Eye of Horus L’occhio di Horus un sistema di eye tracking per lo Space Apps 2015 di Saragozza permette all’utente di controllare i dispositivi semplicemente guardandoli

Eye of Horus l’ eye-tracking per gli astronauti grazie alla stampa 3D.

Un nuovo progetto proposto per lo Space Apps 2015  la sfida di stampa 3D per aiutare l’esplorazione dello spazio.

L’occhio di Horus è una  piattaforma open source stampata in 3d che permette all’utente di controllare i dispositivi semplicemente guardandoli con gli occhi con l’eye tracking . E ‘stato creato dall’incubatore Makeroni a Saragozza, in Spagna.
Ispirato l’antico simbolo egizio di protezione e di buona salute da cui ha preso il nome, il progetto (sia  hardware che software) è stato costruito da zero durante lo Space Apps di Saragozza per la sfida di Space Wearables in parte sponsorizzata dalla NASA

“Gli ingegneri della NASA in  laboratorio e sul campo  hanno spesso bisogno di operare con i computer e altri strumenti, ma in alcune situazioni questa interazione non è facile e spesso sono costretti ad interrompere le loro attività per immettere o acquisire dati “, hanno spiegato i creatori del progetto.

“L’assenza di gravità ostacola la mobilità degli astronauti all’interno della stazione e può influenzare il loro lavoro e la loro sicurezza. Abbiamo accettato la sfida spaziale   per la creazione di un accessorio indossabile che potrebbe aiutare le persone che interagiscono con i computer, con i dispositivi elettronici e anche con le cose di tutti i giorni solo grazie allo sguardo. ”

Oltre ad aiutare gli astronauti in missione o in esplorazione spaziale, la tecnologia può anche essere utilizzato anche sulla Terra. Tra gli altri aiuterebbe le persone con disabilità motorie, i conducenti che potrebbero  interagire con gli strumenti durante la guida solo guardandoli.

A parte il circuito stampato (PCB) e le componenti software, l’occhio di Horus è stato creato interamente utilizzando la stampa 3D. L’involucro è stato progettato per integrare i componenti elettrici – che comprendevano il PCB con un modulo Serial Bluetooth 4.0 BLE  , un modulo di controllo relè, una Arduino Pro Mini e un LED a infrarossi – in un sistema singolo e senza soluzione di continuità.
In totale, due iterazioni  stampate in 3d sono state realizzate durante lo sviluppo dell’occhio di Horus. Mentre la prima versione  è stato progettata come accessorio per i Google Glass , la seconda versione è indipendente dagli occhiali intelligenti di Google.

“La parte più importante di questo progetto è la sostenibilità e la redditività. Crediamo che questo progetto sia  altamente sostenibile. Siamo in grado di creare una campagna di crowdfunding con tutta la documentazione “, ha detto membro del team Jose Luis Berrocal.

“Siamo riusciti in 48 ore a creare un prototipo funzionale per mostrare il nostro sistema. E ‘facile da costruire, economico e tecnologico. ”

Be the first to comment on "Eye of Horus L’occhio di Horus un sistema di eye tracking per lo Space Apps 2015 di Saragozza permette all’utente di controllare i dispositivi semplicemente guardandoli"

Leave a comment