Evonik e il polimero compatibile per uso alimentare per la Hp Jet Fusion

Sembra che la piattaforma di stampa a getto di fusione 3D di HP stia diventando sempre più attraente . Fino a dieci volte più veloce rispetto alle macchine concorrenti e in grado di abbattere i costi di produzione fino al 50 per cento, la stampante a getto di fusione 3D ha già il potenziale per essere effettivamente utilizzata per la produzione su scala industriale. In realtà, HP utilizza la stessa tecnologia di 3D per stampare fino a metà di tutte le componenti in plastica delle loro stampanti a getto Fusion 3D. Nel frattempo HP sta rapidamente espandendo la  lista dei materiali compatibili, e lo specialista di polimeri tedesco Evonik ha ora rivelato che rilascerà un polimero per alimenti compatibile, approvato dalla FDA PA-12 una polvere per  stampare in 3D utensili, tazze, contenitori e piatti e non solo.

hp-labs-compiono-50-anni-02Questo ultimo annuncio è reso possibile dalla piattaforma di materiale personalizzato di HP, che è certamente un’altra cosa che rendono le loro stampanti a getto d’Fusion 3D così attraenti. Mentre molti produttori di stampanti 3D industriali cercano di monopolizzare il proprio mercato del materiale, HP mantiene quello che chiamano il modello Open Platform – attraverso il quale gli sviluppatori di materiali possono lavorare mano nella mano con HP per creare nuove polveri per la stampante Jet Fusion 3D.

Di conseguenza, HP sta rapidamente beneficiando delle competenze nei materiali dei vari partner esterni. Fra gli sviluppatori di materiali contribuiscono alle polveri di stampa 3D attraverso l’HP Open Platform troviamo Arkema, un’azienda chimica globale con sede in Francia; la BASF, il più grande produttore chimico nel mondo, con sede in Germania; e Lehmann & Voss, uno specialista di prodotti chimici e minerali, pure tedesco.

Evonik è ora quindi il nuovo partner, ed è uno dei leader mondiali nelle specialità chimiche. Anche se sono attivi in mercati chiave come la salute, l’alimentazione, l’efficienza delle risorse e la globalizzazione, la stampa 3D è sempre più  sul radar Evonik. L’azienda costruisce già una serie di polveri di poliammide  per la stampa 3D con il marchio VESTOSINT. Queste polveri sono prodotte nello stabilimento di Evonik a Marl, in Germania, con un processo di produzione brevettato. Per soddisfare la crescente domanda di materiali di stampa 3D, Evonik ha  precedentemente dichiarato che sta per  espandere i propri impianti di produzione  VESTOSINT di circa il 50 per cento, con una nuova linea di produzione che dovrebbe iniziare le operazioni alla fine del 2017.

In particolare Evonik  inizialmente incorporerà il loro VESTOSINT® 3D Z2773 nel programma Open Platform di HP. Oltre a una fantastica proprietà meccanica  di questa nuova PA-12 in polvere, il suo più grande punto vendita è che questo materiale è stato approvato dalla FDA per il contatto con alimenti – il che significa che gli utenti Jet Fusion di HP possono utilizzare questa polvere PA-12  per oggetti di stampa 3D che attivamente vengono a contatto con alimenti. “L’uso di additivi tecnologie di produzione di pezzi per attrezzature di produzione di alimenti che richiedono flessibilità grazie alla quantità limitate o uniche, o da disegni complessi è concepibile”, dicono i tedeschi.

Be the first to comment on "Evonik e il polimero compatibile per uso alimentare per la Hp Jet Fusion"

Leave a comment