ExOne X1 160PRO

ExOne presenta X1 160PRO per la produzione di parti metalliche stampate in 3D a basso costo

Da anni ExOne produce stampanti 3D a getto di legante. L’azienda ha sviluppato processi per la produzione di anime di sabbia e l’utilizzo di getti leganti per la realizzazione di parti metalliche. Laddove altre aziende come Desktop Metal si concentrano su macchine più piccole e GE e HP sembrano creare un’offerta di fascia media, ExOne si è sempre concentrata sul mercato industriale. Insieme a Voxeljet, l’azienda lavora da anni nel settore petrolifero e del gas, automobilistico, navale e altre industrie con parti in metallo fuso o infiltrate.

Il jet legante tradizionalmente non ha avuto la precisione del DMLS (letto di polvere) né ha la capacità di DED di costruire parti di diversi metri di lunghezza. Ciò che il getti legante ha è la capacità di realizzare parti economiche con una serie di passaggi tra cui stampa, sinterizzazione e debinding. Desktop Metal ritiene che queste macchine diventeranno onnipresenti mentre GE e HP sembrano concentrarsi su ogni sito che ne ha uno per piccole serie e prototipi. ExOne, tuttavia, vuole percorrere la strada industriale ad alto volume, tuttavia. Oggi rilascia l’ X1 160Pro , un sistema di getti di leganti ad alto rendimento che sarà il più grande del mondo.

Il 800 x 500 x 400 mm, ha un volume di costruzione di 160 litri, 10.000 cm3 / ora di velocità di costruzione e si lancia con sei materiali. Oltre agli acciai inossidabili e agli Inconel, l’azienda è aperta anche allo sviluppo di nuove polveri per i clienti giusti. Al momento sono disponibili 316L, 304L e 17-4PH inossidabile. È interessante notare che le ceramiche sono disponibili anche sul nuovo sistema. È anche interessante il fatto che il nuovo sistema ExOne è un sistema a lega singola. In precedenza ExOne era in grado di offrire parti in acciaio stampato in 3D che sono state successivamente infiltrate da un altro metallo come il bronzo. Ora, questo sistema a lega singola lo elimina e consente all’azienda di offrire acciai inossidabili puri e simili senza un altro metallo di infiltrazione. Ciò dovrebbe rendere la loro offerta molto più appetibile per le aziende manifatturiere che hanno più familiarità con le singole leghe. Cosa c’è di più,

La società ha anche sviluppato Triple ACT, che è il loro nuovo metodo per depositare, spalmare e compattare la polvere. 3DPrint.com ha avuto la possibilità di intervistare il CEO di ExOne John Hartner, che ha rivelato che Triple ACT consente di ” ottenere una parte verde più resistente e più densa ” che porta a ” maggiore prevedibilità ” e per un ” processo di produzione più stretto “.

La società ha già ” diversi clienti nel settore automobilistico, aerospaziale, della difesa e industriale ” che stampano “da migliaia a decine di migliaia di parti con il nuovo sistema “. Il sistema è ” veloce, economico, scalabile e flessibile ” ed è un ” Sistema pronto per la produzione ” . La società sta lavorando al processo MIM in polvere da una sola lega ormai da oltre sei anni, ma ora ha ” la più grande base installata di legante per leganti per singola lega “. Hartner aggiunge che questo è significativo perché “i clienti credono la scalabilità del metallo in lega singola ” e la” combinazione di polveri ACT e MIM con materiali qualificati “porta a”proprietà note e caratteristiche note delle parti in un materiale affidabile e testato . ”160 consente ai clienti di produrre sia parti più grandi che più parti rispetto ad altri sistemi di getti leganti.

I clienti attuali includono aziende nei settori dello spazio commerciale, automobilistico, industriale e aeronautico e della difesa. Parti tipiche sono utilizzate su cose come ” sistemi senza pilota come droni e sistemi di armi “. Al momento i clienti sono quasi esclusivamente grandi multinazionali in quelle aree. Le parti che vengono prodotte sono relativamente a basso costo (per il nostro settore). Tuttavia, “le nuove parti organiche complesse che offrono leggerezza, numero di pezzi ridotto e gli altri vantaggi della stampa 3D classica sono i principali driver per l’adozione “.

Nuovi materiali in fase di sviluppo menzionati da Hartner erano ” più Inconel, acciai per utensili, ceramiche, materiali riciclati, carburo di silicio e alluminio “. Ha sottolineato che si trattava di un processo in corso con i partner di sviluppo e che l’arrivo previsto di questi materiali potrebbe richiedere fino al 2023.

I materiali riciclati avrebbero un’enorme potenziale applicazione militare, consentendo ai militari di riciclare proiettili, imballaggi e altri metalli di scarto in nuovi strumenti di guerra per loro. Il carburo di silicio è un materiale super interessante per il nostro settore. Utilizzato tradizionalmente negli utensili da taglio e con potenziali applicazioni (in nuove leghe) nel settore aerospaziale, questo potrebbe essere uno sviluppo chiave. Il fatto che ExOne stia producendo anche ceramiche sul sistema significa anche che ci sono più scelte nella produzione di ceramiche per potenziali clienti. La ceramica è un’area poco sfruttata nella stampa 3D e potrebbe utilizzare un po ‘più di sviluppo. Nel breve termine, sono comunque molto entusiasta dell’alluminio. Per me, è il materiale perfetto per i getti leganti. Di per sé leggero, potrebbe davvero rendere interessanti le parti per l’industria automobilistica e aprire davvero nuove aree nel settore marittimo.

Be the first to comment on "ExOne X1 160PRO"

Leave a comment