ExOne , ha registrato un calo delle entrate per il secondo trimestre del 2020

EXONE SEGNALA UN CALO DEI RICAVI NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2020 NONOSTANTE LA CRESCITA DEI CLIENTI RICORRENTI

Il produttore di stampanti 3D industriali in sabbia e metallo ExOne , ha registrato un calo delle entrate per il secondo trimestre del 2020, nonostante abbia mostrato una crescita della sua base installata.

Per i tre mesi terminati il ​​30 giugno 2020, ExOne ha generato un fatturato totale di 11,1 milioni di dollari. Questa cifra è in calo del 27,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, in cui il fatturato della società è stato segnalato a $ 15,3 milioni.

Sebbene i ricavi complessivi di ExOne siano diminuiti nel secondo trimestre del 2020, ha generato un aumento dei ricavi da clienti abituali, generando un portafoglio ordini del valore di $ 38,2 milioni. La società ha registrato entrate ricorrenti di 6,2 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2020, un aumento del tre percento rispetto al secondo trimestre del 2019 e del sei percento negli ultimi 12 mesi. La solida base finanziaria dell’azienda è stata ben accolta dai mercati e le sue azioni sono aumentate dell’11,2% da $ 9,24 a un massimo di $ 10,28 dopo i risultati.

In una chiamata con investitori e analisti, il CEO di ExOne John Hartner ha riconosciuto l’impatto della pandemia in corso, ma ha sottolineato le opportunità dell’azienda nel terzo trimestre del 2020. “I nostri risultati operativi continuano a essere influenzati da una prolungata recessione nel settore manifatturiero globale, che ha influenzato il spese in conto capitale dei nostri clienti “, ha affermato Hartner. “Ci aspettiamo che la combinazione del nostro portafoglio ordini, il nostro flusso di entrate ricorrente e un’accelerazione nell’adozione da parte del mercato della nostra tecnologia forniscano la base per la stabilità operativa per il resto del 2020 e nel 2021”.

“Nel complesso, la nostra performance evidenzia la resilienza del nostro modello operativo e la capacità del nostro team di continuare a mettere in atto la nostra strategia di fronte a tempi molto difficili”, ha aggiunto Hartner.

I ricavi di ExOne sono suddivisi in due linee di prodotti che comprendono macchine da stampa 3D e prodotti, materiali e servizi stampati in 3D e altri. Durante il secondo trimestre del 2020, i ricavi delle macchine sono diminuiti del 47,3% a 4,9 milioni di dollari, rispetto ai 9,3 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2019. Il calo dei ricavi dell’azienda è dovuto ai volumi di vendita inferiori, con otto sistemi venduti nel secondo trimestre del 2020, rispetto ai 13 del secondo trimestre del 2019.

La stampa 3D e altri prodotti, materiali e servizi dell’azienda hanno rappresentato il 56% del fatturato complessivo dell’azienda, superando per la prima volta le macchine da stampa 3D. Nel secondo trimestre del 2020, le macchine da stampa 3D hanno generato entrate per 6,2 milioni di dollari, un leggero aumento rispetto ai 6 milioni di dollari registrati nel secondo trimestre del 2019.

ExOne ha attribuito le sue buone prestazioni in termini di prodotti, materiali e servizi a una crescita del numero di contratti che aveva firmato con clienti abituali. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha recentemente assegnato alla società un contratto da 1,6 milioni di dollari per sviluppare una stampante a getto di rilegatura utilizzabile sul campo. Le aziende automobilistiche, mediche e di beni di consumo si sono anche impegnate con ExOne su accordi di produzione futuri per decentralizzare le loro catene di approvvigionamento.

Entrate per linea di prodotti Q2 2019 Vendite totali (%)
Macchine da stampa 3D $ 9.3m 60
Altri prodotti, materiali e servizi $ 15.3m 40
Il portafoglio ordini di $ 38,2 milioni della società è un nuovo record per l’azienda, un aumento del 13% rispetto al secondo trimestre del 2019 e un aumento del 65% negli ultimi 12 mesi. ExOne ha attribuito la crescita degli ordini alla forza della sua tecnologia di binder jetting. L’aumento della quantità di ordini dell’azienda ha anche migliorato il flusso di cassa, con 29,7 milioni di dollari di capitale liquido a disposizione dell’azienda, consentendole di effettuare investimenti futuri.

La spesa per ricerca e sviluppo è rimasta invariata, con $ 2,4 milioni spesi nel secondo trimestre del 2020 rispetto ai $ 2,5 milioni nel secondo trimestre del 2019. La società ha dichiarato che la sua diminuzione della spesa era principalmente dovuta ai minori costi relativi ai dipendenti e resta impegnata nello sviluppo del suo metallo X1 160 Pro stampante 3d. ExOne ha anche lanciato un progetto di ricerca da 2,8 milioni di dollari con 43 università della Pennsylvania durante il secondo trimestre del 2020 per sviluppare ulteriormente la sua tecnologia di stampa a getto di legante.

Entrate per linea di prodotti Q2 2020 Vendite totali (%) Variazione netta (%)
Macchine da stampa 3D $ 4,9 milioni 44 -47
Altri prodotti, materiali e servizi $ 11,1 milioni 56 -27
Il sistema X1 160 Pro dell’azienda è ancora in pista e sarà aggiunto al suo portafoglio esistente di stampanti 3D in metallo, X1 25 Pro, Innovent + e M-Flex, nella seconda metà del 2020. Durante il secondo trimestre del 2020, ExOne ha lanciato la sua campagna #MakeMetalGreen , evidenziando il basso spreco di materiale creato dai suoi sistemi 3D in metallo. ExOne rimane impegnata nella sua iniziativa ecologica e continuerà a sviluppare il suo portafoglio di oltre 20 materiali per produrre la minima quantità possibile di rifiuti.

ExOne ha rilasciato la sua Sand 3D Printing Network nel secondo trimestre, consentendo ai clienti di accedere alla rapida produzione digitale di fusioni complesse e parti di utensili. Alimentato da 40 sistemi di binder jetting industriali ExOne, i clienti in una vasta gamma di settori possono accedere alle parti in soli 3-5 giorni.

Impatto della pandemia COVID-19

Durante la chiamata sugli utili della società, il CFO Douglas Zemba ha spiegato che le restrizioni in corso relative a COVID hanno avuto un impatto sulle prestazioni dei ricavi dell’azienda. “Entrambi i nostri gruppi di prodotti sono stati interrotti da COVID-19, principalmente a causa delle restrizioni di spedizione e di viaggio nazionali e internazionali, che hanno ritardato o vietato la consegna e / o l’installazione dei nostri prodotti”, ha affermato Zemba.

A causa di una diminuzione della domanda dei clienti, l’azienda è stata costretta a tagliare i costi riducendo l’organico, i licenziamenti, le riduzioni salariali e la spesa complessiva. Grazie alla riduzione delle spese, ExOne ha risparmiato circa $ 2 milioni nel secondo trimestre e prevede ulteriori risparmi di $ 3 milioni entro il 2021. Le spese operative totali dell’azienda sono diminuite del 21% da $ 8,7 milioni nel secondo trimestre 2019 a $ 6,9 milioni nel secondo trimestre 2020.

Il calo delle entrate di ExOne si è riflesso nel settore della stampa 3D poiché la pandemia COVID-19 continua a influenzare la domanda dei clienti. 3D Systems ha annunciato una rifocalizzazione strategica dopo aver registrato un calo del 28% dei ricavi. Allo stesso tempo, Stratasys taglierà il 10% della sua forza lavoro , segnalando cali simili.

Zemba ha aggiunto che il consumo dei materiali dell’azienda è principalmente responsabile del calo dei ricavi dell’azienda. Tra il primo e il secondo trimestre del 2020, la riduzione dei ricavi dei materiali da parte di ExOne è stata responsabile di $ 800.000 del calo di $ 900.000 che l’azienda ha subito. “C’è stato un sacco di accaparramento di materiali, una sorta di mentalità da carta igienica che ha avuto luogo nel mese di marzo per la maggior parte”, ha detto Zemba.


ExOne ha grandi speranze per il lancio della sua stampante 3D X1 160Pro nel terzo trimestre del 2020 (foto a sinistra). Immagine tramite ExOne.
“Molti dei nostri clienti, a causa delle restrizioni in atto, o anche solo di fattori macroeconomici, non utilizzavano le stampanti con la stessa intensità che avrebbero normalmente. Pertanto il consumo era inferiore e non era necessariamente necessario aumentare l’offerta di materiali “, ha aggiunto.

In una prospettiva per il 2020, Zemba ha espresso la fiducia che l’ampio portafoglio ordini della società sarebbe stato soddisfatto senza cancellazioni. I notevoli depositi pagati dai propri clienti per le macchine e il fatto che molti dei sistemi siano stati preinstallati proteggeranno ExOne da eventuali prelievi. “In generale, direi che il rischio di annullamenti rispetto ai nostri contratti di sistema è piuttosto basso”, ha affermato Zemba.

“I contratti generalmente non hanno clausole risolutive unilaterali in cui puoi semplicemente ritirarti prima di consegnare il prodotto. Siamo abbastanza ben protetti da questo punto di vista “, ha aggiunto il CEO.

In conclusione, Zemba ha riassunto che la flessibilità del prossimo sistema X1 160 Pro dell’azienda guiderà la crescita futura in una vasta gamma di settori. “Abbiamo avuto interesse in tre o quattro spazi diversi. Quindi la cosa bella è che la nostra piattaforma è molto versatile. Tuttavia, per chiunque sia alla ricerca di parti metalliche ad alto volume tramite una produzione decentralizzata, il 160 è una grande opportunità per loro “, ha affermato Zemba.

“Sta attraversando tutti i nostri mercati finali, quindi siamo molto entusiasti di questa piattaforma. Di nuovo, siamo in programma con esso. Stiamo progettando di spedire verso la fine di quest’anno. Ma non riconosceremo le entrate su questo fino al 2021 “, ha concluso il CFO di ExOne.

Be the first to comment on "ExOne , ha registrato un calo delle entrate per il secondo trimestre del 2020"

Leave a comment