Facciamo il punto sulla strategia di Hp nella stampa 3d con la sua Multi Jet Fusion

HP Inc. abbraccia il modello di piattaforma open con la stampante 3D Fusion a getto multiplo

Shane Well di HpIl successo di HP come una delle principali società di stampanti a getto d’inchiostro al mondo è spesso attribuita, sia dai sostenitori che dai  critici, al suo ben noto modello di business ‘tie-in’ (noto anche come ‘specchietto per le allodole’, a seconda di a chi lo si chiede). Cioè, vendere la stampante ad un prezzo molto basso, ma costringere il cliente a tornare per acquistare le cartucce ad un prezzo elevato. In realtà, HP è diventata così nota per questa pratica, che è usata come un esempio da manuale nei case history aziendali da studiare. Eppure, con la sua stampante Multi Jet Fusion 3D in arrivo e tanto pubblicizzata, che dovrebbe arrivare questo autunno, la HP ha promesso di prendere una strada completamente diversa: un modello di business a piattaforma aperta, in cui i clienti non saranno solo in grado di utilizzare materiali di terze parti, ma saranno incoraggiati a sperimentare, sviluppare, e testare materiali anche ‘dirompenti’.

In una recente intervista  Shane Wall, CTO di  HP  ha riaffermato la visione della società di entrare non solo nel mercato della stampa 3D, ma do voler inaugurare un’era di ‘rottura’. La domanda è, la rivoluzione si applicherà a tutto il settore, o semplicemente allo  schema obsoleto di HP?

la retorica fiducioso di Wall è confermata dalle dichiarazioni del CEO Dion Weisler appena qualche settimana fa: “Crediamo molto che con questa tecnologia  abbiamo in mano qualcosa di incredibilmente dirompente … che cambierà radicalmente l’industria”, ha detto.

Per ricapitolare, con la sua tecnologia di stampa Multi Jet Fusion 3D, HP ha promesso una stampante 3D industriale top-of-the-line   in grado di raggiungere una velocità almeno 10 volte più veloce rispetto alle attuali tecnologie SLS, con la produzione di componenti stampate in 3d con proprietà meccaniche superiori , una precisione a livello di voxel, e delle superfici multicolori eccellenti. Inoltre sarà venduta al 20 per cento del costo delle macchine industriali esistenti.

Targeting aziendale piuttosto che per il mercato consumer commerciale ( “non abbiamo mai visto del valore lì”, per citare Weisler), la stampante 3D HP Multi Jet Fusion può entrare un po’ tardi in gioco, ma affrontando e superando le limitazioni  in materia di velocità, prezzo e qualità dei pezzi, grazie al [getto termico d’inchiostro] vorrebbe rivoluzionare il mercato.

C’è anche una quarta limitazione che HP vuole superare: ” il carattere chiuso” del settore della stampa 3D. Così hanno collaborato con la piattaforma di stampa 3D open di Spark di Autodesk e ha piani per includere una integrazione con Windows 10 per una maggiore esperienza del cliente .

“Ci sono ancora i materiali di consumo, ma il nostro modello sarà diverso”, ha spiegato Wall. “Noi apriremo la piattaforma in modo che le persone possano utilizzare altre forniture .” Piuttosto che mantenere il pieno controllo suimateriali, come si fa con le cartucce di inchiostro in 2D, una volta che la stampante Multi Jet Fusion 3D verrà rilasciato, HP darà agli  altri fornitori di materiali di stampa 3D l’accesso per creare materiali compatibili propri e non solo materiali.

“Avranno accesso alle nostri API attraverso un SK che permetterà loro di programmare la stampante stessa, e noi permetteremo alle persone di entrare e creare nuovi materiali che non avrebbero potuto fare prima. [Questa è] molto diverso dalla solita HP è il gioco che cambia “.

Ma come Chris Connery, VP di Global Research Analysis at CONTEXT, spiega, si tratta di una mossa necessaria di HP per lanciare se stessa e l’industria della stampa 3D, più in generale:

“Tutto ciò che il mercato delle stampanti 3D può fare per allontanarsi dal modello della stampa 2D dovrebbe essere positivo. Tutti sono d’accordo che i materiali e la scienza dei materiali giocherà un ruolo importante nel futuro della produzione additiva e se i fornitori di stampa 3d daranno materiali che gli  scienziati sapranno trasformare , questo aprirà  la portaagli ingegneri per trovare nuovi modi per sfruttare questa tecnologia.”

Il primo modello di stampante Multi Jet Fusion 3D di HP uscirà nell’autunno 2016, tuttavia sarà disponibile solo come macchina con un unico colore in grado di lavorare materiali di stampa 3D termoplastici  per le imprese piccole e medie. In futuro, e grazie al suo modello di piattaforma aperta, HP ha promesso che molti altri materiali, tra cui i metalli, saranno disponibili per le macchine successive, rendendole applicabili alle industrie di vendita al dettaglio, automobilistiche, e al settore medico.

Allontanarsi dalla stampa a basso costo utilizzato da decenni  non sarà sicuramente facile per HP, ma i clienti sono diventati cauti, la piattaforma aperta sembra esserela direzione giusta ma da sola la direzione giusta non basta. Allo stesso tempo, la  piattaforma aperta aprirà la porta a nuovi materiali. Anche se questo risulta essere meno vantaggioso per HP in particolare, potrebbe essere un passo promettente e importante per l’industria in generale.

Be the first to comment on "Facciamo il punto sulla strategia di Hp nella stampa 3d con la sua Multi Jet Fusion"

Leave a comment