Ford e l’Automotive Innovation Awards Competition

Ford riconosciuta per il lavoro con la stampa 3D automobilistica

Diversi importanti produttori automobilistici hanno utilizzato la stampa 3D e Ford è uno di questi. Recentemente, la società è stata riconosciuta per il suo lavoro nella stampa 3D. Per la prima volta, l’Automotive Innovation Awards Competition tenutosi dalla divisione Automotive della Society of Plastics Engineers (SPE) sta riconoscendo la produzione additiva come categoria separata, e Ford è stata la vincitrice di tutti e tre gli spot finalisti.

Le parti che hanno conquistato Ford gli spot finalisti includono l’azione del sollevatore di stampi a iniezione stampata in 3D utilizzata nel nuovo pickup Ranger, una funzione di allineamento delle finestre utilizzata nella decappottabile Mustang 2017 e un assistente di sollevamento usato per realizzare la SUV Escape e la berlina Fusion. Queste non sono parti di produzione: due sono utilizzate in assemblaggio e una in uno strumento, ma la tecnologia era ancora parte integrante nello sviluppo e nella produzione dei prodotti.

“Realmente non abbiamo capito il potenziale di quali sarebbero state le capacità di questo processo”, ha affermato Roy Raymer, Coordinatore del prodotto Ford per la produzione rapida. “È incredibile.”
Sfogo
L’inserto per stampi è stato sviluppato per risolvere un problema di ventilazione inadeguata; l’inserto stampato in 3D ha integrato i canali di ventilazione per consentire la fuoriuscita del gas. Il design presenta prese d’aria lungo la parte superiore e laterale di ogni paletta, che, afferma Ford, migliora lo sfiato del 100%. Il tempo di produzione è stato ridotto del 70 percento e il design integrato elimina la necessità di una griglia separata. Lo stampo è realizzato da Hi-Tech Mold and Engineering .

L’apparecchio per l’allineamento delle finestre è stampato in 3D usando FDM, con il 35% di poliammide rinforzata con fibra di carbonio. È il 30 percento più leggero e più economico da produrre rispetto a un apparecchio tradizionale saldato: sono bastate solo 50 ore per realizzare la funzione integrata con maniglie e staffe di montaggio. L’apparecchio stampato in 3D integra il controllo pneumatico, gli occhielli per un rack di stivaggio, l’alloggiamento dell’interruttore di innesco, le impugnature ergonomiche, un deflettore di protezione dell’indicatore, fermi per tubi pneumatici e supporti per gli interruttori.

Anche l’ascensore assistito è stato stampato in 3D usando FDM e, secondo Ford, può sollevare qualsiasi cosa da un semiasse a un cruscotto. La stampa 3D della parte consentiva geometrie più complesse per interfacciarsi meglio con il getto e costava il 50% in meno rispetto a un dispositivo tradizionale. Inoltre, ha ridotto il peso di 222 libbre, riducendo le lesioni da movimento ripetitivo e rendendo più facile l’uso generale. L’azienda ha inoltre ridotto notevolmente i tempi di consegna.

Ford ha iniziato la sua sperimentazione di stampa 3D con una stampante 3D SLA per realizzare prototipi complessi, e da allora il suo lavoro si è evoluto fino a utilizzare la sabbiatrice FDM, SLS e 3D. Come molte altre aziende automobilistiche, Ford ha scoperto che la stampa 3D può far risparmiare tempo, denaro e materiale e consentire la creazione di parti più complesse e uniche. Mentre gli esempi di cui sopra sono parti utilizzate per strumenti e assemblaggio, non sorprenderà se la Ford passerà presto all’utilizzo della stampa 3D per le parti di produzione reali. Altre aziende, come ad esempio Divergent 3D , utilizzano la stampa 3D per costruire auto più leggere ed efficienti, riducendo sia i costi che l’impatto ambientale. Poiché i vantaggi della stampa 3D diventano più evidenti, è probabile che vedremo sempre più produttori a utilizzare la tecnologia per la produzione effettiva, con un conseguente cambiamento significativo dell’intera industria automobilistica.

I vincitori del concorso Automotive Innovation Awards saranno annunciati il ​​7 novembre.

Be the first to comment on "Ford e l’Automotive Innovation Awards Competition"

Leave a comment