FlyPi microscopio professionale open source da stampare in 3d

FlyPi: un microscopio stampato in 3D open source che può essere spendendo solo 100 euro
I microscopi professionali sono molto costosi , e per questo non sempre le scuole hanno la possibilità di dotarsene, ma le cose potrebbero cambiare grazie ad uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della Tubinga in Germania e dell’Università del Sussex  in Gran Bretagna : ora sappiamo che c’è un modo per costruirsi delle apparecchiature a basso costo per il laboratorio  utilizzando la stampa 3D e i microcomputer.

Il progetto di ricerca, recentemente pubblicato nella rivista Plos Biology, illustra come un team di neuroscienziati è in grado di utilizzare la stampa 3D e i microcomputer per creare un sistema di imaging e  un microscopio a basso costo che potrebbe essere impiegato in scuole e laboratori attorno al mondo.

Chiamato FlyPi, il microscopio fai da te è completamente open source e può essere fatto con un  un minimo 100 euro . Rispetto alle migliaia di euro che possono costare le attrezzature standard da laboratorio.

Il FlyPi incorpora una serie di parti stampate 3D, un microcomputer Raspberry Pi e un numero di bit elettronici a basso costo come LED e webcam. Assemblato, può essere utilizzato per diverse applicazioni di laboratorio, tra cui l’optogenetica (il controllo delle cellule con la  luce), studi comportamentali per i piccoli animali (mosche da frutto, larve dei pesci zebra , ad esempio) e altro ancora.

Tom Baden, un neuroscienziato presso l’Università del Sussex e André Maia Chagas, autore principale dello studio, sono stati ispirati a creare lo strumento stampato in 3d  dopo aver lavorato in Tanzania e avendo là visto l’arretratezza dei laboratori.

Baden ha spiegato: “per molte università del continente africano, l’attrezzatura è un problema. Ci sono microscopi, ma ci sono più persone che microscopi “. L’obiettivo di lui e Chagas era pertanto quello di ottenere delle attrezzature a basso costo, ma ancora funzionanti, che rendessero più accessibile la ricerca e la pratica.

Hanno scoperto che utilizzando i LED e le webcam i microscopi funzionano egregiamente invece di usare delle componenti  tradizionali più costose.

Nella progettazione del FlyPi, gli scienziati sono stati ispirati dalla comunità Maker, che da anni impiega risorse di stampa 3D, microcontroller e microcomputer. Il fai-da-te dei maker ha permesso   molte alternative a basso costo rispetto a dispositivi e strumenti molto cari.

In aderenza alla filosofia maker , Baden e la sua squadra hanno optato per mantenere la loro ricerca completamente open, il che significa che quasi tutti possono replicare il loro modello di microscopio. “È uno sforzo condotto dalla comunità”, ha detto. “Lo mettiamo in linea sperando che venga migliorato dalla Comunità”.

Il documento completo, intitolato “Il laboratorio a 100 euro: una piattaforma open-source stampabile 3D per la microscopia a fluorescenza, l’optogenetica e il preciso controllo della temperatura  di zebrafish, Drosophila, and Caenorhabditis elegans”, si trovano a questo indirizzo : http://journals.plos.org/plosbiology/article?id=10.1371/journal.pbio.2002702

Be the first to comment on "FlyPi microscopio professionale open source da stampare in 3d"

Leave a comment