FELIX BIOprinter

FELIXprinters lancia la sua prima bioprinter FELIX BIOprinter

Se potessimo visualizzare il futuro della medicina, dei test antidroga e dello sviluppo di tessuti e organi artificiali, troveremmo sicuramente le bioprinter sotto i riflettori. Parte della visione d’avanguardia di molte aziende e ricercatori è che le macchine diventeranno una risorsa familiare utilizzata in ogni laboratorio di bioingegneria, università e persino scuola in tutto il mondo. Ma per arrivare a questo slancio potrebbero volerci molti anni, persino decenni, ma questo sta diventando uno dei tempi più interessanti per il settore, con una gamma sempre più ampia di aziende che promuovono commercialmente la tecnologia di bioprinting , non possiamo fare a meno di eccitarci quando sentiamo su recenti progressi e macchine appena lanciate.
Approfittando di anni di esperienza nella stampa 3D, il produttore olandese FELIXprinters ha annunciato oggi la sua ultima avventura, il lancio commerciale di una nuova bioprinter nota come FELIX BIOprinter. La società ha collaborato con TRAINING4CRM e l’ Università tecnica della Danimarca (DTU) per progettare una macchina che funziona per tutti i tipi di ricerca sulla bioprinting, dotata di motori potenti in grado di estrudere una vasta gamma di tipi di materiali e viscosità. Secondo il sito del prodotto , la BIOprinter eroga una vasta gamma di materiali viscosi fino a una viscosità di 64.000 Centipoise, con la capacità di estrudere materiali e bioink che variano in consistenza da liquidi a paste.
“La stampante BIOprinter è stata progettata per essere lo strumento di ricerca biologica per eccellenza in un pacchetto economico ed è stata sviluppata accanto alle menti più brillanti nel settore della bioprinting”, ha suggerito Wilgo Feliksdal, cofondatore delle stampanti FELIX. “In modo univoco, la stampante BIO combina due testine di stampa sterilizzabili che hanno un design modulare per facili cambi e sono disponibili testine separate per stampare diversi bioink contemporaneamente. Questo integra diverse proprietà del materiale in una singola struttura di impalcatura. “

Basata sui prodotti FELIX esistenti e consolidati , la stampante BIO è stata sviluppata sul telaio della linea di prodotti FELIX. Secondo l’azienda, la nuova stampante è caratterizzata da caratteristiche chiave che sono specificamente progettate per applicazioni mediche, scientifiche e di ricerca, tra cui il raffreddamento della siringa, il raffreddamento e il riscaldamento del letto di stampa, un sistema a doppia testina, un facile posizionamento della siringa (accesso ergonomico alla macchina interiora supporta i ricercatori nel loro lavoro) e il livellamento automatico del letto.
È inoltre dotato di un touchscreen con un’interfaccia intuitiva e un server di stampa incorporato che consente il monitoraggio remoto dei file di stampa, l’utilizzo in un ambiente multiutente e la gestione dei file di stampa. Un sistema di sondaggio degli ugelli consente il livellamento automatico del letto e la calibrazione degli ugelli, oltre a un modulo videocamera che consente agli utenti di monitorare le stampe in remoto dal proprio smartphone o computer completando le funzionalità di questa macchina. FELIX indica che la stampante BIO si ritrae anche con un motore altamente preciso per un dosaggio o materiali migliori e un flusso di materiale più accurato rispetto ai sistemi di pressione dell’aria alternativi.

“La stampante BIO è costituita da un ecosistema adattabile e flessibile per garantire che possa soddisfare una vasta gamma di esigenze dei ricercatori senza generare costi inutili. Uno dei principali vantaggi è il sistema di controllo del codice sorgente che consente all’utente di utilizzare software di slicing standard e apportare modifiche se necessario. Inoltre, le siringhe non si limitano a costosi prodotti specifici del marchio o fabbricati internamente che aumentano sostanzialmente i costi operativi. La macchina invece è stata progettata per utilizzare una siringa standard da 5 ml, piastre di Petri standardizzate e piastre di coltura, quindi non ci sono limiti su parti e materiali ausiliari ”, ha continuato Feliksdal.

Un grande vantaggio è che la macchina utilizza il software di slicing familiare Simplify 3D , per consentire un’esperienza utente completamente sotto controllo e personalizzabile. La stampante BIO è inoltre abilitata per WIFI e LAN, viene fornita con una garanzia di un anno e assistenza clienti a vita.

I funzionari delle stampanti FELIX affermano che la loro nuova macchina è stata progettata per essere facilmente aggiornabile, il che significa che il suo ciclo di vita può essere esteso senza compromettere qualità, affidabilità e produttività. Mentre gli utenti possono trarre vantaggio dal fatto che le testine di stampa sono facili da sterilizzare, il che elimina la probabilità di contaminazione.
Presentata per la prima volta all’evento Formnext a Francoforte, in Germania, lo scorso novembre, la macchina è ora disponibile in commercio con i preordini già in fase di elaborazione. È stato presentato accanto alle macchine Tec 4, Pro 3 Touch e Pro L e XL della società , utilizzate in una vasta gamma di settori industriali per applicazioni di produzione AM impegnative e sotto l’egida del loro tema: “Going Dutch”, che ha mostrato mulini a vento in movimento, mini zoccoli e iconici tulipani colorati tutti creati nelle macchine della stampante FELIX. Fa tutto parte del patrimonio olandese dell’azienda, di cui sono estremamente orgogliosi.
Per sviluppare il BIOprinter, che è fatto a mano nei Paesi Bassi, la società ha ricevuto un finanziamento della E uropea Unione Orizzonte 2020 del programma , un programma di finanziamento per la ricerca e l’innovazione con quasi 80 miliardi di € di fondi disponibili nel corso di un periodo di sette anni (dal 2014 al 2020). Mentre 13 istituti di ricerca hanno partecipato allo sviluppo, tra cui l’Università di Göteborg , Universidad Autonoma de Madrid , Tufts University , Università di Lund e altro ancora.
Nuove bioprinter 3D e bioink offrono così tante opportunità ai ricercatori con esigenze uniche. L’esplorazione di nuove possibilità di lavorare con diversi biomateriali e macchine nel campo della biofabbricazione li aiuta a fare nuove scoperte a beneficio di tutti. Per ora, dovremo aspettare e vedere cosa creeranno gli utenti di FELIX BIOprinter!

Be the first to comment on "FELIX BIOprinter"

Leave a comment