Era stampata in 3d la pistola usata per uccidere una donna del Rhode Island la 54enne Cheryl Smith.

La pistola è stata usata per uccidere una donna del Rhode Island 3D stampata o no?

L’ argomento delle pistole stampate in 3D è stato a lungo un problema molto controverso . Ci sono molti professionisti del settore che credono che le pistole stampate in 3D non rappresentino una minaccia tanto grave quanto molti vogliono farci credere e che continueranno a esistere indipendentemente dal tipo di legislazione che tenta di ostacolare. Alcune persone stanno conducendo ricerche interessanti e stanno cercando di proteggerci dalle pistole stampate in 3D , mentre per alcuni sono affari come al solito , e altri stanno cercando di incassare le controversie nel mondo dello spettacolo .

L’estate scorsa, il piatto si è di nuovo mescolato con la notizia di un accordo tra il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e il designer di armi stampate in 3D open source Defense Distributed , gestito da Cody Wilson , che ha determinato che l’organizzazione non profit può pubblicare file, piani e Disegni 3D di pistole in qualsiasi forma.

Ora abbiamo un nuovo problema: una pistola stampata in 3D è stata presumibilmente utilizzata per uccidere una donna nel Rhode Island la scorsa settimana.

Il 23enne Jack Doherty e il 18enne Shaylyn Moran sono stati arrestati e stanno affrontando accuse dopo aver usato quella che la polizia crede fosse una pistola stampata in 3D da 9 mm per uccidere la 54enne Cheryl Smith.

Ci sono così tante cose strane in questa storia – prima di tutto, Smith era la madre dell’ex fidanzato di Moran Leonard Troufield, 21 anni. Il Providence Journal riferì che una specie di incidente domestico ebbe luogo tra Moran e Troufield in ottobre, e che Troufield fu accusato di condotta disordinata, nonché di semplice assalto domestico e batteria.

Secondo People , Doherty, di Albany, New York e Moran, di Pawtucket, RI, si sono incontrati solo di recente, con Facebook di Moran che conferma questo punto con un post del 31 dicembre 2019 che afferma che stava per “incontrare Jack”. Apparentemente, la coppia si fidanzò poche ore prima di andare a casa di Smith a Pawtucket il giorno di Capodanno con quella che la polizia crede fosse una pistola stampata in 3D.

Alle 20:15 del 1 ° gennaio, la polizia ha risposto a una chiamata del 911 a casa di Smith e l’ha trovata affetta da più ferite da arma da fuoco al petto ; anche il vetro della porta d’ingresso era stato frantumato. Fu dichiarata morta al Rhode Island Hospital poco dopo.

“Pensavo che qualcuno fosse stato appena colpito in un incidente là fuori per la strada, e lo lasciasse a quello”, ha spiegato il vicino di Smith, Charles Purcell, 84 anni, quando ha detto di aver sentito lo sparo. “Poi mio nipote venne di corsa al piano di sotto e disse: ‘Nonno, ho sentito tre spari e sembravano provenire dalla porta accanto.'”

Boston.com riferisce che la polizia “ha visto un uomo nero in abiti scuri uscire di scena” e ha sentito che probabilmente stava presso un Hampton Inn nelle vicinanze. Lì trovarono Doherty e Moran e li arrestarono; Apparentemente Doherty ha tentato di accusare il detective della polizia di Pawtucket Justin Gould, che lo ha rapidamente sottomesso.

La polizia ha dichiarato di aver trovato la pistola da 9 mm in possesso di Doherty al suo arresto. Detective Sgt. Christopher E. LeFort ha affermato che l’arma era simile a una verdastra che Doherty teneva in un altro post di Facebook. Fu accusato di sette conteggi, tra cui omicidio di primo grado, cospirazione, portando una pistola o un revolver senza licenza o permesso e resistendo all’arresto, all’assalto e alla batteria, mentre Moran fu accusato di cospirazione e omicidio di primo grado. Dopo essere stata assegnata a difensori pubblici, la coppia omicida è stata accusata la scorsa settimana. Né Moran né Doherty hanno presentato un ricorso e sono trattenuti senza cauzione, con la prossima data del tribunale prevista per il 16 gennaio.

Un’altra cosa strana in questo caso è che l’ex fidanzato di Moran Troufield era a casa di sua madre quando le hanno sparato – quindi perché non l’hanno ucciso anche lui? LeFort ha affermato che la polizia non è ancora pronta a rispondere.

Quindi, sebbene questa sia una storia molto triste, ecco la parte a cui probabilmente tutti siete veramente interessati: l’arma trovata su Doherty durante il suo arresto è stata stampata in 3D o no? Shawn su LooseRounds.com aveva alcune parole forti da dire a riguardo, scrivendo che “I poliziotti sono poliziotti, il 99,9 per cento di loro non avrebbero conosciuto una pistola stampata in 3D se l’avessero tolta dalla stampante da soli”. il detective ha detto che gli investigatori stanno ancora esaminando la pistola, che “sembra” essere stata stampata in 3D. Ha seguito un’altra affermazione forte: “In altre parole, non ne hanno idea.”

Un forum su AR15.com si collega a un articolo su Motif , in cui si afferma che la sua indagine “getta seri dubbi” sul fatto che questa pistola sia stata effettivamente stampata in 3D.

“In risposta alla nostra inchiesta, il detective sergente Christopher LeFort del dipartimento di polizia del dipartimento di polizia di Pawtucket ha detto a Motif in un messaggio di posta elettronica:” Per quanto riguarda l’arma, verranno condotti ulteriori esami e prove per determinare se in realtà si tratta di una arma da fuoco stampata i 3d o qualche altro kit da casa “, afferma la rivista.

La rivista basata sulla Provvidenza ha anche contattato le armi da fuoco locali e l’esperto di legge James Archer, che è stato attento a notare che la sua opinione si basa solo sul guardare le immagini della pistola e non sull’arma stessa:

“Se l’implicazione è che la pistola è stata stampata su una stampante per hobby [plastica], allora gran parte di essa non avrebbe potuto essere. Inoltre, le pistole stampate in 3D funzionano in genere per alcuni colpi e poi si sfaldano. Supponendo che sia vero che la pistola è stata in qualche modo fabbricata dal suo proprietario, è stata probabilmente prodotta con un kit ”, ha dichiarato Archer a Motif .

Motif scrive che Archer ha anche affermato che la canna della pistola di Doherty è in metallo e non in plastica, ed è stata incisa con il calibro, che ha dichiarato che nessuno avrebbe fatto con una stampante 3D. Inoltre, Archer ha affermato che il grilletto aveva una leva di sicurezza che “nessuno si preoccuperebbe di includere con un’arma da fuoco stampata in 3D” e che mentre il ricevitore è di plastica, “non è raro in un’arma da fuoco commerciale”.

“La guida per accessori è troppo perfetta per essere stampata in 3D e in effetti l’impugnatura sull’impugnatura è troppo bella per una stampante 3D per hobbisti”, ha concluso Archer nel suo messaggio a Motif . “Vorrei avere una foto sotto la guida dove sarebbe il numero di serie. Ciò probabilmente risponderebbe alla domanda. Le pistole del kit hanno il rientro dove andrebbe un numero seriale, ma è vuoto. Una pistola stampata in 3D non avrebbe questo. “

Be the first to comment on "Era stampata in 3d la pistola usata per uccidere una donna del Rhode Island la 54enne Cheryl Smith."

Leave a comment