorpreso di vedere il 40% delle protesi in America realizzate con la stampa 3D”, affermando che ha senso “a livello tecnologico perché c’è nessuna perdita di materiale. ”L’esperto ha approfondito alcune delle tecniche che hanno dimostrato di funzionare per protesi con stampa 3D esteticamente migliori. Il webinar, intitolato Le protesi stampate in 3D possono avere un bell’aspetto? , Ha offerto i dentisti, tecnici e chiunque sia interessato a utilizzare la stampa 3D per migliorare la protesi, consigli su come c ut i costi fino al 80% di materiale (rispetto alle carte di protesi tradizionali e acrilico); eseguire fI primi passi per ottenere risultati di alta qualità e nel complesso impediscono ai denti di apparire innaturali.

“Questo è un mercato in continua espansione con molte opzioni. Le protesi stampate in 3D sono una novità, soprattutto per le protesi rimovibili (qualcosa che non è mai stato digitalizzato), quindi ci vorrà del tempo perché laboratori, dentisti e pazienti si abituino. Il materiale è indicato per un uso a lungo termine, ma l’adozione più rapida di questa tecnologia sarà la conversione immediata e le protesi provvisorie, che hanno un rischio inferiore consentendo ai professionisti del settore dentale di camminare senza imbattersi in questa nuova tecnologia. Prevediamo inoltre che le resine miglioreranno, diventeranno più forti e più estetiche nel tempo “, ha affermato Wainwright.

In effetti, nell’ultimo anno, Formlabs è già riuscita a migliorare le resine che vende ai professionisti medici per realizzare protesi orali, chiamate Digital Dentures. Queste nuove resine approvate dalla FDA non solo assomigliano alle protesi tradizionali, ma sono anche più economiche di altre opzioni. A $ 299 per la resina base protesica e $ 399 per la resina dentale, la società stima che il costo totale della resina per una protesi mascellare sia di $ 7,20. Inoltre, Formlabs ha recentemente rilasciato la nuova stampante Form 3 , che utilizza supporti touch leggeri: il che significa che la post-elaborazione è diventata molto più semplice. La rimozione del supporto sarà più rapida sul Modulo 3 rispetto al Modulo 2, il che si traduce in minori costi e tempi dei materiali.

“Stiamo cercando di evitare che i denti sembrino innaturali e, a volte, con queste protesi stampate in 3D, l’estetica ne soffre davvero. Ci piace pensare che le protesi dentarie dovrebbero avere la gengiva simil-ife, margini cervicali naturali, aspetto individuale ed essere facili da assemblare ”, ha detto Wainright.

Il flusso di lavoro di base generale proposto da Wainright è quello di seguire il flusso di lavoro tradizionale fino a quando i modelli finali non vengono versati e articolati con bordo in cera, che l’installazione deve essere resa digitale con uno scanner 3D dentale desktop che consenta la progettazione digitale in qualsiasi CAD CAD dentale sistema, seguito dalla stampa 3D della base e dei denti e infine dalla post-elaborazione , assemblaggio e finitura del pezzo.

“Dopo aver realizzato così tante parti, aver stampato una tonnellata di denti e basi per protesi e averle assemblate, abbiamo messo a punto tre tecniche per una protesi con stampa 3D estetica. Ciò che vogliamo è evitare alcuni dei risultati delle odontoiatrie digitali odierne, come i prodotti a base opaca o gengiva, che secondo me è un po ‘un casino. Oppure si ottiene una base semi-traslucida che lascia scoperte le radici e, infine, quando si utilizza il flusso di lavoro del dente storto si può ottenere una voluminosa connessione interprossimale. E poiché le papille sono parti stampate molto sottili, è davvero facile vedere i denti che si collegano, sembrando innaturali. ”

Le tre tecniche di protesi estetiche suggerite da Wainwright includono:

La connessione gengivale naturale e il margine cervicale si basano sull’output CAD per un risultato ottimale
Facilità di montaggio dell’arco splintato senza un interprossimale voluminoso
Gengiva realistica, ispirata alle “protesi brasiliane”
Wainright suggerisce che per la sua prima tecnica dentale estetica, gli utenti possono controllare la profondità di penetrazione del dente e l’ angolazione che entra o esce, utilizzando una nuova funzione nel software CAD 3Shape Dental System (versione 2018+). L’opzione si chiama meccanismo di accoppiamento e offre all’utente un controllo maggiore rispetto a prima, cosa che risulta molto utile considerando che ” maggiore è la lunghezza subgengivale del dente, più forte è il legame con la base”.

“Il motivo per cui le protesi stampate in 3D sono diverse dalle protesi tradizionali è che le resine per la base e i denti sono come cugini. Quando le parti escono dalla stampante e le lavi, sono quasi morbide e persino appiccicose, perché sono solo parzialmente polimerizzate, tra il 25 e il 35 percento. Ma durante il processo di indurimento UV finale, il dente e la base diventano una parte solida. “

In effetti, lo specialista della protesi indica che gli utenti dovrebbero curare la base e i denti combinati con una luce di cura UV portatile, spostandosi verso l’interno, solo per tenere davvero insieme le parti. Una volta che l’utente ha verificato che tutte le cavità sono state riempite e rimuove qualsiasi resina di base residua, la protesi è completa e pronta per essere immersa per 30 minuti in glicerina a 80 gradi Celsius, per un’ora totale di tempo di polimerizzazione. A quel punto, il pezzo può essere rifinito con uno smalto UV o una ruota per uno smalto altamente lucido.

La seconda tecnica di protesi estetica raccomandata prevede la facilità di assemblaggio dell’arco placcato senza ingombranti interprossimali.

Wainright ha spiegato di aver impostato “questi casi in CAD, in modo che siano fissati al 100% insieme perché è molto più facile avere un posizionamento coerente dei denti, invece di farlo uno per uno che può essere laborioso. Per prima cosa esporto l’arco steccato, ma la domanda qui è come rendere naturale la connessione tra i denti interprossimalmente, specialmente quando hai una papilla molto sottile. Quindi prima dell’assemblaggio, durante la parte di rimozione del nostro supporto, prendiamo un disco da taglio e ridurremo la connessione interprossimale dal margine cervicale verso l’incisale. Questo aiuta davvero l’estetica della protesi senza preoccuparsi di spazi. ”

Raccomanda inoltre che durante il processo di assemblaggio, gli utenti possano facilmente spazzolare la resina gengivale negli spazi per assicurarsi che non ci siano aria, spazi vuoti o vuoti, mantenendo la forza.

“Tieni gli occhi aperti per le bolle”, ha ripetuto più volte Wainright, spiegando che “se fai un’interazione minima per ottenere la resina negli spazi, riduce davvero le bolle”.

Ha anche aggiunto che la chiave è “fluire inizialmente con più resina, invece di bagnarla, e quando viene stretta insieme scorrerà in quella zona. Infine, l’overflow può essere cancellato con un dito guantato. ”

“Sembra abbastanza semplice ma queste sono le cose che impariamo nel tempo. Ho ripetuto molti di questi processi una manciata di volte e sono migliorato, oggi potrebbero volerci fino a 10 minuti al massimo per finire una protesi. Inoltre, se si pensa ai supporti soft touch nel Modulo 3, la post-elaborazione sarà ancora più semplice, poiché chiunque sarà in grado di strapparli e aggiungere pochissima finitura al prodotto. “

Per l’ultima tecnica di protesi estetica, Wainwright ha suggerito di seguire l’esempio delle “protesi brasiliane” , che offre un modo stimolante per creare una gengiva realistica. Dice di aver notato che i brasiliani sono diventati esperti nella creazione di protesi, aggiungendo resine traslucide nella base che consentono al colore della gengiva del paziente di mostrarsi. Ha anche proposto che la resina LP Formlabs sia anche abbastanza traslucida, ma quando testata su un modello o sulla bocca del paziente, “aggiunge una bella profondità alla gengiva stessa dando un riflesso di luce utile in estetica.”

“Quando la protesi viene inserita intraoralmente, la gengiva naturale del paziente si manifesta attraverso la realizzazione della protesi.”

Formlabs è noto per la creazione di sistemi di stampa 3D affidabili e accessibili per i professionisti. Secondo l’azienda, nell’ultimo decennio, il mercato dentale è diventato una parte importante del business dell’azienda e la fiducia di Formlabs da parte dei leader del settore dentale in tutto il mondo, “offre oltre 75 addetti all’assistenza e all’assistenza e oltre 150 ingegneri. ”

Ha spedito oltre 50.000 stampanti in tutto il mondo, con decine di migliaia di professionisti dentali che utilizzano il modulo 2 per migliorare la vita di centinaia di migliaia di pazienti. Inoltre, utilizzando i loro materiali e stampanti in oltre 175.000 interventi chirurgici, 35.000 stecche e 1.750.000 parti dentali stampate in 3D. Uno degli obiettivi di Formlabs è quello di espandere l’accesso alla fabbricazione digitale, in modo che chiunque possa realizzare qualsiasi cosa, questo è uno dei motivi per cui l’azienda sta realizzando webinar, per aiutare tutti ad arrivarci.

Wainright ha anche rivelato che Formlabs rilascerà due nuove basi per protesi, RP (rosa rossastro) e DP (rosa scuro), nonché due nuove forme di denti per protesi, A3 e B2, che completeranno le già esistenti A1, A2, A3. 5 e B1.

Be the first to comment on "Formlabs come stampare in 3d delle protesi dentarie esteticamente belle"

Leave a comment