Ex BioBots ora Allevi Bioprinting 3D nello spazio esterno con Made in Space

Allevi e Made in Space Partner Up for New Initiative: Bioprinting 3D nello spazio esterno

La società di bioprinting 3D Allevi , precedentemente nota come BioBots , è in una missione per rendere più facile agli scienziati e ai ricercatori progettare e ingegnerizzare i tessuti 3D. L’azienda, fondata quattro anni fa, sviluppa bioprintess in 3D , software e bioink  allo scopo di risolvere i problemi biomedici più difficili che affliggono il nostro mondo, come le malattie e l’eliminazione della lista d’attesa dell’organo.

Ma ora, Allevi si sta preparando a portare il suo lavoro di biostampa 3D fuori da questo mondo con una nuova iniziativa.

Da quando la corsa allo spazio è iniziata alla fine degli anni ’50 e ha portato al primo uomo sulla luna, l’umanità ha lavorato duramente per conquistare la vastità dello spazio. La stampa 3D ha aiutato in questa ricerca, dall’invio di astronauti nello spazio  per la ricerca e la sperimentazione e consentendo loro di fabbricare oggetti in assenza di gravità e di microgravità per creare strumenti , forniture mediche e persino habitatnello spazio. L’esplorazione spaziale ha anche portato alla creazione di strumenti pratici sulla Terra come joystick, dispositivi GPS e termometri. Quest’ultimo ci riporta al settore medico, e l’obiettivo di Allevi degli organi sostitutivi di bioprinting in 3D per l’uomo.

“Mentre continuiamo a comprendere le capacità e i vincoli della biofabbricazione 3d qui sulla Terra, la capacità di esplorare la funzione cellulare nello spazio potrebbe permetterci nuove scoperte di forme e funzioni di organo mai studiate prima”, ha scritto Allevi .

Gli astronauti possono studiare le cose in un modo completamente nuovo quando non devono preoccuparsi dei vincoli della gravità e la stampa 3D può contribuire ad aumentare le loro capacità in queste situazioni. Questo è uno dei punti focali della società di stampa 3D e tecnologia spaziale californiana  Made In Space , che è responsabile dell’introduzione della stampa 3D alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) quattro anni fa. Avere la possibilità di stampare in 3D parti e strumenti importanti a bordo dell’ISS aiuta gli astronauti a completare i loro compiti  nello spazio.

Ora, Made In Space e Allevi stanno lavorando insieme per sviluppare Allevi ZeroG – il primo bioprinter 3D nello spazio. Le due società hanno lanciato l’iniziativa congiuntamente alla recente conferenza ISS a San Francisco e hanno anche trovato i primi due utenti della nuova piattaforma di biostampa 3D negli astronauti Mark Vendei Hei e Randy Bresnik, che Allevi afferma sono entusiasti di essere a bordo.

Allevi ha sviluppato un estrusore compatibile, opportunamente chiamato bio-estrusore ZeroG, che è in grado di essere equipaggiato nell’impianto di produzione additiva di Made In Space attualmente a bordo dell’ISS. Questo nuovo bio-estrusore renderà possibile agli scienziati che utilizzano la piattaforma di bioprinting di Allevi 3D di eseguire esperimenti nello spazio, e di tornare a casa sulla Terra, allo stesso tempo, al fine di osservare e studiare eventuali differenze biologiche che si verificano quando la stampa 3D con gravità e senza di essa.

“Siamo entusiasti di continuare a rivoluzionare il modo in cui studiamo la biologia, non solo sul terreno ma ora nello spazio”, ha scritto Allevi. “E forse un giorno, l’Allevi ZeroG aiuterà gli astronauti negli organi sostitutivi in ​​bioprinting in 3D per i viaggi nello spazio profondo. Siamo entusiasti di partecipare a questa corsa spaziale di prossima generazione. ”
La NASA e aziende come Made In Space sono già al lavoro per la ricerca e la creazione di strumenti da utilizzare e luoghi per vivere nello spazio. Ma se questa iniziativa Allevi ha successo, avere la capacità di creare organi bioprintesi in 3D nello spazio ci porterà un altro passo avanti verso la vita tra le stelle.

Be the first to comment on "Ex BioBots ora Allevi Bioprinting 3D nello spazio esterno con Made in Space"

Leave a comment