Evonik celebra il 40 ° anniversario del suo polimero esclusivo, PEBA, con il suo rilascio per la stampa 3D.

L’azienda di prodotti chimici speciali Evonik celebra il 40 ° anniversario del suo polimero esclusivo, PEBA, con il suo rilascio per la stampa 3D.

L’ultima volta che abbiamo parlato di Evonik nell’agosto 2018, la società tedesca ha annunciato lo sviluppo del materiale. Con il prodotto di riferimento già in uso per progetti selezionati, viene ora utilizzato per celebrare cerimonialmente il quarantesimo compleanno del suo polimero madre.

Una breve storia di PEBA
Dalla sua uscita 40 anni fa, PEBA (polietere block amide) ha influenzato molte nicchie e industrie. La sua versione in polvere 3D è ora l’ultima di una lunga serie di iterazioni sul materiale.

PEBA è un elastomero termoplastico, una miscela polimerica che ha caratteristiche sia di plastica che di gomma. Il materiale è particolarmente noto per la resilienza ai prodotti chimici, un alto grado di flessibilità e resistenza a temperature che vanno da -40 ° C a 90 ° C. Questa adattabilità ha visto comunemente usato per sostituire altri elastomeri popolari come silicone e poliuretano.

Uno dei suoi usi più popolari è negli articoli sportivi. La versione PA 12 di PEBA è estremamente leggera e si trova comunemente nelle scarpe da ginnastica di fascia alta in vari sport. Grazie alla sua resistenza all’acqua, è anche estremamente popolare per l’uso in sport esposti all’acqua o alla neve, come nelle scarpe da trekking o sci / snowboard, e come rivestimento protettivo per sci e snowboard stessi.

Negli ultimi quattro decenni, PEBA ha anche trovato la sua strada in dispositivi medici, tessuti e cavi per dispositivi elettronici.

La prima polvere al mondo PEBA per la stampa 3D
La polvere, che Evonik definisce il primo materiale PEBA sintetico flessibile da utilizzare nella stampa 3D, è ideale per realizzare parti 3D funzionali utilizzando metodi come la sinterizzazione laser, la sinterizzazione ad alta velocità e il binder jetting.

È facile immaginare che la nuova polvere utilizzata nella stampa di parti 3D nei settori menzionati in precedenza PEBA si sia già radicata. Ma non è così facile speculare sulle possibilità che il prodotto di riferimento si aprirà. Per Senior Product Manager for Polymers di EOS Fabian Stoever, queste possibilità sono enormi.

“I materiali polimerici flessibili ampliano in modo significativo le opzioni per la produzione additiva perché ci consentono di realizzare applicazioni nuove e impegnative in mercati interessanti”, afferma Stoever.

La multinazionale EOS collabora da anni con Evonik e ha già utilizzato il materiale nei suoi sistemi di sinterizzazione laser. E come molti altri materiali 3D, l’utilizzo di PEBA consente una produzione più economica di singoli articoli, piccoli lotti e prototipi. Consente inoltre una maggiore personalizzazione in base alle esigenze specifiche dell’utente finale, in parte perché è stato così popolare in campo medico e atletico.

Naturalmente PEBA non è il primo materiale 3D di Evonik: sono stati per un po ‘al gioco e il loro catalogo comprende essere il leader mondiale nella produzione di polveri in poliammide 12 (PA 12), uno dei materiali in polvere più vecchi utilizzati per la stampa 3D.

Attraverso partnership chiave, come con EOS e HP , Evonik intende continuare ad ampliare la propria portata e dimostrare che l’utilità del PEBA è flessibile quanto il prodotto stesso.

Be the first to comment on "Evonik celebra il 40 ° anniversario del suo polimero esclusivo, PEBA, con il suo rilascio per la stampa 3D."

Leave a comment