Esperti dell’Università di Zurigo ha sviluppato strumenti automatizzati per eseguire patologie forensi sui cadaveri.

I medici legali hanno usato la stampa 3D per creare un set post mortem a basso costo

Le indagini penali, i decessi insoliti, le vittime di catastrofi e i controlli di qualità negli ospedali dipendono fortemente dalle autopsie. Nel campo della medicina legale, il corpo è una prova cruciale e può fornire indizi per determinare la causa della morte. Tuttavia, i costi della medicina legale tendono ad aumentare, motivo per cui da alcuni anni un gruppo di esperti dell’Università di Zurigo , in Svizzera, ha sviluppato strumenti automatizzati per eseguire patologie forensi sui cadaveri.

Uno degli sviluppi più interessanti del team in una serie di innovazioni è un’angiografia tomografica computerizzata postmortem molto conveniente, o kit PMCTA. Combinando la stampa 3D con parti reperibili in qualsiasi negozio di ferramenta locale, il gruppo di esperti è stato in grado di assemblare un kit PMCTA per $ 120. E la parte migliore è che chiunque può trovare i modelli 3D stampabili come file STL e le parti ottenute dal negozio di hardware, con le loro specifiche dettagliate online su virtopsy.com .

Il PMCTA è un utile complemento di un’autopsia reale, poiché aiuta ad aumentare la qualità della diagnosi post mortem. E mentre le moderne tecniche di imaging come CT e MRI sono spesso utilizzate nella patologia forense, la tecnica PMCTA affronta altri problemi, come il contrasto dei tessuti molli e la scarsa visualizzazione del sistema vascolare, in modo che utilizzando agenti di contrasto nel corpo, gli esaminatori possano identificare alcuni perdite possibili o potenziali. Secondo un documento intitolato “ Fattibilità della pompa ad immersione molto economica per l’angiografia TC post mortem”, Pubblicato da Wolf Schweitzer, Patricia Mildred Flach, Michael Thali, Patrick Laberke e Dominic Gascho del Dipartimento di medicina legale e imaging dell’università, il PMCTA, in generale, è diventato noto per aiutare a risolvere casi patologici forensi particolarmente delicati, anche in corpi decomposti .

Michael Thali, presidente dell’Istituto di medicina legale dell’Università di Zurigo, ha affermato che strumenti come il PMCTA “stanno aprendo un mondo completamente nuovo di medicina legale, uno che potrebbe accelerare il campo” e che “usando tecniche come la risonanza magnetica, la TC, biopsia e angiografia, possiamo vedere dal 60 all’80% delle cause forensi della morte. “

Oggi, il PMCTA è diventato sempre più popolare sia per la ricerca che per l’indagine sui casi. Tuttavia, l’attuale soluzione commerciale leader per l’angiografia post mortem è una macchina che costa oltre $ 80.000, mentre un singolo scanner post mortem aggiunge altri $ 500 alla fattura già costosa. Gli specialisti dell’Università di Zurigo suggeriscono che tali costi sono proibitivi per molti patologi forensi. Questo è uno dei motivi per cui hanno avuto l’idea di un PMCTA a basso costo, accessibile a qualsiasi laboratorio forense in tutto il mondo.

Il team ha utilizzato materiali di consumo per negozi di ferramenta e stampa 3D per sviluppare un kit angiografico post mortem CT che chiunque poteva creare e utilizzare per soli $ 120 e ha persino caricato le istruzioni online, invece di brevettare il dispositivo. Parti del kit PMCTA richiedono una progettazione e una costruzione specifiche dedicate. A livello di progettazione, il team ha inizialmente utilizzato un approccio di modellazione parametrica e diretta ibrida, quindi ha trasferito la progettazione in un file in formato STL per un facile utilizzo su diverse piattaforme software. Hanno usato la stampa 3D per creare cateteri femorali, un raccordo a compressione cilindrica a spinta, un dispositivo per tubo a secchio e un set di laccio emostatico vascolare.

Il kit PMCTA fa parte del progetto Virtopsy, sviluppato da scienziati forensi dell’Università di Zurigo intorno al volgere del Millennio come progetto di ricerca applicata multidisciplinare per implementare le modalità di imaging dalla radiologia diagnostica e la tecnologia di rilevamento nelle scienze forensi. Da allora, l’approccio Virtopsy è diventato una procedura emergente se non la procedura standard nelle indagini forensi in tutto il mondo. Il termine Virtopsy è stato effettivamente utilizzato in una varietà di ambienti in tutto il mondo e utilizza tecnologie avanzate per aiutare e far evolvere la medicina legale. Virtopsy utilizza la tomografia computerizzata, la risonanza magnetica, la scansione ottica 3D della superficie, la fotogrammetria 3D e la stampa 3D per rilevare e documentare prove forensi in modo minimamente invasivo e indipendente dall’osservatore sia nei vivi che nei defunti.

Gli specialisti sono stati in grado di creare un kit molto conveniente e funzionale grazie alla stampa 3D. Il kit si adatta facilmente in una piccola valigia e non è né grande né pesante. Parliamo di abbattere i costi, questo kit PMCTA costa meno dell’1% di un PMCTA commerciale disponibile oggi sul mercato. Esistono già così tante sfide associate alla medicina legale, specialmente nei paesi in via di sviluppo, dove i finanziamenti per questo campo non sono molto imminenti, combinato con una carenza di patologi forensi e specialisti tecnici – un fatto scioccante, considerando quanto sia diventato popolare il campo dopo così tanti Gli spettacoli televisivi si sono concentrati sui compiti dietro le quinte di CSI e medicina legale.

In paesi come l’India, ad esempio, non c’è solo una carenza di esperti forensi, i mortuari mancano di strutture di base e il materiale di riferimento non è aggiornato . Inoltre, un unico obitorio a Barabanki, con un solo operatore sanitario e un solo medico di turno, ha effettuato 972 autopsie nel 2017, e questo è solo un esempio, ce ne sono molte altre. I progressi tecnologici sono un ottimo modo per affrontare alcune delle esigenze di base del settore, soprattutto quando i medici forensi di tutto il mondo possono scaricare le informazioni e costruire il kit da soli.

Be the first to comment on "Esperti dell’Università di Zurigo ha sviluppato strumenti automatizzati per eseguire patologie forensi sui cadaveri."

Leave a comment