Evonik presenta la polvere PEBA usata per la stampa 3D polimerica

Può essere opprimente considerare il numero di materiali disponibili per la stampa 3D e ne vengono continuamente sviluppati di nuovi. Tuttavia, non è un processo facile o semplice creare un nuovo materiale di stampa 3D, motivo per cui i materiali che sono prevalenti altrove nella produzione a volte richiedono del tempo per arrivare nel settore della stampa 3D. L’ammide dei blocchi di polietere o PEBA è uno di questi materiali. L’elastomero termoplastico flessibile ha numerose e varie applicazioni di produzione, ma raramente è stato visto nella stampa 3D. Tuttavia,  Evonik  ha annunciato lo sviluppo di una nuova polvere PEBA per la sinterizzazione laser, la sinterizzazione ad alta velocità e il binder jetting.

I vantaggi del PEBA includono eccellenti proprietà meccaniche e dinamiche, tra cui flessibilità, resistenza all’impatto, ritorno di energia e resistenza alla fatica. È resistente a molti prodotti chimici e mantiene le sue proprietà in un ampio intervallo di temperature. Viene usato frequentemente per le suole delle scarpe sportive, in prodotti medici come i cateteri e in elettronica per prodotti come rivestimenti di cavi e fili. PEBA può anche essere utilizzato per produrre tessuti.

I prodotti stampati in 3D realizzati con la nuova polvere PEBA di Evonik offrono flessibilità, resistenza chimica e durata in un intervallo di temperature da -40 ° C a 90 ° C. La polvere è particolarmente adatta alla produzione di parti in plastica altamente tecnologiche funzionali, inclusi sia i prototipi che i componenti di serie.

“I materiali polimerici flessibili ampliano in modo significativo le opzioni per la produzione additiva perché ci consentono di realizzare applicazioni nuove e impegnative in mercati interessanti”, ha dichiarato Fabian Stoever, Senior Product Manager di Polymers di EOS . “Inoltre, la varietà di materiali ci consente non solo di produrre singoli componenti funzionali high-tech, ma anche di sviluppare concetti 3D molto più sofisticati che sfruttano l’intera gamma di materiali.”
La nuova polvere PEBA è stata ottimizzata per l’uso nei sistemi di sinterizzazione laser EOS come parte di una collaborazione di sviluppo tra EOS ed Evonik. È già stato adottato con successo nei portafogli materiali di diversi fornitori di servizi di stampa 3D. EOS commercializza la polvere con il nome “PrimePart ST”.

“I nuovi prodotti innovativi sviluppati in progetti su misura in stretta collaborazione con i nostri clienti costituiscono un’importante pietra miliare della nostra crescita organica”, ha dichiarato Thomas Große-Puppendahl, responsabile della linea di prodotti ingegnerizzati di Evonik.
Evonik produce da tempo polveri polimeriche per la stampa 3D , e lo sviluppo di PEBA espande ulteriormente il suo portafoglio di materiali. L’azienda è leader mondiale nella produzione di polveri in poliammide 12 (PA 12), utilizzate da oltre vent’anni nella stampa 3D. Con l’aiuto di EOS, Evonik introdurrà PEBA nel mondo della stampa 3D, aprendo la porta a una varietà di nuove applicazioni.

Se desideri saperne di più sul PEBA e sugli altri materiali di stampa 3D ad alte prestazioni di Evonik, la società sarà presente allo stand n. 4117 alla fiera di lavorazione delle materie plastiche Fakuma , che si terrà dal 16 al 20 ottobre a Friedrichshafen, Germania.

Be the first to comment on "Evonik presenta la polvere PEBA usata per la stampa 3D polimerica"

Leave a comment